Saint-Paul-Trois-Châteaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saint-Paul-Trois-Châteaux
comune
Saint-Paul-Trois-Châteaux – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason Rhône-Alpes Gendarmerie.svg Rodano-Alpi
Dipartimento Blason département fr Drôme.svg Drôme
Arrondissement Nyons
Cantone Saint-Paul-Trois-Châteaux
Territorio
Coordinate 44°21′N 4°46′E / 44.35°N 4.766667°E44.35; 4.766667 (Saint-Paul-Trois-Châteaux)Coordinate: 44°21′N 4°46′E / 44.35°N 4.766667°E44.35; 4.766667 (Saint-Paul-Trois-Châteaux)
Superficie 22,04 km²
Abitanti 9 097[1] (2009)
Densità 412,75 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 26130
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 26324
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Saint-Paul-Trois-Châteaux

Saint-Paul-Trois-Châteaux è un comune francese di 9.097 abitanti situato nel dipartimento della Drôme della regione del Rodano-Alpi.

Storia e monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Saint-Paul-Trois-Châteaux conosciuta dall'età del bronzo, fu la capitale dei Galli Tricastini (vedi Tricastin) chiamata Noviomagus e divenne poi Augusta Tricastinorum sotto il regno di Augusto e successivamente Colonia Flavia Tricastinorum . Fu sede episcopale dagli inizi del VI secolo e si trasformò alla fine del XII secolo in una città cinta da mura con un castello distrutto nel corso della Rivoluzione francese. Rimangono di questo periodo: la cattedrale, uno dei monumenti più importanti della seconda fase del Romanico in Provenza, con importanti mosaici del XII secolo raffiguranti la Gerusalemme celeste e i simboli degli evangelisti; la chiesa di Saint-Jean, costruita in occasione della donazione ai Templari nel 1136 e una piccola casa donata dal Canonico Willelmus Graneti e da suo fratello Petrus (Granet-Granetto) (vedi Granet (famiglia)) nel 1180 ai cavalieri del Tempio. Molto interessante è anche "la Salle de l’Archidiacre", sede del Museo archeologico, dove vengono allestite mostre sulla storia della città.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gallia Christiana Novissima, a cura di J.H. Albanès, U. Chevalier, IV, Saint-Paul-Trois-Châteaux, Valence 1909
  • Cartulaire de l'évêché de Saint-Paul-Trois-Châteaux, a cura di J. de Font-Reaulx, Valence 1950
  • Cartulaire de la commanderie de Richerenches de l'ordre du Temple (1136-1214), a cura di F. de Ripert-Monclar (Mémoires de l'Académie de Vaucluse, 7), Avignon 1907
  • L.A. Boer de Sainte-Marthe, Histoire de l'église cathédrale de Saint-Paul-Trois-Châteaux, Avignon 1710
  • H. Revoil, Architecture romane du Midi de la France, 3 voll., Paris 1873: I, pp. XVIII-XIX; III, p. 14, tavv. XXX-XXXIV; L.H. Labande, Saint-Paul-Trois-Châteaux, CAF 76, 1909, pp. 112-121; F. Vernet, La * * V. Lassalle, L'influence antique dans l'art roman provençal, Revue archéologique de Narbonnais, 1970
  • A. Borg, Architectural Sculpture in Romanesque Provence (Oxford Studies in the History of Art and Architecture), Oxford 1972
  • R. Pinet, La cathédrale de Saint-Paul-Trois-Châteaux, Lyon 1973;
  • J.M. Rouquett, Provence romane (La nuit des temps, 40), I, La Pierre-qui-Vire 1974
  • H. Lavagne, Recueil général des mosaïques de la Gaule (Gallia, suppl. 10), III, Paris 1979
  • P.A. Fevrier, Saint-Paul-Trois Châteaux, in Topographie chrétienne des cités de la Gaule des origines au milieu du VIIIe siècle, III, Province ecclésiastique de Vienne et d'Arles, Paris 1986


Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia