Magnetoterapia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

La magnetoterapia (o elettromagnetoterapia) è un genere di terapia alternativa che utilizza campi magnetici di vario genere. Coloro che attuano questa pratica affermano che sottoporre determinate parti del corpo ai campi magnetici prodotti da magneti produrrebbe effetti benefici sulla salute.

Tuttavia non vi è alcuna prova scientifica che la terapia con magneti o con elettromagneti sia efficace[1][2]. La magnetoterapia non va confusa con lo studio e l eventuale applicazione degli effetti che campi magnetico di forte intensità hanno sul corpo umano >,[3]

Si possono distinguere tre tipi di magnetoterapia[4]:

  • statica;
  • a bassa frequenza;
  • ad alta frequenza.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Lo studio delle interazioni dei campi magnetici con la salute umana è di origini antichissime, e dovrebbe essere fatto risalire addirittura ad Ippocrate e agli antichi Egizi per quanto l'effetto dei magneti permanenti sulla vita umana abbia una valenza molto limitata e più che altro psicologica.

Un salto in avanti in questo campo fu compiuto nel dopoguerra, grazie ai giapponesi Fukuda e Yasuda, ed agli americani Basset e Pilla. Con i loro studi sulle proprietà elettrochimiche dei cristalli costituiti dalle proteine del collagene, e il comportamento piezoelettrico della sostanza ossea, portarono un contributo alla magnetoterapia.

Magnetoterapia statica[modifica | modifica sorgente]

La magnetoterapia basata sui campi magnetici statici, a campo stabile, è considerata una pseudoscienza, sia perché non è una teoria plausibile e conciliabile con la fisica e con la biologia, sia per la mancanza di effetti positivi accertati per la salute[5][6].

L'emoglobina è debolmente diamagnetica ed è respinta dai campi magnetici. I magneti usati sono tuttavia troppo deboli in termini di forza per avere un minimo effetto misurabile sul flusso del sangue[7].

In magnetoterapia la forza del campo magnetico (induzione magnetica) viene espressa in Gauss:

Il flusso magnetico viene espresso come prodotto tra l'induzione magnetica e l'area della superficie perpendicolare all'induzione magnetica, e la sua unità di misura è il Weber: 1 Weber = 1 Newton / Ampére · metro

I magneti utilizzati in magnetoterapia a campo stabile vengono classificati in base all'intensità magnetica:

  • molto bassa: 100-300 Gauss (cc);
  • bassa: 300-700 Gauss (cc);
  • media: 1000-2500 Gauss (cc);
  • alta: 3000-6000 Gauss (cc);
  • massima: 7000-12300 Gauss (cc).

Generalmente la durata dei magneti è illimitata, salvo quelli in ferrite o deliberate operazioni di surriscaldamento del magnete a temperature prossime, pari o superiori al punto Curie dei materiali di cui sono composti (sempre superiori a 300 °Celsius).

Elettromagnetoterapia[modifica | modifica sorgente]

Magnetoterapia a bassa frequenza[modifica | modifica sorgente]

La magnetoterapia a bassa frequenza consiste nell'applicare, tramite un solenoide attraversato da una corrente elettrica pulsante (cioè composta esclusivamente di semionde dello stesso segno), un campo elettromagnetico.

I sostenitori della pratica evidenziano l'importanza che avrebbe la costanza delle applicazioni nel determinare la sua efficacia e sostengono che la magnetoterapia a bassa frequenza, dal momento che agirebbe a livello cellulare, creando un micromassaggio interno ad ogni cellula che faciliterebbe l'eliminazione dei rifiuti metabolici, sarebbe utile nell'ambito di una vasta casistica, in particolare laddove i tessuti siano più ricchi d'acqua.

I sostenitori della pratica la ritengono a loro dire indicata in casi artrite, artrosi, asma, atrofia muscolare, cefalea, distorsioni, fratture, osteoartropatia e prostatite; tuttavia non vi è alcuna evidenza scientifica o clinica della sua presunta efficacia.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'apparecchiatura utilizzata è costituita da uno stadio oscillatore che eroga un'onda quadra la cui frequenza è selezionabile, solitamente tra i 5 e i 100 Hertz. Lo stadio oscillatore è comandato da un timer, che consente di programmare la durata dell'applicazione, e a sua volta pilota uno stadio di potenza, generalmente costituito da uno o più mosfet, che consente di inviare una corrente dell'ordine di almeno 1 ampere nel solenoide utilizzato per generare il campo magnetico.

È utile che sia presente anche un sensore ad effetto Hall per verificare l'effettiva presenza del campo magnetico, e la sua polarità.

Magnetoterapia ad alta frequenza[modifica | modifica sorgente]

La magnetoterapia ad alta frequenza, nota anche come magnetoterapia a radio frequenza, si basa sull'emissione di onde radio di frequenze comprese tra i 18 e i 900 Mhz in brevi impulsi, la cui frequenza è regolabile. I sostenitori affermano che tali onde radio avrebbero la capacità di migliorare la risposta immunitaria delle singole cellule, aiutandole a ritrovare un opportuno "equilibrio". Inoltre, sempre a loro dire e senza che tali risultati siano stati dimostrati in letteratura scientifica, la magnetoterapia ad alta frequenza fluidificherebbe il sangue, migliorando la circolazione, e attenuerebbe le infiammazioni.

Anche per questa versione della magnetoterapia, non esistono né prove scientifiche né cliniche di efficacia.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

La magnetoterapia ad alta frequenza consiste nell'applicare onde radio a larghissimo spettro, da pochi MegaHertz fino al Ghz, con potenze intorno ad 1 W, in impulsi brevissimi (90-100 microsecondi) ripetuti da 40 a 2500 volte al secondo. Secondo i sostenitori della magnetoterapia gli impulsi di AF avrebbero la caratteristica di ripristinare la corretta polarizzazione della membrana cellulare aiutando la cellula a superare uno stato di presunto "squilibrio" (concetto che però non ha alcuna corrispondenza specifica in biologia).

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

A volte erroneamente confusa con il biomagnetismo o con la elettrostimolazione, la magnetoterapia avrebbe, secondo i sostenitori, numerosi campi e numerose modalità di applicazione, ma opererebbe principalmente nella regolarizzazione dell'equilibrio elettrochimico della cellula e restaurando la corretta permeabilità della membrana cellulare; a questo fine le zone interessate da patologie muscolari, articolari, ossee e tessutali in genere, verrebbero sottoposte a irradiazioni mirate.

La magnetoterapia è controindicata per i portatori di stimolatori cardiaci pacemaker e apparecchiature elettroniche in quanto potrebbe interferire con esse, e secondo i praticanti sarebbe controindicata in presenza di patologie neoplastiche, in quanto ne accelererebbe lo sviluppo, potrebbe avere effetti di vasodilatazione e viene sconsigliata in caso di insufficienza coronarica, disturbi ematologici o vascolari, alterazioni funzionali organiche, psicopatologie, epilessia, alcune malattie infettive, micosi, iperfunzione tiroidea, sindromi endocrine, tubercolosi e gravidanza.

Studi sull'efficacia e critiche[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 un report della National Science Foundation evidenziò come la magnetoterapia non abbia basi scientifiche[8].

Le affermazioni di numerosi venditori della magnetoterapia si basano su un linguaggio pseudoscientifico e New Age, e non sono supportate da risultati scientifici o studi clinici[9].

La maggior parte delle critiche concettuali mosse nei confronti della magnetoterapia sono relative seguenti aspetti:

  • I tipici magneti usati producono un insufficiente campo magnetico così da non potere avere alcun effetto su muscoli, sangue, ossa o altri organi[6].
  • Alcuni produttori di apparecchi per la magnetoterapia affermano che il campo magnetico aiuterebbe a fare circolare il sangue interagendo con il ferro contenuto nella emoglobina. Tuttavia in merito non vi è alcuna evidenza scientifica. Inoltre questo assunto non tiene in considerazione il fatto che il ferro interagisce coi campi magnetici solo quando si trova in uno stato solido cristallino e dal momento che il ferro contenuto nel corpo si trova solo ed esclusivamente in forma molecolare solubilizzata nei liquidi biologici non è in grado di risentire della forza che dovrebbe indurre il campo magnetico.
  • Non vi è evidenza scientifica che i magneti siano in grado di restaurare la bilancia dell'energia elettromagnetica del corpo umano.
  • Persino con i molto più potenti campi magnetici utilizzati nell'Imaging a risonanza magnetica si rilevano effetti nulli o poco significativi[10].
  • Molti dei siti che promuovono la magnetoterapia appartengono a persone o aziende che traggono profitto dalla vendita di prodotti magnetoterapici.

In un test randomizzato condotto dall'Energy Medicine Developments, Inc. e pubblicato in Alternative Therapies in Health and Medicine nel 2003 si sostiene che l'elettromagnetismo abbia avuto "piccoli" effetti benefici in pazienti con sclerosi multipla anche se gli stessi autori segnalano che i risultati avrebbero la necessità di essere replicati per essere presi in considerazione[11]. Nel 2006/2007 una review sistematica condotta dalla Cochrane Collaboration non riscontrò alcuna prova che la terapia elettromagnetica fosse utile nella cura di lesioni da pressione[12] o di ulcera varicosa[13].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Moore Cancer Center, University of California, San Diego Medical Center, Complementary and Alternative Therapies For Cancer Patients.
  2. ^ (EN) The American Cancer Society, Electromagnetic Therapy: What is the evidence?.
  3. ^ url= http://www.iss.it/elet/?lang=1&id=79&tipo=5
  4. ^ La magnetoterapia
  5. ^ (EN) Christopher Wanjek, Bad Medicine: misconceptions and misuses revealed from distance healing to vitamin O, Hoboken, New Jersey, John Wiley & Sons, Inc., 2003, pp. 1-253, ISBN 0-471-43499-X.
  6. ^ a b (EN) Robert L. Park, Voodoo Science: The Road from Foolishness to Fraud, New York, New York, Oxford University Press, 2000, pp. 58-63, ISBN 0-19-513515-6 "Not only are magnetic fields of no value in healing, you might characterize these as "homeopathic" magnetic fields.".
  7. ^ (EN) C. Stick, K. Hinkelmann, P. Eggert, H. Wendhausen, Do strong static magnetic fields in NMR tomography modify tissue perfusion? in Nuklearmedizin, vol. 154, 1991, p. 326.
  8. ^ (EN) National Science Board, Science and Engineering Indicators – 2002, Arlington, VA, National Science Foundation, 2002, ch. 7, ISBN 978-0160665790.. "Among all who had heard of [magnet therapy], 14 percent said it was very scientific and another 54 percent said it was sort of scientific. Only 25 percent of those surveyed answered correctly, that is, that it is not at all scientific."
  9. ^ (EN) Magnetic Therapy: Plausible Attraction? di James D. Livingston — articolo dello Skeptical Inquirer
  10. ^ (EN) Safety in Medical Imaging Procedures
  11. ^ (EN) Lappin MS, Lawrie FW, Richards TL, Kramer ED, Effects of a pulsed electromagnetic therapy on multiple sclerosis fatigue and quality of life: a double-blind, placebo controlled trial in Altern Ther Health Med, vol. 9, nº 4, 2003, pp. 38–48, PMID 12868251.
  12. ^ (EN) Olyaee Manesh A, Flemming K, Cullum NA, Ravaghi H, Electromagnetic therapy for treating pressure ulcers in Cochrane Database Syst Rev, nº 2, 2006, pp. CD002930, DOI:10.1002/14651858.CD002930.pub3, PMID 16625564.
  13. ^ (EN) Ravaghi H, Flemming K, Cullum N, Olyaee Manesh A, Electromagnetic therapy for treating venous leg ulcers in Cochrane Database Syst Rev, nº 2, 2006, pp. CD002933, DOI:10.1002/14651858.CD002933.pub3, PMID 16625565.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Adely, W.R. Whispering between cells: electromagnetic fields and regulatory mechanisms in tissue. Frontier Perspect, 3, 21-25, 1993 [1]
  • Alpen, E.L. Magnetic field exposure guideline. In: Magnetic field effect in Biological systems.,cap.3, New York- London, T.S. Tenforde Ed., Plenum Press, 1979.
  • Astumian, R. e Weaver, J.C. The response of living cells to very weak electric fields: the thermal noise limit. Science 247: 459-462, 1990. [2]
  • Baker, R.R.; Kennaugh, J.H.; Mather, J.G. Magnetic bones in Human sinuses, 301, 78-80. Nature, 1983. [3]
  • Barnothy, M.F. Biological Effects of Magnetic Fields. New York, Plenum Press, 1964. [4]
  • Basset, C.A.L.; Pawluk, R.J.; Pilla, A.A. A non operative salvage of surgically resistant pseudoarthrosis and non-union by pulsing electromagnetic fields,124, 128-143. Clin. Orthop. Rel. Res., 1977. [5]
  • Basset, C.A.L.; Pawluk, R.J. Acceleration of fracture repair by electromagnetic fields. A surgically non invasive method. Ann. New York Acad. Sci., 238, 2442-261, 1974. [6]
  • Basset, C.A.L.; Pawluk, R.J.; Pilla, A.A. Augmentation of bone repair by inductively coupled electromagnetic fields. Science 1974; 184:575-577. [7]
  • Betti, E.; Marchetti, S.; Cadossi, R.; Faldini, A. Effect of electromagnetic field stimulation on fractures of the femoral neck. A prospective randomized double-blind study. In Second World Congress for Electricity and Magnetism and in Biology and Medicine. Bologna June 8-13, 1997.
  • Bistolfi, F. Campi Magnetici e Cancro. Torino, Ed. Minerva medica, 1985.
  • Bistolfi, F. Campi Magnetici in Medicina. Torino, Ed. Minerva Medica, 1983. [8]
  • Bistolfi, F. Radiazioni Non Ionizzanti, Ordine, Disordine e Biostrutture. Torino, Ed. Minerva Medica, 1989. [9]
  • Bollet, A.J.; Trock, D.H.; Markoll, R. The effect of PEMF in the treatment of ostheoarthritis of the knee and cervical spine. Journal of rheumatology, 21-1903-1911, 1994. [10]
  • Brechna, H. Medical applications and biological effects of magnetic fields. Roma, 5th Intern. Magnetic Confer., 351-366, 1955.
  • Chiabrera, A.; Nicolini, C.; Schwann, H.P. Interactions between magnetic fields and cells. Londra, Plenum press, 1985. [11]
  • Dal Conte, G.; Rivoltini, P. La Magnetoterapia. In: Elettroterapia, basi fisiologiche ed applicazioni cliniche, 143-152. Milano, Ghedini Editore, 1991.
  • Del Giudice, E.; Doglia, S.; Milani, M.; Vitiello, G. Structures, correlations and electromagnetic interactions in living mater: Theory and applications. In: Biological Coherence and Response to External Stimuli , 49-64. Berlin-Heidelberg, H. Frohlich, ed., 1988.
  • Fukada E.; Yasuda I. Piezoelectric effects in collagen. Jap. J. Appl. Phys., 3, 117-121, 1964. [12]
  • Gerardi, Gabriele; De Ninno, Antonella; Prosdocimi, Marco; Ferrari, Vanni; Barbaro, Filippo; Mazzariol, Sandro; Bernardini, Daniele; Talpo, Getullio. Effects of electromagnetic fields of low frequency and low intensity on rat metabolism, BioMagnetic Research and Technology 2008, doi:10.1186/1477-044X-6-3 [13]
  • Giammarile, P. Magnetoterapia. Roma, Enrico Montagnoli E., 1987.
  • Gigli Berzolari, A. Introduzione all'elettromagnetismo. Pavia, Ed. La Gogliardica Pavese, 1978.
  • Goodman, E.M.; Greenebaum, B.; Marron, M.T. Effect of electromagnetic fields on molecules and cells. Int. rev. Cytol., vol.158:279-338, 1995.
  • Guenel, P.; Lellouch, J. Effects of very-low-frequency electromagnetic fields on health:analysis of epidemiological literature. Paris Cedex 13, Les editions INSERM, vol.101, 1992. Opera citata qui, un interessante articolo sulla magnetoterapia in generale
  • Hinsenkamp, M. Influence of physical factors on osseous consolidation. Bull Mem Acad R Med Belg, 151(12);517-26, 1996. [14]
  • Hinsenkamp, M.; Burny, F.; Donkerwolcke, M.; Coussaert, E. Electromagnetic stimulation of fresh fractures treated with Hoffmann external fixation. Orthopedics, 7: 3 411-416, 1984. Opera citata qui, un articolo completo sull'uso della magnetoterapia per la ricostruzione delle ossa e dei tessuti connettivi.
  • Liboff, A.R.; Williams, T.; Strong, D.M.; Wistar, R. Time-varying magnetic fields: effect on DNA synthesis. 223:818-820, Science 1984.
  • Mammi, G.I.; Rocchi, R.; Cadossi, R.; Traina, G.C. Effect of PEMF on the healing of human tibial osteotomies: a double blind study. Clin. Orthop. Rel. Res., 288: 246-253, 1993.
  • Marchetti, N. Magnetoterapia in ortopedia. Indicazioni e risultati. Bologna, Aulo Gaggi Ed., 1988.
  • Massidda, Piergiorgio e Bradimarte, Bruno. Principi e fondamenti di Magnetoterapia e Laserterapia, Iatreia 2003. [15]
  • Milazzo, G. Proceedings of the First International Meeting of the A.B.A.E.M. on Biological Effects and Therapeutic Applications of Electromagnetic Fields. Venezia, Bioelectrochemistry and Bioenergetics, Vol. 14, 23-25 febbraio 1985.
  • Missoli, F. Trattato di Medicina Fisica e Riabilitazione, Vol. 2 1276-1291, UTET 2000.
  • Polk, C. e Postov E. CRC handbook of biological effects of electromagnetic fields. Boca Raton,FL, CRC Press, Inc., 1986.
  • Presman, A.S. Electromagnetic fields and life. New York-London, Plenum Press, 1970.
  • Presti, D. e Pettinger, D.J. Ferromagnetic coupling to muscle receptors as a basis for geomagnetic field sensitivy in animals. Nature, 285, 99-101, 1980.
  • Wood, A.W. Possible health effects of 50/60 Hz electric and magnetic fields:review of proposed mechanism. Australas Phys. Eng.Sci.Med., vol.16:1-21, 1993.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]