Macbeth (film 1948)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Macbeth
Titolo originale Macbeth
Paese di produzione USA
Anno 1948
Durata 107 min (versione originale)
81 min (versione distribuita)
107 min (versione restaurata dalla UCLA Film and Television Archive 1980)
Colore B/N
Audio sonoro
Genere epico, drammatico, tragico, espressionismo
Regia Orson Welles
Soggetto William Shakespeare
Sceneggiatura Orson Welles
Casa di produzione Mercury Theatre e Republic Pictures
Fotografia John L. Russel
Montaggio Luis Lindsay
Effetti speciali Howard Lydecker
Musiche Jacques Ibert
Scenografia Fred Ritter, Orson Welles, Dan O'Herlihy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Macbeth è un film del 1948 diretto e interpretato da Orson Welles tratto dall'omonima tragedia di William Shakespeare.

Realizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Edgar Barrier nel ruolo di Banqo (da una foto di scena)

Nel 1947 un produttore hollywoodiano minore, Herbert Yates della Republic Pictures, finanzia con una modestissima somma il progetto di Orson Welles di portare il Macbeth di Shakespeare sul grande schermo. In preparazione del film Welles mette in scena la tragedia all’University Theatre di Salt Lake City durante lo Utah Centennial Festival quasi con lo stesso cast. Lo spettacolo debutta il 28 maggio e viene replicato fino al 31 maggio. La troupe si trasferisce poi in California e continua a provare per circa due settimane. Welles decide di preregistrare un playback del film, in modo che si possa poi andare sul set e girare speditamente. Welles chiede agli attori di recitare il testo con un accento scozzese. Le riprese, interamente realizzate negli studi della Republic, durano dal 23 giugno al 17 luglio. Poco dopo Welles parte per l’Europa, dove lavora a distanza al montaggio del film, portandolo a termine soltanto dopo il suo rientro a Hollywood, nell’aprile del 1948. A settembre il film viene iscritto al concorso del Festival del Cinema di Venezia e subito dopo ritirato. Dopo la prima proiezione negli Stati Uniti, avvenuta il 1º ottobre, il produttore esecutivo della Republic, Charles K. Feldman, chiede a Welles di eliminare l'accento scozzese del playback, costringendolo a ricorrere al doppiaggio, e di ridurre la lunghezza del film di circa venti minuti, passando dalla durata originale di 102’ a quella di 81’ della versione distribuita.

Il film è stato ampiamente lodato da Fredy Cancino, referito soprattutto alla sua sceneggiatura, "debordante per l'epoca" secondo le parole di Cancino.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Macbeth, secondo una profezia, diventerà il re di Scozia, così incitato anche dalla moglie, uccide il suo predecessore: il Re Duncan, prendendone il posto sul trono. Sopraffatta dal rimorso, Lady Macbeth si suicida. La tirannia di Macbeth continua con una serie di stragi che coinvolgono tutti i suoi parenti, ma il re alla fine verrà ucciso da Macduff: un suo nipote.

Home video[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il fim è stato distribuito su DVD e Blu Ray:

  • dalla Eagle Pictures nel 2008, contenente la versione italiana da 82 minuti e la versione UCLA da 107 minuti.
  • dalla 4K Studio in Blu Ray nel 2014

Analisi e commenti[modifica | modifica wikitesto]

Fabio Vittorini, La soglia dell’invisibile. Percorsi del Macbeth: Shakespeare, Verdi, Welles, Roma, Carocci, 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema