Montélimar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montélimar
comune
Montélimar – Stemma
(dettagli)
Montélimar – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason Rhône-Alpes Gendarmerie.svg Rodano-Alpi
Dipartimento Blason département fr Drôme.svg Drôme
Arrondissement Nyons
Cantone Montélimar-1
Montélimar-2
Territorio
Coordinate 44°34′N 4°45′E / 44.566667°N 4.75°E44.566667; 4.75 (Montélimar)Coordinate: 44°34′N 4°45′E / 44.566667°N 4.75°E44.566667; 4.75 (Montélimar)
Altitudine 56-213 m s.l.m.
Superficie 46,77 km²
Abitanti 36 872[1] (2009)
Densità 788,37 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 26200
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 26198
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Montélimar
Sito istituzionale

Montélimar è un comune francese di 36.872 abitanti situato nel dipartimento della Drôme della regione del Rodano-Alpi. È famosa in Francia per il nougat, un torrone bianco e la coltivazione su larga scala di lavanda.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Montélimar è situata nella media valle del Rodano alla confluenza dei fiumi Jabron e Roubion sui promontori di Géry e di Narbonne da dove si controlla tutta la Valle del Rodano.

È una città turistica alle porte della Provenza, nelle vicinanze si trovano le Gorges de l'Ardèche e sorge ai piedi del Vercors.

Si trova a 42 minuti da Valence, 1h00 da Avignone, 1h30 da Lione e dalle Alpi, da Marsiglia, da Grenoble, da Montpellier e dal Mediterraneo.

Montélimar è alle porte settentrionali della Provenza. Il suo ecosistema mescola i tratti del Delfinato e della Provenza.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Preistoria[modifica | modifica sorgente]

La presenza umana nell’insediamento di Montélimar è molto antica. Le prime tracce sono un insieme di selci scheggiate che risalgono a 50000 anni fa.

Il sito di Gournier è frequentato da 6000 anni (Mesolitico).

Antichità[modifica | modifica sorgente]

Dopo l’arrivo dei Celti, Montélimar diviene territorio dei Ségovéllaunes. La capitale di questo popolo celta si trovava sui due promontori della città.

Nel I secolo a.C., sotto l’influenza romana, l’insediamento di Géry (in latino: Durio) viene progressivamente abbandonato a favore del sito corrispondente all’attuale centro cittadino. La città cambia nome: è infatti associata ad Acunum la mansio cresciuta nei pressi del ponte sul Roubion, indicata nella tabula Peutingeriana. Lo sviluppo urbano è condizionato dalla presenza della Via Agrippa. A Montélimar sorgono un foro, una basilica e delle terme. La cittadina è alimentata dal punto di vista idrico da tre acquedotti che servono anche lo stabilimento termale di Bondonneau, di cui sono noti dei resti.

Nell’età delle grandi migrazioni la città subisce importanti trasformazioni dividendosi in due parti.

Medioevo[modifica | modifica sorgente]

Nell’altomedioevo la regione di Montélimar passò di mano in mano (regno dei Burgundi, regno Franco, Contea di Valentinois, reame di Provenza).

Alla fine dell'XI secolo, si vede comparire la Famiglia Adhémar de Monteil, che poco a poco assume potere nella regione. Guillaume-Hugues d'Adhémar è il primo signore di Montélimar ("signore di Monteil"). E il fratello di Ademaro di Monteil, vescovo di Puy e legato del papa nella prima crociata. La famiglia governerà Montélimar fino al XIII secolo. I nobili d'Adhémar fanno costruire i propri palazzi (XII secolo) sul promontorio di Narbonne al posto di un’antica fortificazione.

A metà del XII secolo, la città della famiglia d'Adhémar è ricordata come "Monteil des Aimar". La forma definitiva data al 1328.

Nel 1365 una parte della città (che è una cosignoria) passa sotto il controllo del papa, che fa rinnovare il palazzo signorile e le mura.

Nel 1447 il Delfino, il futuro Luigi XI diviene signore della villa e del castello.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Montélimar è gemellata con:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]


Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia