Nave San Rocco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nave San Rocco
comune
Nave San Rocco – Stemma
Panorama
Panorama
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Ugo Garzetti (lista civica) dal 17/05/2010
Territorio
Coordinate 46°10′00″N 11°06′00″E / 46.166667°N 11.1°E46.166667; 11.1 (Nave San Rocco)Coordinate: 46°10′00″N 11°06′00″E / 46.166667°N 11.1°E46.166667; 11.1 (Nave San Rocco)
Altitudine 207 m s.l.m.
Superficie 4,89 km²
Abitanti 1 399[1] (31-12-2010)
Densità 286,09 ab./km²
Comuni confinanti Lavis, Mezzolombardo, San Michele all'Adige, Zambana
Altre informazioni
Cod. postale 38010
Prefisso 0461
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022126
Cod. catastale F853
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 745 GG[2]
Nome abitanti naveteri
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Nave San Rocco
Sito istituzionale

Nave San Rocco (Nào o Naf in dialetto trentino[3], Schöffbrück in tedesco[4]) è un comune italiano di 1.360 abitanti della provincia di Trento, in Trentino-Alto Adige.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Variazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1928 il comune viene soppresso e i suoi territori aggregati al comune di Zambana; nel 1948 il comune viene ricostituito (Censimento 1936: pop. res. 588).[6]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è F.C. Adige che milita nel girone B trentino di 1ª Categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  4. ^ Otto Stolz, Die Ausbreitung des Deutschtums in Südtirol im Lichte der Urkunden, 1927.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]