L'ultimo appello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ultimo appello
L'ultimo appello.png
Gene Hackman in una scena del film
Titolo originale The Chamber
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1996
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere thriller
Regia James Foley
Soggetto John Grisham
Sceneggiatura William Goldman, Chris Reese
Produttore John Davis, Brian Grazer, Ron Howard
Casa di produzione Universal Pictures
Montaggio Mark Warner
Musiche Carter Burwell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'ultimo appello (The Chamber) è un film del 1996 diretto da James Foley, con Chris O'Donnell, Gene Hackman e Faye Dunaway.

È tratto dal romanzo L'appello (1994) di John Grisham.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sam Cayhall, un ex militante del gruppo razzista del Ku Klux Klan è in attesa di essere giustiziato per l'omicidio di due bambini di colore avvenuto nel 1967, durante un attentato dinamitardo al loro padre, un attivista dei diritti civili. Ad un mese dall'esecuzione Sam riceve la visita a sorpresa del giovane avvocato Adam Hall, suo nipote; questi, a dispetto delle oggettive difficoltà, tenterà di salvarlo. Adam trova i nomi degli altri esecutori del delitto, e in cambio chiede al governatore la sospensione dell'esecuzione di suo nonno. Il governatore però non accetta e Cayhall viene giustiziato nella camera a gas.

Differenze tra il romanzo e il film[modifica | modifica sorgente]

Nel romanzo le vittime sono ebrei, nel film sono afroamericani.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema