Opere e documenti di papa Benedetto XVI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il seguente elenco raccoglie tutte le opere e i documenti di papa Benedetto XVI.

Documenti pontifici[modifica | modifica sorgente]

Il primo documento ufficiale di papa Benedetto XVI è l'Ordo rituum pro ministerii Petrini initio Romae episcopi (in italiano: Riti per l'inizio del ministero petrino del vescovo di Roma), approvato dal pontefice il giorno seguente la sua elezione, il 20 aprile 2005,[1] in sostituzione del vecchio rito di incoronazione dei papi.

Annuari Pontifici[modifica | modifica sorgente]

  • Annuario Pontificio 2006 (2006).
  • Annuario Pontificio 2007 (2007).
  • Annuario Pontificio 2008 (2008).
  • Annuario Pontificio 2009 (2009).
  • Annuario Pontificio 2010 (2010).
  • Annuario Pontificio 2011 (2011).
  • Annuario Pontificio 2012 (2012).

Encicliche[modifica | modifica sorgente]

Esortazioni apostoliche[modifica | modifica sorgente]

Motu proprio[modifica | modifica sorgente]

  • L'antica e venerabile Basilica (31 maggio 2005).
  • L’approvazione e la pubblicazione del Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica (28 giugno 2005).
  • Totius orbis (9 novembre 2005).
  • De aliquibus mutationibus in normis de electione Romani Pontificis (11 giugno 2007)
  • Summorum Pontificum (7 luglio 2007).
  • Antiqua ordinatione (21 giugno 2008).
  • Ecclesiae unitatem (2 luglio 2009).
  • Approvazione del nuovo statuto dell'Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica (ULSA) (7 luglio 2009)
  • Omnium in mentem (26 ottobre 2009)[5]
  • Ubicumque et semper (21 settembre 2010)[6]
  • Prevenzione e contrasto delle attività illegali in campo finanziario e monetario (30 dicembre 2010)[7]
  • Quaerit Semper (30 agosto 2011)[8]
  • Porta fidei (11 ottobre 2011).
  • Latina lingua (10 novembre 2012).
  • Intima Ecclesiae natura (11 novembre 2012).
  • Fides per docrtinam (16 gennaio 2013).
  • Ministrorum institutio (16 gennaio 2013).
  • Normas nonnullas (22 febbraio 2013).

Costituzioni apostoliche[modifica | modifica sorgente]

  • Carthaginensis (24 maggio 2005).
  • Gulbargensis (24 giugno 2005).
  • Sindhudurgiensis (5 luglio 2005).
  • Auguensis (8 luglio 2005).
  • Iaipurensis (20 luglio 2005).
  • Dominae Nostrae Naregensis (12 settembre 2005).
  • Yorensis (19 settembre 2005).
  • Serrignensis (21 settembre 2005).
  • Barianensis (22 novembre 2005).
  • Itanagariensis (7 dicembre 2005).
  • Miaoensis (7 dicembre 2005).
  • Buxarensis (12 dicembre 2005).
  • Fagarasiensis (14 dicembre 2005).
  • Uromiensis (14 dicembre 2005).
  • Maumerensis (14 dicembre 2005).
  • Pekhonensis (15 dicembre 2005).
  • Iovaiensis (28 gennaio 2006).
  • Nongstoinensis (28 gennaio 2006).
  • Bancoënsis (17 gennaio 2006).
  • Iashpuriensis (23 marzo 2006).
  • Kyrgyzstaniae (18 marzo 2006).
  • Novae Urbis (7 aprile 2006).
  • Sombotiensis (7 aprile 2006).
  • Celeiensis (7 aprile 2006).
  • Mariborensis (7 aprile 2006).
  • Moramangana (13 maggio 2006).
  • Banmavensis (28 agosto 2006).
  • Agbovillensis (14 ottobre 2006).
  • Sydneyensis (21 ottobre 2006).
  • Tigiuanaënsis et aliarum (25 novembre 2006).
  • Goana et Damanensis (25 novembre 2006).
  • Buiumburaënsis (25 novembre 2006).
  • Sancti Ioseph Pinealensis (6 dicembre 2006).
  • Sinuensis (26 gennaio 2007).
  • Nepalianus (10 febbraio 2007).
  • Riviangulanensi-Labradorensi (31 maggio 2007).
  • Shendamensis (2 giugno 2007).
  • Ioannesburgensis (5 giugno 2007).
  • Ioannesburgensis (5 giugno 2007).
  • Burkinae Fasanae et Nigris (12 giugno 2007).
  • Donkorkromensis (12 giugno 2007).
  • Niameyensis (25 giugno 2007).
  • Sandakanensis (16 luglio 2007).
  • Techimanensis (28 dicembre 2007).
  • Cassaviensis (30 gennaio 2008).
  • Bratislaviensis (30 gennaio 2008).
  • Prešoviensis (30 gennaio 2008).
  • Slovachia (14 febbraio 2008).
  • Florianensis (27 febbraio 2008).
  • Faiardensis-Humacaensis (11 marzo 2008).
  • Insulensem (30 marzo 2008).
  • Huariensis (4 aprile 2008).
  • Kotakina-Baluensis (23 maggio 2008).
  • Diacovensis-Osijekensis (18 giugno 2008).
  • Sirmiensis (18 giugno 2008).
  • Kribensis (19 giugno 2008).
  • Ottingensis (1º luglio 2008).
  • Nigromontana (2 luglio 2008).
  • Sinuvitullensis-Miragoanensis (13 luglio 2008).
  • Galapagensis (15 luglio 2008).
  • Kayangana (14 agosto 2008).
  • Rutana (17 gennaio 2009).
  • Hpaanensis (24 gennaio 2009).
  • Esquelensis (14 marzo 2009).
  • Namibensis (21 marzo 2009).
  • Libmanana (25 marzo 2009).
  • Oberensis (13 giugno 2009).
  • Mongensis (13 giugno 2009).
  • Anglicanorum coetibus (4 novembre 2009).
  • Gimaënsis-Bongana (5 dicembre 2009).
  • Gambellensis (5 dicembre 2009).
  • Sisciensis (5 dicembre 2009).
  • Bellovariensis-Crisiensis (5 dicembre 2009).
  • Russiae (9 dicembre 2009).
  • Donkorkromensis (19 gennaio 2010).
  • Hosannensis (20 gennaio 2010).
  • Malianensis (30 gennaio 2010).
  • Collegium Teutonicum S. Mariae in Coemeterio (18 febbraio 2010).
  • Sancti Ioannis Baptistae De Calama (20 febbraio 2010).
  • Tunetana (22 febbraio 2010).
  • Toamasinensis (26 febbraio 2010).
  • Quettensis (29 aprile 2010).
  • Insularum Comorensium (1º maggio 2010).
  • Ipilensis (1º maggio 2010).
  • Salicensis (16 giugno 2010).
  • Foederatae Civitates Americae Septentrionalis (15 luglio 2010).
  • Karogana (21 luglio 2010).
  • Bundana (27 novembre 2010).
  • Camassariensis (15 dicembre 2010).
  • Boënsis (15 gennaio 2011).
  • Ordinariatus Militaris in Bosnia et Herzegovia (1º febbraio 2011).
  • Lilongvensis (9 febbraio 2011).
  • Impfondensis (11 febbraio 2011).
  • Kondoaënsis (12 marzo 2011).
  • Machiquesensis (9 aprile 2011).
  • Malaniensis (12 aprile 2011).
  • Saurimoënsis (12 aprile 2011).
  • Passofundensis (13 aprile 2011).
  • Sanctae-Mariae (13 aprile 2011).
  • Pelotensis (13 aprile 2011).
  • Naviraiensis (1º giugno 2011).
  • Torontina (14 giugno 2011).
  • Sylethensis (8 luglio 2011).
  • Malaesia (27 luglio 2011).
  • Azerbaigianiensis (4 agosto 2011).
  • Gauana (30 novembre 2011).
  • Obidensis (9 novembre 2011).
  • Kabvensis (29 ottobre 2011).
  • Ceibensis (30 dicembre 2011).
  • Ifakarensis (14 gennaio 2012).
  • Robensis (11 febbraio 2012).
  • Tenkodogoënsis (11 febbraio 2012).
  • Segheneitensis (13 febbraio 2012).
  • Faridabadensis Syro-Malabarensium (6 marzo 2012).
  • Sanctae Familiae Londiniensis (18 gennaio 2013).[9]

Opere personali[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

Raccolte di testi[modifica | modifica sorgente]

Opere musicali[modifica | modifica sorgente]

  • Alma Mater - Musica dal Vaticano (2009).[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervento di Piero Marini alla facoltà di teologia dell'università di Friburgo.
  2. ^ Elenco delle encicliche nel sito ufficiale del Vaticano
  3. ^ Elenco delle esortazioni apostoliche nel sito ufficiale del Vaticano
  4. ^ Verbum Domini, Esortazione Apostolica Post-sinodale
  5. ^ Elenco dei Motu Propri nel sito ufficiale del Vaticano
  6. ^ Ubicumque et semper, Lettera Apostolica in formna di Motu Proprio, 21 settembre 2010 - Benedetto XVI
  7. ^ Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio per la prevenzione ed il contrasto delle attività illegali in campo finanziario e monetario, 30 dicembre 2010, Benedetto XVI
  8. ^ Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Quaerit semper, 30 agosto 2011
  9. ^ Elenco delle Costituzioni Apostoliche nel sito ufficiale del Vaticano
  10. ^ http://www.musicfromthevatican.com/it/news4.php