Le 13 fatiche di Ercolino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Le tredici fatiche di Ercolino)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Le 13 fatiche di Ercolino
film anime
Una scena del film
Una scena del film
Titolo originale Saiyuki
Regia
Sceneggiatura
Animazione
Musiche Ryoichi Hattori
1ª proiezione 14 agosto 1960
Durata 88 min

Le 13 fatiche di Ercolino (西遊記 Saiyuki?) è un film d'animazione giapponese del 1960 basato sulla leggenda cinese Il viaggio in Occidente, basato anche sul manga del 1952 Boku no Son Gokū (ぼくのそんごくう lett. Il mio Son Goku?) di Osamu Tezuka. La Toei inserì il nome del celebre mangaka nei credit come co-regista a scopo pubblicitario, avendo Tezuka in realtà preso parte alla lavorazione del film solo come sceneggiatore.[1]

È stato uno dei primi film d'animazione nipponica ad essere distribuito negli Stati Uniti, lì intitolato Alakazam the Great.

Sia nell'edizione italiana, che in quella americana, tutti i nomi dei personaggi sono stati cambiati per via dell'uso della semplificazione culturale che si usava all'epoca. Ad esempio il protagonista, in originale Son Goku, è stato ribattezzato in italiano Ercolino, mentre Alakazam nella versione inglese.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ercolino è una scimmia (per la precisione un Macaco dalla lunga coda) giovane e coraggiosa che viene incoraggiato da tutte le altre scimmie a diventare il loro unico capo. Dopo aver così ottenuto il trono, rivela il suo carattere maleducato e dittatoriale, e non crede che gli esseri umani possano essere più grandi di lui.

Costringe Merlino il mago ad insegnargli tutti i segreti della magia da lui conosciuti, il quale a malincuore lo fa, non prima però d'averlo avvertito che ciò avrebbe anche potuto causargli molta sofferenza ed infelicità). Ercolino è però sempre più arrogante e vanitoso, fino a giungere al punto d'abusar dei suoi poteri. La sua presunzione lo porterà fino a MajutsuLand (il Regno celeste) per sfidare il Re Amo. Viene però sconfitto e per punizione è condannato a viaggiare col Principe Amat per fargli da guardia del corpo durante i suoi pellegrinaggi: questo per imparare finalmente un po' d'umiltà, misericordia e saggezza nel combattimento. Infine, impara la lezione e diventa un vero eroe.

La morale che se ne riceve è quella classica della fiaba di tutti i tempi: ovvero che l'orgoglio e l'ambizione smisurate, quando non vengono supportate anche da sapienza e modestia (le qualità negative debbon sempre esser bilanciate da quelle positive), conducono irreparabilmente alla perdizione.

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Personaggi Voce giapponese Voce italiana
Ercolino (Son Goku) Kiyoshi Komiyama Massimo Turci
Amo (Shaka-nyorai) Kunihisa Takeda Renato Turi
Amal (monaco Sanzo) Nobuaki Sekine Giuseppe Rinaldi
Amas (Kanzeon Bosatsu) Katsuko Ozaki Renata Marini
Capo delle Pattuglie Galattiche Arturo Dominici
Torta di Luna Cesare Polacco
Merlino Giorgio Capecchi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Guido Tavassi, Storia dell'animazione giapponese. Autori, arte, industria, successo dal 1917 a oggi, Tunué, 2012, p. 76-77.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga