Murci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Murci
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Grosseto-Stemma.png Grosseto
Comune Scansano-Stemma.png Scansano
Territorio
Coordinate 42°44′03″N 11°24′43″E / 42.734167°N 11.411944°E42.734167; 11.411944 (Murci)Coordinate: 42°44′03″N 11°24′43″E / 42.734167°N 11.411944°E42.734167; 11.411944 (Murci)
Altitudine 595 m s.l.m.
Abitanti 173 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 58054
Prefisso 0564
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti murciaioli
Patrono san Domenico di Guzman
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Murci

Murci è una frazione del comune di Scansano, situato nell'estremità nord-occidentale del territorio comunale, nei pressi della strada statale 323 Amiatina.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Murci viene citata per la prima volta in alcuni documenti del X secolo, con il nome latino di curtis Murcia, o talvolta Mustia. Piccolo agglomerato rurale, il borgo di Murci era alle dipendenze del vicino Castello di Cotone, i cui abitanti, una volta decaduto il castello, popolarono la frazione e altre dei dintorni, come Polveraia e Poggioferro. Nel 1419, una spedizione punitiva senese attaccò il poco distante borgo di Saturnia, i cui abitanti fuggirono e pochi superstiti furono accolti a Murci. La frazione divenne una delle più popolose del territorio, grazie ai numerosi abitanti acquisiti da Cotone e Saturnia, e successivamente, nel corso del Seicento, dalla vicina Cana, i quali portarono nel borgo la Madonna della Consolazione di Cana, dipinto che venne posto nella chiesa di San Domenico.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa di San Domenico, eretta intorno alla metà dell'Ottocento, conserva, nell'altare maggiore, un dipinto seicentesco con la Madonna con Bambino, San Domenico e Santa Caterina, denominato Madonna della Consolazione di Cana, in quanto proveniente dalla chiesa di Santa Maria del Conforto di Cana.
  • Parco eolico dei Poggi Alti, impianto di produzione di energia eolica situato sull'omonima area collinare nei pressi dell'abitato. Progettato nel 2005 e realizzato nel 2006 dalla spagnola Endesa, è stato il primo impianto di produzione di energia eolica realizzato in provincia di Grosseto.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Nella ricorrenza del patrono San Domenico di Guzman, che si celebrava il 4 agosto fino ad alcuni anni fa (i calendari la riportano oggi all'8 agosto), oltre alle cerimonie religiose ed alla processione con la statua del santo per le principali strade del paese, venivano allestiti vari festeggiamenti (gincane, balli in piazza, ecc.) a cui seguiva la fiera di merci e bestiame del 5 agosto, che interessava vari siti del paese ed era frequentata da un gran numero di persone, almeno fino alla metà degli anni sessanta. Una citazione a parte meritano però le serate del 4 agosto, organizzate nel "teatro naturale" di piazza Barbana dal 1967 al 1976 con la partecipazione di artisti di fama nazionale, tra cui si ricordano Don Backy, Edoardo Vianello e Wilma Goich, Alighiero Noschese, Mino Reitano, i New Trolls ed altri; eventi che suscitarono particolare interesse e grande eco anche in ambito provinciale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]