Niels-Henning Ørsted Pedersen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Niels-Henning Ørsted Pedersen (Osted, 27 maggio 1946Copenhagen, 19 aprile 2005) è stato un contrabbassista danese.

Niels-Henning Ørsted Pedersen
Fotografia di Niels-Henning Ørsted Pedersen
Nazionalità Danimarca Danimarca
Genere Jazz
Periodo di attività 1960-2005
Album pubblicati 14

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Niels-Henning Ørsted Pedersen, il cui nome si trova spesso abbreviato nell'acronimo "NHØP", nacque a Osted, presso Roskilde.

Avvicinatosi al pianoforte nella fase dell'infanzia, cominciò a dedicarsi allo studio del contrabbasso solo durante l'adolescenza e, già all'età di 14 anni, a calcare i palcoscenici delle principali città danesi, con il gruppo "Jazzkvintet 60". Ingaggiato come contrabbasista stabile del Jazzhus Montmartre, uno dei jazz club più noti di Copenhagen, si trovò, diciassettenne, a declinare l'invito ad entrare a far parte dell'orchestra di Count Basie, troppo giovane perché gli venissero rilasciati tutti i permessi e i documenti consoni ad una legale permanenza sul suolo americano [1].

Avrebbe comunque ovviato a tale impossibilità sul finire degli anni '60, quando ebbe modo di suonare con lo stesso Basie e con quanti altri jazzisti avessero scelto la Danimarca tra le mete dei propri tour europei. Tra essi ricordiamo: Ben Webster, Bill Evans, Brew Moore, Bud Powell, Roy Eldridge, Dexter Gordon, Dizzy Gillespie, Jackie McLean, Roland Kirk, Sonny Rollins, e la cantante Ella Fitzgerald. Sempre a proposito delle sue collaborazioni, degne di nota sono quelle, tra le più proficue, con Oscar Peterson, in compagnia del quale incise molteplici album nel corso degli anni '70, o con Kenny Drew, nello stesso periodo.

Nel 1981, la sua persona è stata insignita del titolo di "Miglior bassista dell'anno" dalla rivista Downbeat[2].

Alla fine degli anni '90, lo troviamo impegnato in un tour dall'itinerario internazionale (con tappe come la Corea, il Giappone o l'Australia) in compagnia del pianista Mulgrew Miller, in una formazione che diventerà presto un trio quando ai due si assocerà il batterista Alvin Queen. L'attività del gruppo continuerà ininterrotta sino alla morte dello stesso Pedersen: il contrabbassista, infatti, muore nel 2005 a causa di un arresto cardiaco, lasciando in eredità al mondo del Jazz quella sua tecnica profondamente virtuosistica e quelle originali composizioni (come "The Puzzle" o "My Little Anna") che ben avrebbe omaggiato il collega ed amico Oscar Peterson: "Che Dio ti benedica, Niels, e che tu possa rendere più brillante la musica in paradiso come hai fatto qui sulla terra"[3].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Da leader[modifica | modifica wikitesto]

  • Jaywalkin' (SteepleChase, 1976)
  • Pictures (SteepleChase, 1976)
  • Double Bass (SteepleChase, 1976) - con Sam Jones
  • Dancing On The Tables (SteepleChase, 1979)
  • Just The Way You Are (Sonet, 1981) - con Rune Gustafsson
  • The Viking (1983)
  • The Eternal Traveller (1984)
  • Scandinavian Wood (Caprice, 1992)
  • Uncharted Land (1992)
  • Ambiance (1993)
  • To A Brother (1993)
  • Those Who Were (1996)
  • Friends Forever (Milestone 1997)
  • This Is All I Ask (1998)
  • NHOP (2009) - con Michel Petrucciani

Da collaboratore[modifica | modifica wikitesto]

con Albert Ayler

con Chet Baker

  • The Touch of Your Lips (1979)
  • Daybreak (Live In Montmartre Vol.1) (1979)
  • This is Always (Live In Montmartre Vol.2) (1979)
  • Someday My Prince Will Come (1979)

con Count Basie

  • Kansas City 6 (1981)

con Philip Catherine

  • Jaywalkin' (1975)
  • Trio 2 (1993) - con Billy Hart

con Niels Lan Doky, Alex Riel, e altri

  • The Song is a Fairytale (di Frederik Magle) (1994)

con Kenny Drew

  • Duo (SteepleChase, 1973)
  • Duo 2 (SteepleChase, 1974)
  • Dark Beauty (SteepleChase, 1974)
  • If You Could See Me Now (SteepleChase, 1974)
  • In Concert (SteepleChase, 1977)
  • And Far Away (Soul Note, 1983)

con Roy Eldridge

  • Roy Eldridge 4/Montreux 77 (1977)

con Stan Getz

  • Live at Montmartre (vols. 1 and 2) 1977

con Dizzy Gillespie

  • The Giant (America, 1973)
  • The Source (America, 1973)
  • The Dizzy Gillespie Big 7 (Pablo, 1975)

con Dexter Gordon

  • One Flight Up (Blue Note, 1964)
  • A Day in Copenhagen (MPS, 1969) - con Slide Hampton
  • Some Other Spring (Sonet, 1970) - con Karin Krog

con Louis Hjulmand

  • Play con Us (1987)

con Milt Jackson

  • The Milt Jackson Big 4 (Pablo, 1975)

con Roland Kirk

  • Kirk in Copenhagen (Mercury, 1963)

con Tania Maria

  • Tania Maria (1978)
  • Tania Maria & Niels-Henning Ørsted Pedersen (1979)

con Palle Mikkelborg

  • Heart to Heart (1986)
  • Hommage: Once upon a Time (1990)

con Tete Montoliu

  • Catalonian Fire (SteepleChase, 1974)
  • Tête à Tete (SteepleChase, 1977)

con Dado Moroni

  • Bluesology (1981)

con Joe Pass

  • Chops (1978)
  • Northsea Nights (1979)
  • Eximious (1982)

con Oscar Peterson

  • Great Connection (MPS, 1971) - con Louis Hayes
  • The Trio (Pablo, 1973) - con Joe Pass
  • The Good Life (Pablo, 1973)
  • Jazz in Paris - Oscar Peterson Stéphane Grappelli quartet vol. 1 (Universal, 1973)
  • The Oscar Peterson Big 6 at Montreux (Pablo, 1975)
  • Oscar Peterson and the Bassists (Oscar Peterson Jam) – Montreux '77 (Pablo, 1977)
  • Night Child (1979)
  • Skol (Pablo, 1979)
  • Nigerian Marketplace (1981)
  • Oscar in Paris (Telarc, 1996)

con Jean-Luc Ponty

  • Sunday Walk (1969)

con George Shearing

  • The MPS Trio Sessions (MPS, 1977 - 1981)

con Archie Shepp

  • Looking at Bird (SteepleChase, 1981)

con Ben Webster

  • Ben Webster in Denmark (1965-1971)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Niels-Henning Ørsted Pedersen | Biography | AllMusic
  2. ^ DownBeat Magazine
  3. ^ Jazz Departments: Niels-Henning Orsted Pedersen - By Oscar Peterson — Jazz Articles
Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Jazz