Le 13 fatiche di Ercolino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Le tredici fatiche di Ercolino)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Le 13 fatiche di Ercolino
Le 13 fatiche di Ercolino.png
Titolo originale
Titolo originale 西遊記 (Saiyuki)
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1960
Durata 88 min (versione originale)
84 min (versione internazionale)
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere animazione, avventura, fantastico, musicale, sentimentale
Regia Taiji Yabushita, Daisaku Shirakawa
Soggetto Osamu Tezuka
Sceneggiatura Keinosuke Uegusa, Goro Kontaibo, Hideyuki Takahashi
Produttore Goro Kontaibo, Hideyuki Takahashi
Produttore esecutivo Hiroshi Okawa
Casa di produzione Toei Dōga
Distribuzione (Italia) Globe Films International
Animatori Akira Okubara, Yasuji Mori
Fotografia Harusato Otsuka, Komei Ishikawa, Kenji Sugiyama, Seigo Otsuka
Montaggio Shintaro Miyamoto, Kanjiro Igusa
Musiche Ryoichi Hattori
Sfondi Eiko Sugimoto, Kazuo Ozawa, Kimiko Saito, Mataji Urata, Saburo Yoki
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

22ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia: "Premio speciale"

Le 13 fatiche di Ercolino (西遊記 Saiyuki?) è un film del 1960 diretto da Taiji Yabushita e Daisaku Shirakawa. È un film anime prodotto dalla Toei Dōga e basato sul manga del 1952 Boku no Son Gokū (ぼくのそんごくう lett. Il mio Son Goku?) di Osamu Tezuka, a sua volta un adattamento del romanzo cinese Il viaggio in Occidente (1590). La Toei Company inserì il nome di Tezuka nei titoli di testa come co-regista. Tuttavia, Tezuka in seguito affermò di essere andato nello studio solo per le foto pubblicitarie,[1] e il suo apporto effettivo fu quindi solo come autore del soggetto.[2] Il suo coinvolgimento come consulente per l'adattamento del suo manga, e nella promozione del film, portò tuttavia al suo interesse per l'animazione.[3]

Fu uno dei primi film anime ad essere distribuiti negli Stati Uniti, dove uscì il 26 luglio 1961 con il titolo Alakazam the Great ad opera dell'American International Pictures. Per l'occasione il film venne pesantemente modificato per rimuovervi ogni riferimento al manga e alle tradizioni orientali: furono cambiati nomi e ruoli dei personaggi, ambientazione e alcuni particolari della trama, alcune scene vennero spostate e altre furono eliminate, i dialoghi vennero quasi completamente cambiati (anche aggiungendo un narratore), e la colonna sonora originale fu sostituita da una nuova partitura di Les Baxter. Questa versione venne poi esportata nel resto dell'Occidente, tra cui l'Italia (dove uscì il 6 marzo 1962).

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ercolino è una scimmia (per la precisione un Macaco dalla lunga coda) giovane e coraggiosa che viene incoraggiato da tutte le altre scimmie a diventare il loro unico capo. Dopo aver così ottenuto il trono, rivela il suo carattere maleducato e dittatoriale, e non crede che gli esseri umani possano essere più grandi di lui.

Costringe Merlino il mago ad insegnargli tutti i segreti della magia da lui conosciuti, il quale a malincuore lo fa, non prima però d'averlo avvertito che ciò avrebbe anche potuto causargli molta sofferenza ed infelicità). Ercolino è però sempre più arrogante e vanitoso, fino a giungere al punto d'abusar dei suoi poteri. La sua presunzione lo porterà fino a MajutsuLand (il Regno celeste) per sfidare il Re Amo. Viene però sconfitto e per punizione è condannato a viaggiare col Principe Amat per fargli da guardia del corpo durante i suoi pellegrinaggi: questo per imparare finalmente un po' d'umiltà, misericordia e saggezza nel combattimento. Infine, impara la lezione e diventa un vero eroe.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Beck, Jerry, The animated movie guide, Chicago, Chicago Review Press, 2005, ISBN 1-55652-591-5.
  2. ^ Guido Tavassi, Storia dell'animazione giapponese, Latina, Tunué, 2012, pp. 76-77, ISBN 978-88-97165-51-4.
  3. ^ Patten, Fred. 1996. A Capsule History of Anime at Animation World Network

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]