Melissa P. (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Melissa P.
Melissa P.png
Titolo originale Melissa P.
Paese di produzione Italia, Spagna, USA
Anno 2005
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, erotico
Regia Luca Guadagnino
Soggetto Melissa Panarello (romanzo)
Sceneggiatura Barbara Alberti, Cristiana Farina, Luca Guadagnino
Produttore Francesca Neri, Claudio Amendola
Fotografia Mario Amura
Montaggio Walter Fasano
Musiche Elisa, Lucio Godoy
Scenografia Gianni Silvestri
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Melissa P. è un film del 2005, diretto dal regista Luca Guadagnino, ispirato al romanzo 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire di Melissa Panarello.

Il film, a differenza del libro, è ambientato a Lecce invece che a Catania.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Melissa P. è una studentessa sedicenne del Sud Italia, incerta e spaventata. La madre Daria, negoziante, nonostante sia sempre presente in casa, sembra alla ragazza più distante del padre ingegnere bloccato su una piattaforma petrolifera nell'Oceano Indiano. In casa, però, vive la nonna paterna Elvira che la capisce perfettamente divenendo sua complice.

Melissa da un anno ama disperatamente Daniele, suo compagno di scuola, non accorgendosi di Marco, un eccentrico compagno di classe che veglia su di lei come un angelo custode purtroppo ignorato dall'oggetto del suo amore. Melissa un giorno scopre il sesso. È proprio Daniele, il suo amato, a farglielo conoscere; l'esperienza però si rivela dolorosa e umiliante, molto lontana dalla tenerezza che aveva sempre immaginato. Per comprendere le motivazioni di questa delusione e capire cosa sia davvero il sesso Melissa comincia a cercare la sua identità attraverso esso e gli occhi degli uomini, registrando di volta in volta sul suo diario, che considera il suo migliore amico, non solo gli incontri con i vari uomini che conosce, ma anche i suoi dolori e le sue incertezze.

Il taciturno custode di un museo, Arnaldo, l'amico sadico e apparentemente disumano di Daniele e il frequentatore di una chat erotica dai gusti eccentrici e pericolosi sono solo alcuni degli uomini che incontra nel suo percorso. Questi uomini la considerano un giocattolo ma la sua sottomissione è solo apparente. Melissa stessa infatti pretende sesso da loro, nonostante il prezzo che di volta in volta paga, soprattutto quando il diario finisce nelle mani di sua madre e della sua amica fidata Manuela.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

L'idea del film venne a Francesca Neri, nell'inedita veste di produttrice, sia perché rappresentava un probabile successo di pubblico, sia perché le ricordava il suo esordio. La Neri ha inteso portare sullo schermo questo romanzo dalla trama assai esigua, ricco però di contenuti di esplicita natura sessuale.

La vicenda è girata ed ambientata tutta a Lecce, città di cui si rappresentano molti posti tipici (in particolare il quartiere San Lazzaro), ma nel film non si fa alcuna menzione specifica dei luoghi, indicati come appartenenti a una città del sud.[1]

Il film ha incassato in Italia un totale di € 6.006.000[2]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film, pubblicata il 12 dicembre 2005 è stata composta dal musicista spagnolo Lucio Godoy e da Elisa. Il brano Swan è stato pubblicato come singolo.

  1. Swan
  2. Besame
  3. Deception
  4. Kano Dark Stripe
  5. Arto Lindsay
  6. Gym
  7. First Time
  8. Melissad
  9. Lullaby
  10. Bathtub
  11. Rainbow
  12. One Hundred Hits
  13. Anything Else
  14. Threesome
  15. Cousteau's Zodiac
  16. 1000 Commands
  17. Five Boys
  18. Aimer Est Mourir
  19. Myself - Anyone
  20. Melissa Confronts Cother
  21. Mothe Hugs Melissa
  22. Melissa & Marco
  23. Going Insame
  24. The Cliff

Critica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: Scheda di Vito Attolini per Apulia film commission.
  2. ^ Classifica Box Office ITALIA 2006 | MYmovies.it
  3. ^ 15 domande a Melissa P. URL consultato il 25 aprile 2009.
  4. ^ Maurizio Porro, «Melissa P. peggior film Rossi Stuart il più amato» in Il Corriere della Sera, 27 dicembre 2005. URL consultato il 9 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) Melissa P. in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema