Lucio Postumio Albino (console 234 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Postumio Albino
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Lucius Postumius Albinus
Gens Postumia
Consolato 234 a.C.
229 a.C.
215 a.C.

Lucio Postumio Albino (Lucius Postumius Albinus; ... – ...) è stato un militare e politico romano del III secolo a.C..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu eletto console romano nel 234 a.C., quando combatté contro i Liguri, vincendoli. Eletto di nuovo console nel 229 a.C., guidò la guerra contro gli Illiri di cui sconfisse nel 228 a.C. la regina, Teuta.

Nel 216 a.C., durante la seconda guerra punica, fu inviato nella Gallia Cisalpina come pretore. Eletto ancora console per l'anno successivo, il 215 a.C., non poté prendere possesso della carica perché, sconfitto dai Galli Boi nella Battaglia della Selva Litana, 216 a.C., fu ucciso in battaglia. I Galli Boi usarono la sua testa per farne una coppa per libare agli dei.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Tito Livio, Ab urbe condita libri, XXII, 35; XXIII, 24.
  • Polibio, Storie, III, 106, 118.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P. A. Brunt. Classi e conflitti sociali nella Roma repubblicana. Bari, Laterza, 1972. BNI 732105
  • Itala Dondero e Patrizio Pensabene. Roma repubblicana fra il 509 e il 270 a. C.. Roma, Quasar, 1983. ISBN 8885020410.
  • Antonietta Dosi. Lotte politiche e giochi di potere nella Roma repubblicana. Milano, Mursia, 1999. ISBN 8842525855.
  • Emilio Gabba. Esercito e società nella tarda repubblica romana. Firenze, La nuova Italia, 1973. BNI 7311654.
  • Andrea Giardina. L'uomo romano. Roma-Bari, Laterza, 1989. ISBN 88-420-3471-1
  • Jacques Harmand. L'armee et le soldat a Rome. Paris, Picard, 1967.
  • J. Michelet, Storia di Roma, Rimini, Rusconi, 2002.
  • Theodor Mommsen. Storia di Roma. Milano, Dall'Oglio, 1961.
  • Theodor Mommsen. Romisches Strafrecht Stellenregister. Munchen, Beck, 1982. ISBN 3406086888.
  • Lucia Monaco. Battaglie ambigue e svolte costituzionali nella Roma repubblicana. Napoli, Jovene, 1997. ISBN 8824311741
  • Claude Nicolet. Il mestiere di cittadino nell'antica Roma. Roma, Editori riuniti, 1980. BNI 8111132.
  • Claude Nicolet. Strutture dell'Italia romana, (sec. 3.-1. a.C.). Roma, Jouvence, 1984. ISBN 8878010472.
  • Paolo Sommella. Antichi campi di battaglia in Italia, contributi all'identificazione topografica di alcune battaglie d'età repubblicana. Roma, De Luca, 1967. BNI 684608.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Fasti consulares Successore LupaCapitolina.png
Tito Manlio Torquato I
e
Gaio Atilio Bulbo II
(234 a.C.)
con
Spurio Carvilio Massimo Ruga I
Quinto Fabio Massimo Verrucoso
e
Manio Pomponio Matone
I
Marco Emilio Barbula
e
Marco Giunio Pera
(229 a.C.)
con
Gneo Fulvio Centumalo
Spurio Carvilio Massimo Ruga II
e
Quinto Fabio Massimo Verrucoso II
II
Lucio Emilio Paolo II
e
Gaio Terenzio Varrone
(215 a.C.)
con Tiberio Sempronio Gracco I
(suff) Quinto Fabio Massimo Verrucoso III
e
(suff) Marco Claudio Marcello II
III