Distorsione (medicina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Distorsione
Sprained foot.jpg
Una caviglia due giorni dopo una distorsione mediale
Codici di classificazione
ICD-10 (EN) T14.3

Una distorsione è una patologia a carico dell'apparato locomotore; è causata da traumi o contusioni soprattutto delle ossa più sporgenti, o di movimenti innaturali delle ossa mobili, ma anche un insufficiente tono muscolare può facilitarla. Consiste in una temporanea modificazione dell'articolazione che non comporta però una perdita di contatto tra le superfici articolari come una lussazione.

La distorsione provoca un danno di gravità variabile alle componenti dell'articolazione: capsula, legamenti, tendini e menischi.

Presentazione clinica[modifica | modifica sorgente]

Le articolazioni interessate da una distorsione sono solitamente il ginocchio, il polso, il gomito e, molto frequentemente, la caviglia. I sintomi caratteristici sono gonfiore, dolore e sensazione di calore. Occorre preoccuparsi molto quando la distorsione è proprio a carico della caviglia, poiché potrebbe portare a distorsioni recidivanti anche per tutta la vita, a causa di disfunzioni permanenti e mancanza di risposta muscolo-tendinea.

Terapia[modifica | modifica sorgente]

Il medico specialista effettuerà gli accertamenti necessari a eliminare il sospetto di una frattura e consiglierà il trattamento più adatto. In caso di distorsione occorrerà mettere immediatamente a riposo l'arto interessato, comprimere l'articolazione con un bendaggio rigido, applicare ghiaccio e, se il caso lo richiede, elevare l'arto per ridurre l'edema.

Nella maggior parte dei casi basta riposo e fasciatura; per alcune distorsioni più gravi si ricorre ad immobilizzare con un'ingessatura come per le fratture, ma raramente si ricorre all'intervento chirurgico per ricostruire i legamenti lesionati. Si ricorre all'operazione quando le condizioni legamentose potrebbero portare ad un'instabilità permanente dell'arto, o alla nascita di complicazioni secondarie (artrosi, altri dolori).

Riabilitazione[modifica | modifica sorgente]

Dopo un periodo di riposo, occorrerà effettuare una opportuna riabilitazione, che consisterà in esercizi per rinforzare la muscolatura e per recuperare l'articolarità. Sarà utile associare anche dei mezzi fisici come l'ultrasuonoterapia, il laser, la magnetoterapia, o anche la mesoterapia. In genere, la riabilitazione consiste nel recupero dell'identica logica posturale precedente al trauma, valutando bene i punti di appoggio del piede al suolo (cosa che spesso viene alterata) e l'allineamento del piede con la gamba.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina