Ordine del Servizio alla patria nelle forze armate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine del Servizio alla patria nelle forze armate
Орден «За службу Родине в Вооружённых Силах СССР»
Flag of the Soviet Union.svg
Unione Sovietica
Status cessato
Istituzione Mosca, 28 ottobre 1974
Cessazione Mosca, 1991
Gradi I classe
II classe
III classe
Precedenza
Ordine più alto Ordine della Gloria
Ordine più basso -

L'Ordine per il Servizio alla patria nelle forze armate (russo: Орден "За службу Родине в Вооружённых Силах"), conosciuto anche come "Ordine per il servizio alla madrepatria", fu un'onorificenza militare sovietica introdotta il 28 ottobre 1974, divenendo la prima decorazione militare creata dopo la seconda guerra mondiale.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il suo statuto, l'ordine era assegnato per "esemplare servizio nelle forze armate, sia durante la guerra che in tempi di pace". L'insignito era prima decorato con la 3ª classe, poi, se proseguiva nelle azioni meritevoli, con la 2ª e 1ª classe. Come nel civile Ordine della Gloria del lavoro, su cui era modellato, offriva un certo numero di benefici materiali ai suoi proprietari, come aumenti di pensione e trasporti pubblici urbani gratuiti.

Fino al 1989, furono assegnate:

  • 13 medaglie di 1ª classe (il minor numero di assegnazioni nell'Unione Sovietica)
  • 589 medaglie di 2ª classe
  • 69576 medaglie di 3ª classe

Medaglie e nastri[modifica | modifica wikitesto]

Prima classe Seconda classe Terza classe
Order For Service to the Homeland 1.jpg Order For Service to the Homeland 2.jpg Order For Service to the Homeland 3.jpg
Nastri
Order service to the homeland1 rib.png Order service to the homeland2 rib.png Order service to the homeland3 rib.png

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lemma "Ordini dell'URSS" sulla Grande Enciclopedia Sovietica
  • Decisione del Praesidium del Soviet Supremo dell'URSS, datato 28 ottobre 1974, compreso nella Raccolta di atti legislativi relativi ai riconoscimento di Stato dell'URSS, M. Izvestia, 1984.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]