Miseria della filosofia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Miseria della filosofia
Titolo originale Misère de la philosophie
Karl Marx 001.jpg
Autore Karl Marx
1ª ed. originale 1847
Genere saggio
Lingua originale francese

Miseria della filosofia è un'opera scritta da Karl Marx tra la fine del 1846 e l'inizio di aprile 1847. Fu pubblicata in francese nel 1847, a Parigi da A. Frank e Bruxelles da C. G. Vogler.

In essa Marx critica con toni aspri[1] gli argomenti economici e filosofici dell'opera di Pierre-Joseph Proudhon Sistema delle contraddizioni economiche, anche conosciuta come “Filosofia della miseria”, esponendo quelli che in seguito definirà «i punti decisivi della nostra (sua e di Engels - nda) concezione».[2]

Marx contesta l'idea di Proudhon secondo la quale «il valore del lavoro è un'espressione figurata», asserendo che il valore della forza-lavoro è un fattore imprescindibile nella produzione delle merci e non una semplice idealizzazione. Nella Miseria della filosofia Marx fa grandi passi avanti verso l'elaborazione della teoria del valore,[3] che sarà poi uno degli argomenti principali dell'opera Il Capitale.

Lenin, nel suo saggio Carlo Marx, osserva che in quest'opera «vengono esposti il programma e la tattica delle lotte economiche e del movimento sindacale per alcuni decenni, per tutto il lungo periodo di preparazione delle forze del proletariato "per la futura battaglia"».[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ «Proudhon vuole essere la sintesi. Ed è invece un errore composto. Vuole librarsi come uomo di scienza al disopra dei borghesi e dei proletari; e non è che il piccolo borghese, sballottato costantemente fra il capitale e il lavoro, fra l'economia politica e il comunismo.»
  2. ^ Hosea Jaffe, Marx e il colonialismo, Milano, Jaca Book, 1976, pag. 51. URL consultato il 2010-04-27.
  3. ^ Hosea Jaffe, op. cit., pag. 53
  4. ^ Vladimir Il'ich Lenin, Carlo Marx, tradotto da Palmiro Togliatti, Roma, Robin Edizioni IT, 2000, pagg. 49-50, ISBN 8-886-31234-2. URL consultato il 2010-04-28.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

comunismo Portale Comunismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di comunismo