Marcus Pedersen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcus Pedersen
Marcus Pedersen (Vitesse Arnhem) - Norway national under-21 football team (01).jpg
Dati biografici
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 180 cm
Peso 79 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Vitesse Vitesse
Carriera
Giovanili
2005-2007 HamKam HamKam
Squadre di club1
2007-2009 HamKam HamKam 9 (1)
2009-2010 Stromsgodset Strømsgodset 40 (17)
2010-2012 Vitesse Vitesse 25 (5)
2012 Valerenga Vålerenga 15 (8)
2012 Vitesse Vitesse 0 (0)
2012-2013 Odense Odense 24 (7)
2013 Vitesse Vitesse 2 (1)
2013-2014 Barnsley Barnsley 18 (2)
2014- Vitesse Vitesse 0 (0)
Nazionale
2005
2006
2007-2008
2009-2013
2011-
2013-
Norvegia Norvegia U-15
Norvegia Norvegia U-16
Norvegia Norvegia U-17
Norvegia Norvegia U-21
Norvegia Norvegia U-23
Norvegia Norvegia
7 (0)
10 (7)
7 (4)
19 (7)
3 (1)
6 (1)
Palmarès
 Europei di calcio Under-21
Bronzo Israele 2013
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 luglio 2014

Marcus Pedersen (Hamar, 8 giugno 1990) è un calciatore norvegese, attaccante del Vitesse e della Nazionale norvegese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Pedersen è un attaccante dotato di discreto fiuto del gol e buona tecnica, in un fisico compatto, atletico e potente.[1] È veloce e rapido d'esecuzione.[1] Ha un tiro potente dalla distanza e, pur non essendo molto alto, è bravo nei colpi di testa.[1] È stato paragonato dai media norvegesi a Wayne Rooney.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

HamKam[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la carriera professionistica nello HamKam e giocò la prima partita tra gli adulti a soli quattordici anni, in amichevole.[1] Nel 2006, il Liverpool ottenne un'opzione per fargli sostenere un provino con la maglia dei Reds.[1] Debuttò ufficialmente in prima squadra il 9 aprile 2007, quando subentrò a Marius Gullerud nel successo per cinque a uno sullo Skeid, con il suo club militante in 1. divisjon.[2] Al termine della stagione, lo HamKam fu promosso nell'Eliteserien. Pedersen poté così esordire nella massima divisione norvegese il 9 luglio 2008, sostituendo Roman Kienast: fu lui a segnare, nella stessa partita, il gol che permise il successo per due a uno sul Rosenborg.[3] La sua stagione fu però costellata da tanti piccoli infortuni che gli impedirono di calcare i campi con regolarità.[1]

Strømsgodset[modifica | modifica sorgente]

Ad inizio 2009, lasciò lo HamKam (appena retrocesso) per approdare a parametro zero allo Strømsgodset.[1] Il primo incontro con la nuova maglia lo giocò il 15 marzo 2009, venendo schierato titolare nel pareggio per tre a tre contro lo Start: due delle reti del Godset furono messe a segno proprio da Pedersen.[4] Il 2 giugno fu autore di un'altra doppietta, che consentì allo Strømsgodset di imporsi per due a uno sullo Brann.[5] Questa marcatura consentì a Pedersen di arrivare a 5 reti (e 3 assist) nelle prime 12 partite di campionato; concluse poi la stagione con 10 gol in 24 presenze.[1] L'annata seguente arrivò la sua esplosione definitiva.[1] Fu infatti protagonista di una buon intesa con il compagno Jo Inge Berget e siglò 11 gol nelle prime 19 partite stagionali.[1]

Vitesse[modifica | modifica sorgente]

Nel mercato estivo del 2010, il Vitesse acquistò il cartellino del calciatore dallo Strømsgodset in cambio di seicentomila euro.[6] Il calciatore firmò un contratto dalla durata quadriennale.[1] Il 24 ottobre 2010 esordì nella Eredivisie, subentrando a Lasse Nilsson nella sconfitta casalinga per quattro a uno contro l'Utrecht: fu proprio il norvegese a segnare il gol della bandiera per il Vitesse.[7]

Vålerenga[modifica | modifica sorgente]

Il 22 febbraio 2012 fu ufficializzato il passaggio di Pedersen al Vålerenga, con la formula del prestito semestrale.[8] Il club ottenne anche un'opzione per l'acquisto a titolo definitivo.[8] Esordì con questa maglia in data 25 marzo, quando fu titolare nella vittoria per 2-1 sullo Haugesund.[9] Il 31 marzo arrivò la prima rete, nella sconfitta per 3-2 contro la sua ex squadra dello Strømsgodset.[10] La sera precedente alla sfida di campionato contro lo Aalesund, datata 2 luglio, infranse i regolamenti della squadra consumando dell'alcol.[11] L'attaccante fu così sospeso per la partita della settimana successiva, che avrebbe visto il Vålerenga opposto al Sandnes Ulf.[11] Il 22 luglio, siglò una doppietta nel successo per 1-3 contro lo Stabæk.[12] L'attaccante, insultato dai tifosi avversari, festeggiò la seconda rete mimando del sesso orale.[13] Il giorno successivo, la federazione norvegese fu coinvolta a questo proposito, venendo chiamata a giudicare le azioni di Pedersen.[14] Fu quindi multato per 7.500 corone.[15]

Odense[modifica | modifica sorgente]

Il 31 agosto 2012, passò in prestito all'Odense.[16]

Breve ritorno al Vitesse e Barnsley[modifica | modifica sorgente]

A fine stagione, fece ritorno al Vitesse. Dopo aver giocato 3 partite in squadra e messo a segno una rete, il 21 agosto 2013 rinnovò il contratto che lo legava al club olandese per altre due stagioni, per poi essere ceduto in prestito agli inglesi del Barnsley.[17] Esordì nella Football League Championship in data 24 agosto, sostituendo Chris O'Grady nella sconfitta per 5-2 contro il Blackburn.[18] Il 31 agosto realizzò la prima rete, nel 3-1 sull'Huddersfield Town.[19]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Pedersen ha giocato con diverse selezioni giovanili della Norvegia. Nel mese di giugno 2009, fu convocato per la prima volta nella Norvegia Under-21. Fu convocato dal commissario tecnico Egil Olsen in vista degli impegni amichevoli della Norvegia contro Sudafrica e Zambia.[20] L'8 gennaio effettuò il suo esordio, subentrando ad Alexander Søderlund nella vittoria per 0-1 contro la Nazionale sudafricana.[21] Il 7 maggio 2013, fu incluso nella lista provvisoria consegnata all'UEFA dal commissario tecnico Tor Ole Skullerud in vista del campionato europeo Under-21 2013.[22] Il 22 maggio, il suo nome comparve tra i 23 calciatori scelti per la manifestazione.[23] La selezione norvegese superò la fase a gironi, per poi venire eliminata dalla Spagna Under-21 in semifinale. In base al regolamento, la Norvegia ricevette la medaglia di bronzo in ex aequo con l'Olanda Under-21, altra semifinalista battuta.[24]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 7 luglio 2014.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2007 Norvegia HamKam 1D 4 0 CN 0 0 - - - - - - 4 0
2008 ES 5 1 CN 1 0 - - - - - - 6 1
Totale HamKam 9 1 1 0 - - - - 10 1
2009 Norvegia Strømsgodset ES 24 10 CN 0 0 - - - - - - 24 10
gen.-lug. 2010 ES 16 7 CN 3 4 - - - - - - 19 11
Totale Strømsgodset 40 17 3 4 - - - - 43 21
2010-2011 Paesi Bassi Vitesse ED 16 5 CO 1 0 - - - - - - 17 5
2011-feb. 2012 ED 9 0 CO 2 1 - - - - - - 11 1
2012 Norvegia Vålerenga ES 15 8 CN 1 1 - - - - - - 16 9
ago. 2012 Paesi Bassi Vitesse ED 0 0 CO 0 0 - - - - - - 0 0
ago. 2012-2013 Danimarca Odense SL 24 7 CD 2 2 - - - - - - 26 9
lug.-ago. 2013 Paesi Bassi Vitesse ED 2 1 CO - - UEL 1[25] 0 - - - 3 1
Totale Vitesse 27 6 3 1 1 0 - - 31 7
ago. 2013-2014 Inghilterra Barnsley FLC 18 2 FACup+CdL 1+1 0 - - - - - - 20 2
Totale 132 41 12 8 1 0 - - 145 49

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Norvegia Norvegia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
09/01/2013 Città del Capo Sudafrica Sudafrica 0 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
12/01/2013 Ndola Zambia Zambia 0 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
14/08/2013 Solna Svezia Svezia 4 – 2 Norvegia Norvegia Amichevole -
10/09/2013 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 2 Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 2014 -
15/11/2013 Herning Danimarca Danimarca 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole 1
19/11/2013 Molde Norvegia Norvegia 0 – 1 Scozia Scozia Amichevole -
Totale Presenze 6 Reti 1

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Marcus Pedersen: 1990 - Norvegia, generazioneditalenti.com. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  2. ^ (NO) HamKam 5 - 1 Skeid, altomfotball.no. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  3. ^ (NO) HamKam 2 - 1 Rosenborg, altomfotball.no. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  4. ^ (NO) Strømsgodset 3 - 3 Start, altomfotball.no. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  5. ^ (NO) Strømsgodset 2 - 1 Brann, altomfotball.no. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  6. ^ (EN) Official: Vitesse Sign Nacer Barazite, Matej Delac, Marcus Pedersen, Guram Kashia & Laryea Kingston, goal.com. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  7. ^ (NO) Vitesse 1 - 4 Utrecht, altomfotball.no. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  8. ^ a b (NO) Marcus Pedersen til Vålerenga, vif-fotball.no. URL consultato il 23 febbraio 2012.
  9. ^ (NO) Vålerenga 2 - 1 Haugesund, altomfotball.no. URL consultato il 14 luglio 2012.
  10. ^ (NO) Strømsgodset 3 - 2 Vålerenga, altomfotball.no. URL consultato il 14 luglio 2012.
  11. ^ a b (NO) Pedersen får karantene og bot for bytur, vg.no. URL consultato il 14 luglio 2012.
  12. ^ (NO) Marcus Pedersen, altomfotball.no. URL consultato il 23 luglio 2012.
  13. ^ (NO) Pedersen scoret to mål og feiret med obskøn gest mot hjemmefansen, vg.no. URL consultato il 23 luglio 2012.
  14. ^ (NO) Påtalenemnda skal se på Pedersens «sex-gest», vg.no. URL consultato il 23 luglio 2012.
  15. ^ (NO) Pedersens sex-gest svir på pungen, vg.no. URL consultato il 22 agosto 2012.
  16. ^ (DA) Norsk angriber klar for OB, ob.dk. URL consultato il 31 agosto 2012.
  17. ^ (NL) Pedersen met contractverlenging op weg naar Engeland, vitesse.nl. URL consultato il 21 agosto 2013.
  18. ^ Blackburn Rovers vs. Barnsley, soccerway.com. URL consultato il 7 luglio 2014.
  19. ^ Barnsley vs. Huddersfield Town, soccerway.com. URL consultato il 7 luglio 2014.
  20. ^ (NO) Forfall fra Forren og Johansen, fotball.no. URL consultato il 9 gennaio 2012.
  21. ^ (NO) Sør-Afrika 0 - 1 Norge, altomfotball.no. URL consultato il 9 gennaio 2012.
  22. ^ (NO) Bruttotropp til U21-EM, fotball.no. URL consultato il 7 maggio 2013.
  23. ^ La Norvegia rinuncia a Henriksen, uefa.com. URL consultato il 22 maggio 2013.
  24. ^ Nyland e Johansen tra delusione e orgoglio, uefa.com. URL consultato il 22 giugno 2013.
  25. ^ Presenze nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]