Konstantin Ustinovič Černenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Konstantin Černenko
ConstantineChernenko.png

Segretario generale del Partito comunista dell'Unione Sovietica
Durata mandato 13 febbraio 1984 –
10 marzo 1985
Predecessore Jurij Andropov
Successore Michail Gorbačëv

Presidente del Praesidium del Soviet supremo dell'URSS
Durata mandato 11 aprile 1984 –
10 marzo 1985
Predecessore Vasilij Kuznecov
Successore Vasilij Kuznecov

Dati generali
Partito politico PCUS
Firma Firma di Konstantin Černenko

Konstantin Ustinovič Černenko in russo: Константи́н Усти́нович Черне́нко? (Bol'šaja Tes', 24 settembre 1911Mosca, 10 marzo 1985) è stato un politico sovietico.

Fin da giovanissimo aderì al Komsomol e in un secondo tempo, dal 1931, al Partito Comunista dell'Unione Sovietica (PCUS).

Stretto collaboratore di Leonid Brežnev, diventò segretario del Comitato centrale e responsabile dell'ideologia del PCUS, di cui divenne segretario generale nel febbraio 1984 alla morte del suo predecessore Jurij Andropov.

Esponente dell'ala conservatrice del partito, riprese la tensione diplomatica con gli Stati Uniti.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Primi tempi[modifica | modifica sorgente]

Černenko nacque nel villaggio di Bol'šaja Tes' (ora nel distretto di Novosëlovskij, nell'attualeTerritorio di Krasnojarsk) da una povera famiglia. Il padre era un minatore in una miniera d'oro, la madre contadina. Černenko aderì al Komsomol nel 1926 e al Partito Comunista dell'Unione Sovietica nel 1931. Dal 1930 al 1933 militò nelle Guardie di Frontiera Sovietiche nel confine Sovietico-Cinese e successivamente si specializzo in attività di propaganda per il Partito Comunista. Nel 1945 ottenne un diploma da una scuola di specializzazione del partito a Mosca e nel 1953 finì un corso per corrispondenza per diventare docente.

Il vero punto di svolta nella carriera di Černenko avvenne nel 1948 quando diventò capo del dipartimento per la propaganda della Repubblica Socialista Sovietica Moldava. Qui incontrò e prese confidenza con Leonid Brežnev, segretario generale della Moldavia dal 1950 al 1952 e futuro capo dell'URSS. Černenko seguì Brežnev nel 1956 a Mosca per ricoprire un ruolo simile a quello in Moldavia al Comitato Centrale del PCUS a Mosca. Nel 1960 quando Brežnev fu nominato capo del Presidium del Soviet Supremo (capo di stato dell'Unione Sovietica) Černenko diventò il capo del suo staff.

Leader dell'Unione Sovietica[modifica | modifica sorgente]

Quando Andropov morì nel febbraio 1984, dopo soli due anni al potere, Černenko fu eletto per rimpiazzarlo nonostante fosse già malato. Černenko rappresentò il ritorno alla politica della fine dell'era Brežnev. Supportò il ruolo delle unioni dei lavoratori e riformò l'educazione e la propaganda. Nello stesso boicottò (e invitò i Paesi del blocco comunista a farlo) le Olimpiadi 1984 svoltesi negli Stati Uniti, a Los Angeles.

In politica estera negoziò un patto commerciale con la Repubblica Popolare Cinese. Nonostante i richiami per diminuire le armi proposto dagli Stati Uniti Černenko rifiutò subito, ma nel 1985 per prevenire una possibile escalation della Guerra Fredda cominciò a trattare con gli Stati Uniti.

Morte ed eredità politica[modifica | modifica sorgente]

Dalla fine del 1984 Černenko si doveva recare molto spesso in ospedale cosicché il Politburo dovette mettere una firma facsimile a tutte le lettere come fece anche Andropov quando stava morendo. Una cosa considerata crudele anche dai suoi avversari effettuata contro Černenko fu quando Grišin lo portò dal letto d'ospedale nel quale era ormai vicino alla morte a votare per le elezioni del 1985.

Fu sepolto nella Necropoli del Cremlino.

L'impatto della morte di Černenko, o per meglio dire, la mancanza di tale impatto fu simboleggiato dal fatto che fu segnalata alla stampa sovietica con un relativo ritardo. Infatti i giornali sovietici uscirono nei negozi con la morte di Černenko e l'elezione di Gorbačëv lo stesso giorno. Le edizioni furono così composte:

  • Pagina 1: Resoconto della seduta dell'11 marzo quando fu eletto Gorbačëv, la sua biografia e una sua grande foto
  • Pagina 2: Annuncio delle dimissioni di Černenko e Necrologio.

Alla sua morte, la città di Šarypovo, capoluogo della sua regione natale, assunse in suo onore il nome di Černenko.

Ebbe un figlio dalla sua prima moglie (da cui divorziò) che diventò propagandista a Tomsk. Dalla sua seconda moglie, Anna Dmitr'evna Ljubimova ebbe due figlie: Elena (che lavorò all'istituto di storia del Partito) e Vera (che lavorò all'ambasciata Sovietica di Washington DC) e un figlio, Vladimir, che fu un editorialista del Goskino.

Aveva una Gosdača chiamata Sosnovka-1 con un territorio di 11,5 ettari sulla Moscova con una spiaggia privata. Il precedente proprietario della casa era Suslov.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

onorificenze sovietiche[modifica | modifica sorgente]

Eroe del Lavoro Socialista (3) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe del Lavoro Socialista (3)
Ordine di Lenin (4) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (4)
Ordine della Bandiera rossa del Lavoro (3) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del Lavoro (3)
Medaglia al merito del lavoro durante la grande guerra patriottica del 1941-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito del lavoro durante la grande guerra patriottica del 1941-1945
Premio Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Premio Lenin

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Ordine di Giorgi Dimitrov (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Giorgi Dimitrov (Bulgaria)
Ordine di Klement Gottwald (Cecoslovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Klement Gottwald (Cecoslovacchia)
Ordine di Karl Marx (Repubblica Democratica Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx (Repubblica Democratica Tedesca)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Segretario generale del PCUS Successore Flag of the Soviet Union.svg
Jurij Andropov 13 febbraio 1984 - 10 marzo 1985 Michail Gorbačëv
Predecessore Presidente del Praesidium del Soviet supremo dell'URSS Successore Flag of the Soviet Union.svg
Vasilij Vasil'evič Kuznecov (facente funzione) 11 aprile 1984 - 10 marzo 1985 Vasilij Vasil'evič Kuznecov

Controllo di autorità VIAF: 27077285 LCCN: n79115293

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie