Catechismo di Pio X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Catechismo di San Pio X
Catechismo PioX.jpeg
Pagina autografa del Catechismo redatta da Pio X
Autore papa Pio X
1ª ed. originale 1905
Genere Letteratura cristiana
Sottogenere Catechismo
Lingua originale italiano
« - Chi è Dio?
- Dio è l'Essere perfettissimo, Signore del cielo e della terra. »
(Catechismo di San Pio X)

Il Catechismo di Pio X è una sintesi di un catechismo unico del Congresso Catechistico Nazionale svolto a Piacenza nel 1889[1][2] e quando divenne papa Pio X[3], nella Cattedra di San Pietro dopo due anni, venne esposto come disciplina con l'enciclica Acerbo Nimis e richiesto per la diocesi di Roma; è strutturato in domande brevi con relativa risposta. Il testo fu successivamente adottato in tutta Italia[4] [5]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il catechismo di Pio X detto più comunemente Catechismo di San Pio X dopo che l'autore divenne Santo come titolo originario Compendio della dottrina cristiana[6], meglio conosciuto come Catechismo Maggiore, nell'edizione del 1905[6], con 993 domande e risposte[7], e come Catechismo della dottrina cristiana nell'edizione del 1912[8][9] , con 433 domande e risposte.[10] Fu stampata anche l'edizione ridotta nota con il titolo Primi Elementi della Dottrina Cristiana[11] dedicata in particolare a bambini e ragazzi, contenente un minor numero di domande ed era a volte corredata di illustrazioni che sono rimaste nella memoria di due generazioni di italiani. Domande e risposte venivano normalmente fatte imparare a memoria durante la dottrina, pur contenendo a volte dei concetti difficili: l'idea che stava alla base di questo sistema di insegnamento è che memorizzare queste domande sarebbe tornato utile ai bambini una volta raggiunta l'età adulta, quando ne avrebbero compreso pienamente il significato. [12]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima che San Pio X componesse i suoi vari catechismi, erano adottati altri catechismi: Dottrina cristiana breve e Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana, composti dall'illustre cardinale San Roberto Bellarmino, i quali furono per tre secoli i catechismi ufficiali della Chiesa Cattolica[13]; il Catechismo del Concilio di Trento o Catechismo Tridentino e il catechismo di Pietro Canisio che apparve nel 1555 sotto il titolo di Summa doctrinae christianae[14], fu pensato come una risposta a Martin Lutero e fu ristampato, soltanto nel periodo in cui Canisio visse, ben 200 volte.

Quella di Pio X è un'opera fatta realizzare elaborando un testo precedente, da lui scritto come metodo per l'insegnamento della dottrina ai ragazzi quando era ancora vescovo di Mantova, avendo a che fare principalmente con povera gente figlia di una società contadina. Va considerata quindi come un'opera figlia del suo tempo, studiata per essere compresa da una società dove ancora la cultura era poco diffusa.[15]

Nel 1956 è stato scritto un manuale per la comprensione del Catechismo, Spiegazione del Catechismo di San Pio X, utile come guida per i catechisti o per la formazione dottrinale delle persone di ogni età.[16] Dopo il Concilio Vaticano Secondo il Catechichismo di San Pio X cadde generalmente in disuso e fu progressivamente abbandonato a favore di strumenti più recenti come il Catechismo Olandese[17] e il Catechismo della Chiesa Cattolica, pubblicato nel 1992.

Il Catechismo di Pio X oggi[modifica | modifica sorgente]

Al giorno d'oggi il Catechismo di Pio X viene elevato da molti come uno dei simboli della vecchia Chiesa preconciliare [18] e ne fanno l'uso più attivo i cattolici tradizionalisti.

Nell'ambito di un'intervista rilasciata al mensile cattolico 30 Giorni nel 2003, il cardinale Joseph Ratzinger, futuro papa Benedetto XVI, dichiarò a proposito:

« La fede come tale è sempre identica. Quindi anche il Catechismo di san Pio X conserva sempre il suo valore. Può cambiare invece il modo di trasmettere i contenuti della fede. E quindi ci si può chiedere se il Catechismo di san Pio X possa in questo senso essere considerato ancora valido oggi. Credo che il Compendio che stiamo preparando possa rispondere al meglio alle esigenze di oggi. Ma questo non esclude che ci possano essere persone o gruppi di persone che si sentano più a loro agio col Catechismo di san Pio X. Non bisogna dimenticare che quel Catechismo derivava da un testo che era stato preparato dallo stesso Papa quando era vescovo di Mantova. Si trattava di un testo frutto dell’esperienza catechistica personale di Giuseppe Sarto e che aveva le caratteristiche di semplicità di esposizione e di profondità di contenuti. Anche per questo il Catechismo di san Pio X potrà avere anche in futuro degli amici. »

Indici dei Catechismi di Papa San Pio X[modifica | modifica sorgente]

Compendio della Dottrina Cristiana[modifica | modifica sorgente]

Al Signor Cardinale Pietro Respighi nostro Vicario generale (1905)
Catechismo Maggiore
Lezione Preliminare
Parte prima: Il Credo o Simbolo apostolico
Parte seconda: Dell’orazione
Parte terza: Dei comandamenti di Dio e della Chiesa
Parte quarta: Dei sacramenti
Parte quinta: Delle virtù principali
Istruzione sopra le feste del Signore, della B. Vergine e dei Santi
Parte prima: Delle feste del Signore
Parte seconda: Delle feste solenni della B. Vergine e delle feste dei Santi
Breve storia della religione
Principii e nozioni fondamentali
Parte prima: Sunto di storia dell'Antico Testamento
Parte seconda: Sunto di storia del Nuovo Testamento
Parte terza: Brevi cenni di storia ecclesiastica
Appendice: Preghiere e formule
Indice
Gesù con i pargoli del pittore tedesco Carl Christian Vogel von Vogelstein, immagine adottata come copertina di Primi Elementi della Dottrina Cristiana[19] di San Pio X

Catechismo della Dottrina Cristiana[modifica | modifica sorgente]

Lettera di S.Pio X al Card. Respighi (1912)
Indulgenze
Preghiere e formule
Prime nozioni della fede cristiana
Parte I Credo ossia principali verità della fede cristiana
Parte II Comandamenti di Dio - Precetti della Chiesa - Virtù ossia morare cristiana
Parte III Mezzi della grazia - Sezione I - Sacramenti o mezzi produttivi
Parte III Mezzi della grazia - Sezione II - Orazione o mezzo impetrativo Capo unico
Appendice I Brevissimi cenni di storia della rivelazione divina
Appendice II Brevissimi cenni sulle feste cristiane - Anno ecclesiastico
Appendice III Avvertenze ai genitori e gli educatori cristiani
Indice generale

Primi Elementi della Dottrina Cristiana[modifica | modifica sorgente]

Indulgenze
Preghiere e formule
Verità principali della fede cristiana
Morale cristiana
Mezzi della grazia
Orazioni quotidiane
Per il santo sacrificio della Messa
Orazioni per la Confessione e l'Eucarestia
Indice delle materie

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Icilio Felici, L'apostolo del Catechismo in Il Papa dell'Eucarestia, Libreria opere eucaristiche, 1954, p.172 173 174.
  2. ^ P.G. Dal Gal, Capo V - Il Vescovo di Mantova (18 Aprile 1885 - 22 Novembre 1894) - Il «Catechismo unico in S. Pio X Papa, Edizioni Il Messaggero, 1954, p.143-144. :«Confermato sempre più nella sua antica idea della necessità di un Catechismo unico, appena ebbe la notizia del Congresso che si sarebbe riunito in Piacenza per studiare i mezzi ed i metodi migliori per l'insegnamento catechistico, si decise di preparare la sua mozione ed il suo voto»
  3. ^ P.G. Dal Gal, Capo V - Il Vescovo di Mantova (18 Aprile 1885 - 22 Novembre 1894) - Il «Catechismo unico in S. Pio X Papa, Edizioni Il Messaggero, 1954, p. 147. :«Ma chi tra i presenti a Piacenza in quel Settembre 1889, avrebbe immaginato che ad attuare la «petizione» che il Congresso deliberava di spedire a Roma, sarebbe toccato allo stesso principale Promotore divenuto Pio X?»
  4. ^ Ambrogio M. Fiocchi, CAPO XVII Il Teologo di Clemente VIII in S. Roberto Card. Bellarmino S.I., Soc. Tip. A. Macione & Pisani, 1930, p. 302. : «[...] Cisì il Catechismo del Bellarmino, eccetto una breve parentesi di pochi anni, fu in uso per tutto il Lazio da Clemente VIII fino a Pio X, il quale, come è noto, fece pubblicare un nuovo Catechismo per tutta l'Italia ».
  5. ^ Papa Pio X, Catechismo Maggiore, Edizioni Ares, 2006, pp. 9-10. «Al Signor Cardinale Pietro Respighi Nostro Vicario Generale Signor Cardinale, La necessità di provvedere per quanto è possibile alla religiosa istituzione della tenera gioventù Ci ha consigliato la stampa di un Catechismo, che esponga in modo chiaro i rudimenti della santa fede, e quelle divine verità, alle quali deve informarsi la vita d'ogni cristiano. Pertanto fatti esaminare i molti libri di testo già in uso nelle Diocesi d'Italia, Ci parve opportuno di adottare con lievi ritocchi il testo da vari anni approvato dai Vescovi del Piemonte, della Liguria, della Lombardia, della Emilia e della Toscana. L'uso di questo testo sarà obbligatorio per l'insegnamento pubblico e privato nella Diocesi di Roma e in tutte le altre della Provincia Romana; e confidiamo che anche le altre Diocesi vorranno adottarlo per arrivare così a quel testo unico, almeno per tutta l'Italia, che è nell'universale desiderio. Con questa dolce speranza impartiamo di tutto cuore a Lei, Signor Cardinale, l'Apostolica Benedizione. Dal Vaticano, li 14 giugno 1905. Pius PP. X»
  6. ^ a b Papa Pio X, Avvertenza in Catechismo Maggiore, Edizioni Ares, 2006, p. 5.
  7. ^ Catechismo Maggiore Edizioni Ares 2006 Capitolo Parte quinta: Delle virtù principali "a pp.223 termina con 993 domande e risposte
  8. ^ Lettera del Santo Padre Pio X al Cardinale Pietro Respighi, Vicario di Roma, con la quale viene approvato li Catechismo della Dottrina Cristiana per la Diocesi e Provincia Ecclesiastica di Roma. (Consultato all'url il 03 gennaio 2014)
  9. ^ Catechismo della Dottrina Cristiana. (Consultato all'url il 03 gennaio 2014)
  10. ^ Carlo Dragone, Prefazione alla prima edizione in Spiegazione del Catechismo di San Pio X, Edizioni Paoline, 1963, p. 5.
  11. ^ Pio X, Primi Elementi della Dottrina Cristiana, Libreria Editrice Vaticana, 1964, p. 1. : «Tratti dal Catechismo pubblicato per ordine del Sommo Pontefice S. Pio X».,
  12. ^ Pio X, Catechismo della Dottrina Cristiana per la Diocesi di Padova Classe Prima, Tipografi Libreria Editr. Antoniana, 1945, p.3. : «Carissimi Figlioli, Questo libretto è il testo per la prima Classe di Dottrina Cristiana e contiene quanto è necessario per essere ammessi alla prima Comunione. Studiatelo, imparatelo questo piccolo libro, o fanciulli, sforzatevi di capire ogni parola dietro la spiegazione che ve ne darà il Sacerdote. Queste poche pagine contengono i fondamenti della scienza e della vita cristiana e vi insegnano quindi a muovere i primi passi sulla strada del Paradiso. Il libretto prepara anche le anime dei bambini alla Comunione, che è il più bel dono di Dio e il grande tesoro della Chiesa. Figliuoli, imparate a ricevere ben disposti Gesù nella SS. Eucarestia e ne avrete luce per le vostre menti, pace per i vostri cuori, e per le anime vostre grazia e vita eterna. Padova, la festa di S. Carlo, 4 novembre 1939 † Carlo Agostini Vescovo»
  13. ^ Roberto Bellarmino, Prefazione in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, XVII-XVIII. :«Per di più S. Roberto Bellarmino insieme con S. Carlo Borromeo veniva da S.S. Pio XI di v.m. con Breve del 26 aprile 1932 dichiarato Patrono non solo dell' Arciconfraternità Romana della Dottrina cristiana ma di "tutte le altre Opere di istruzione religiosa esistenti per tutto il mondo". In detto Breve la Santità del Papa, dopo aver ricordato i meriti insigni di S. Carlo, così si esprime a proposito del Bellarmino: "Il Santo «Maestro delle controversie» poi, oltre alle altre opere di insigne sapienza, per le quali va meritamente celebre nella Chiesa di Dio, compose quell'aureolo catechismo, che dal giudizio di Sommi Pontefici e di numerosi Vescovi e dall'uso di circa tre secoli è stato così ampiamente raccomandato ed approvato che giustamente lo si può ritenere come modello della catechesi"».
  14. ^ Roberto Bellarmino, Prefazione in Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941, XI. : «Non si può infatti dimenticare che esso non è solo quello di dare nozioni, ma di fare credere le verità rivelate perché credute, ossia ritenute vere, non per aver avuto una dimostrazione razionale, ma perché Dio la ha dette (quanta è l'importanza dell'addurre le prove teologiche! La «Summa doctrinae christianae» del Canisio era tutta fatta con testi scritturali) esse divengano la luce che illumina il cammino di ogni uomo, la norma della vita. L'insegnamento catechistico ha da essere vitale: solo quando così sia, raggiunge il suo scopo e in tanto è in quanto fermamente creduto.»
  15. ^ Icilio Felici, L'apostolo del Catechismo in Il Papa dell'Eucarestia, Libreria opere eucaristiche, 1954, p.171. : «Fino dal 1885, qand'era Vescovo di Mantova appena da pochi mesi, passando di parrocchia in parrocchia per Visita pastorale, andava gridando: "Dottrina Cristiana! Dottrina Cristiana!"»
  16. ^ Carlo Dragone, Prefazione alla prima edizione in Spiegazione del Catechismo di San Pio X, Edizioni Paoline, 1963, pp. 5-6.
  17. ^ Pubblicato dal Papa San Pio V, Introduzione in Catechismo Tridentino, Edizioni Cantagalli, 1996, p. 8. :«Molti notano in codesti libri e riviste post-conciliari la tendenza a modellarsi sul famigerato Nuovo Catechismo Olandese (edito nel 1966), nonostante le critiche e le riserve gravi da esso raccolte in tutto il mondo cattolico, a cominciare dalla Curia Romana. E`infatti risaputo che codesto catechismo, e con esso quelli successivi di varie nazionalità del Nord Europa, presenta il vizio capitale di un'accentuata tendenza a ridurre il dato di fede al «minimo imponibile», sfrondando con una mentalità modernista e razionalista l'apporto della tradizione e della speculazione teologica ».
  18. ^ Pubblicato dal Papa San Pio V, Introduzione in Catechismo Tridentino, Edizioni Cantagalli, 1996, p. 9. :«Ma nonostante i nuovi orientamenti che si è tentato d'imporre alla massa dei battezzati, non mancano intelligenze vigili e sensibilità di fede presso le nostre comunità cristiane, le quali rimpiangono il Catechismo di S. Pio X, e più ancora la matrice di esso, che è appunto il Catechismo Tridentino
  19. ^ Più noto come Catechismo Minore di San Pio X

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P.G. Dal Gal, S. Pio X Papa, Padova, Edizioni Il Messaggero, 1954.
  • Icilio Felici, Il Papa dell'eucarestia, Libreria opere eucaristiche, 1954.
  • Ambrogio M. Fiocchi, S. Roberto Card. Bellarmino S.I., Soc. Tip. A. Macione & Pisani, 1930.
  • Sua Santità Papa Pio X, Compendio della Dottrina Cristiana, Roma, Tipografia vaticana, 1905.
  • Pubblicato dal Papa San Pio V, Catechismo Tridentino, Siena, Edizioni Cantagalli, 1996.
  • Carlo Dragone, Spiegazione del Catechismo di San Pio X, Edizioni Paoline, 1963.
  • Sommo Pontefice S. Pio X, Primi Elementi della Dottrina Cristiana, Tipografia Poliglotta Vaticana, 1964.
  • Roberto Bellarmino, Il Catechismo. Breve dottrina cristiana e Dichiarazione della dottrina cristiana, Fratelli Calvi, 1941.


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]