Nicky Hilton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicky Hilton
Nicky Hilton crop.jpg
Altezza 166[1] cm
Misure 86,5-61-86,5[1]
Taglia 34[1] (UE) - 4[1] (US)
Scarpe 39[1] (UE) - 8[1] (US)
Occhi Azzurri[1]
Capelli Castani[1]

Nicholai Olivia "Nicky" Hilton (New York, 5 ottobre 1983) è una modella e stilista statunitense. È una degli eredi dell'omonima catena di alberghi.

Giovinezza e famiglia di origine[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Richard Hilton e Kathy Richards, ha tre fratelli: Paris Hilton, Barron Hilton II e Conrad Hilton III. Si è diplomata presso il "Convent of the Sacred Heart" a New York ed ha frequentato il "Fashion Institute of Technology" e la "Parsons School of Design", senza tuttavia laurearsi.

Il suo nome, "Nicholai/Nicky", deriva da quello del prozio Conrad Hilton Jr., soprannominato "Nicky", uno dei mariti di Elizabeth Taylor, morto nel 1969.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Modella[modifica | modifica wikitesto]

Nicky Hilton ha cominciato a muovere i primi passi nella moda come modella, sfilando per 2BFree, L.A.M.B. di Gwen Stefani, Just Cavalli, etc, e dal 2004 ha iniziato a lavorare anche come stilista.

Nel 2005 è stata, insieme alla modella e attrice americana Kimberly Stewart, la testimonial della linea di biancheria intima per il marchio australiano Antz Pantz. Come modella ha anche partecipato al catalogo di Frederick's of Hollywood.

Nel 2003 è stata una delle protagoniste del calendario della rivista For Him Magazine Bacardi & FHM 2003, e la stessa rivista le ha dedicato la copertina del marzo 2002 e, nell'edizione tedesca, del maggio 2003. Nella sua carriera di modella diverse riviste le hanno dedicato servizi e copertine (FHM, Vanity Fair, Vogue, Maxim, Stuff, Marie Claire, e altre).

Stilista[modifica | modifica wikitesto]

Nicky Hilton nel 2010

Nel 2004 ha lanciato negli Stati Uniti una linea di abiti chiamata CHICK by Nicky Hilton e ha inoltre collaborato con Samantha Thavasa per la creazione di borse e con la catena di accessori Claire's per la creazione di collane, orecchini e anelli.

Nel 2007 ha lanciato una seconda linea di abbigliamento, destinata alla moda primavera/estate 2008, chiamata Nicholai[2].

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

La Hilton ha debuttato anche come attrice nel 2006 nel film per l'home video National Lampoon's Pledge This!, in cui recitava anche la sorella Paris Hilton, ma in precedenza aveva fatto un cameo (interpretando sé stessa) nel film Pauly Shore Is Dead.

Nicky Hilton e la sorella Paris Hilton hanno annunciato nel 2006 la prossima creazione di un cartone animato sulle loro vite[3].

Imprenditrice[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a ciò, la Hilton ha aperto a Miami Beach il primo Nicky O Hotel: un misto di hotel/appartamenti di lusso. Un secondo hotel, che doveva aprire a Chicago nella primavera del 2007, ha subito dei ritardi nell'apertura che hanno portato i partner commerciali a denunciare Nicky Hilton.[4]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nicky Hilton ha sposato Todd Andrew Meister il 15 agosto 2004 a Las Vegas; il matrimonio è durato fino al novembre dello stesso anno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 73300559 LCCN: n2007015136

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie