Ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham
Chiesa latina
Personal Ordinariate of Our Lady of Walsingham.svg  
Ordinario Keith Newton
Sacerdoti 57 di cui 57 secolari e 0 regolari
26 battezzati per sacerdote
Battezzati 1.500
Parrocchie 31
Erezione 15 gennaio 2011
Rito romano (uso anglicano)
Santi patroni John Henry Newman
(9 ottobre)
Indirizzo c/o Catholic Bishops' Conference of England and Wales, 39 Eccleston Square, London SW1V 1BX
Sito web www.ordinariate.org.uk
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Inghilterra

L'ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham è una sede della Chiesa cattolica immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2012 contava 1.500 battezzati. È attualmente retta dall'ordinario Keith Newton.

Il patrono è il beato John Henry Newman.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'ordinariato, in conformità a quanto stabilito dalla costituzione apostolica Anglicanorum coetibus, estende la propria giurisdizione sui fedeli provenienti dall'anglicanesimo che siano residenti nel territorio corrispondente alla giurisdizione della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles e manifestino per iscritto la volontà di farne parte[1]. Esistono, tuttavia, alcune comunità aderenti all'ordinariato anche nel territorio appartenente alla Conferenza Episcopale di Scozia[2].

Alla fine del 2012 l'ordinariato non aveva ancora un proprio edificio di culto; il 2 gennaio 2013 è stato annunciato l'affidamento all'ordinariato della chiesa di Our Lady of the Assumption and Saint Gregory, situata nel quartiere londinese di Soho[3], ma non è stata ancora designata la chiesa principale dell'ordinariato[4].

Il territorio è suddiviso in 31 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Newton, Burnham e Broadhurst, nel giorno dell'ordinazione.

Le origini dell'ordinariato possono essere fatte risalire al 4 novembre 2009, quando papa Benedetto XVI con la bolla Anglicanorum coetibus rese possibile l'istituzione secondo il Codice di diritto canonico di ordinariati personali per gli appartenenti al clero ed i fedeli anglicani che esprimano il desiderio di ritornare nella piena comunione con la Chiesa cattolica consentendo loro di mantenere i riti e le tradizioni proprie dell'anglicanesimo se compatibili con la dottrina cattolica. La proposta fu accolta con favore sia da singoli membri della Comunione anglicana appartenenti al movimento anglo-cattolico sia da gruppi che già in precedenza erano fuoriusciti dalla comunione anglicana come, ad esempio, la Traditional Anglican Communion.

L'ordinariato è stato eretto con il decreto The supreme law della Congregazione per la dottrina della fede ed approvato da papa Benedetto XVI il 15 gennaio 2011[1] nel giorno dell'ordinazione presbiterale di tre ex vescovi della Chiesa anglicana, Keith Newton, nominato primo ordinario, Andrew Burnham e John Broadhurst che erano stati accolti nella Chiesa cattolica con la confermazione il precedente 1º gennaio insieme ad alcuni membri delle loro famiglie ed a tre suore della Society of St Margaret in Walsingham che rappresentano la prima comunità religiosa dell'ordinariato[5]. Nei mesi successivi sono stati ordinati sacerdoti per l'ordinariato altri due ex vescovi anglicani, il 18 febbraio David Silk ed il 5 marzo Edwin Barnes.

Con l'inizio della Quaresima del 2011 i membri di alcuni gruppi di ex anglicani sono stati accolti dall'ordinariato come candidati e durante la settimana santa, dopo un periodo di formazione, poco meno di mille fedeli sono stati accolti nella Chiesa cattolica[6]; l'ordinariato ha pubblicato una lista[7] di 53 ex ministri anglicani candidati al sacerdozio, e 3 candidati al diaconato (uno dei quali al diaconato permanente) che intorno a Pentecoste hanno ricevuto l'ordinazione dopo aver ottenuto il consenso della Congregazione per la dottrina della fede[8].

Il 27 marzo 2012 è stato ordinato ed incardinato nel clero dell'ordinariato il sesto ex vescovo anglicano, Robert Mercer; a differenza dei primi cinque, Mercer non proveniva direttamente dalla Comunione anglicana in quanto membro di una chiesa aderente alla Traditional Anglican Communion, la Chiesa anglicana cattolica del Canada, della quale aveva anche ricoperto il ruolo di primate tra il 1988 ed il 2005[9][10].

Nel gennaio 2013 è stato accolto nell'Ordinariato un gruppo di undici suore anglicane, comprendente la madre superiora ed una sorella che aveva ricevuto l'ordinazione sacerdotale per la chiesa anglicana, appartenenti alla Community of St Mary the Virgin[11] che hanno formato la comunità delle Sisters of the Blessed Virgin Mary eretta con decreto dell'ordinario[12].

Cronotassi degli ordinari[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'ordinariato al termine dell'anno 2012 contava 1.500 battezzati.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
2012 1.500  ?  ? 57 57 26 31

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Decree of Erection of the Personal Ordinariate of Our Lady of Walsingham (PDF) in catholic-ew.org.uk, 15 gennaio 2011. URL consultato il 18 gennaio 2011.
  2. ^ (EN) Ordinariate groups and exploration groups in ordinariate.org.uk. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  3. ^ (EN) London church designated for Ordinariate use in ordinariate.org.uk, 2 gennaio 2013. URL consultato il 22 marzo 2013.
  4. ^ (EN) Principal church in ordinariate.org.uk. URL consultato il 22 marzo 2013.
  5. ^ The Personal Ordinariate of Our Lady of Walsingham - Religious Community. URL consultato il 6 maggio 2011.
  6. ^ (EN) Diaconal Ordinations in Cambridge in ordinariate.org.uk, 28 aprile 2011. URL consultato il 6 maggio 2011.
  7. ^ (EN) Prospective Candidates for Ordination in ordinariate.org.uk, 24 aprile 2011. URL consultato il 6 maggio 2011.
  8. ^ (EN) The Personal Ordinariate of Our Lady of Walsingham - FAQ - 15. The ongoing process. URL consultato il 21 marzo 2011.
  9. ^ (EN) Another Anglican Bishop Answers Pope Benedict's Call to Unity in The Anglo-Catholic, 7 gennaio 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  10. ^ (EN) Another Former Anglican Bishop in The Anglo-Catholic, 27 marzo 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  11. ^ (EN) Historic community of anglican nuns to join Ordinariate in ordinariate.org.uk, 12 dicembre 2012. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  12. ^ (EN) Ordinariate establishes new community of sisters in ordinariate.org.uk, 1º gennaio 2013. URL consultato il 22 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi