Luigi Miradori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Miradori (Genova, 1605Cremona, 1656) è stato un pittore italiano, noto come il Genovesino od il Genovese.

Suonatrice di Liuto, esposta presso il Palazzo Bianco di Genova.

Biografia[1][modifica | modifica sorgente]

Nato intorno al 1605, Miradori fu un pittore genovese, esponente della scuola lombarda.

Nel 1627 sposò la genovese Gerolama Venerosi, con cui lascia il capoluogo ligure intorno al 1632 per trasferirsi a Piacenza. Nel 1635 morì la moglie che le aveva dato quattro figli di cui uno solo, Giacomo, sopravvisse all'infanzia.

Nel settembre dello stesso anno sposò la genovese Anna Maria Ferrari, da cui ebbe numerosi figli.

Il timpano del portale della chiesa di Chiesa di San Vito in Pasquirolo, disegnato da Luigi Miradori, 1626-1627

Verso il 1637 si trasferisce a Cremona, ove fu battezzata la figlia Felice Antonia, che seguì anch'essa, come il fratello Giacomo le orme paterne.

La maggioranza delle sue opere sono conservate nelle chiese della sua città d'adozione, Cremona, dove morì intorno al 1656.

Opere[2][modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ MIRADORI, Luigi, detto il Genovesino Treccani.it
  2. ^ Opere d'arte di LUIGI MIRADORI detto GENOVESINO (1605C.-1659C.) Arteantica.eu
  3. ^ Luigi Miradori (detto il Genovesino) Sacra Famiglia, 1639 Piacenzamusei.it
  4. ^ Les cahiers d'Alain Truong Alaintruong.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]