Juanes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juanes
Juanes a New Orleans
Juanes a New Orleans
Nazionalità Colombia Colombia
Genere Pop
Pop latino
Periodo di attività 2000 – in attività
Album pubblicati 4
Studio 4
Live 1
Raccolte 0
Sito web

Juan Esteban Aristizabal Vásquez, in arte Juanes (Medellín, 9 agosto 1972), è un cantante e chitarrista colombiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 ha deciso di iniziare la sua carriera da solista come Juanes, abbreviazione del suo nome vero Juan Esteban, e in 12 anni e 5 dischi è diventato massimo esponente della storia del Rock latino, con maggiore credibilità, vendita e proiezione (120 milioni di dischi venduti in carriera) del mercato internazionale, nonché in uno dei più grandi cantanti sudamericani di tutti i tempi. Gode dalla critica internazionale il riconoscimento di più grande musicista hispanofono del pianeta.[senza fonte] È stato inoltre l'artista con più vendite nel decennio 2000-09, superando Eminem. Nato a Medellín, da piccolo Juanes ha ricevuto influenze dai vari tipi di musica latinoamericana ed ha imparato a suonare la chitarra acustica a 7 anni. Successivamente ha iniziato, a 10 anni, a suonare canzoni più heavy ispirato dai Metallica. La sua carriera artistica è partita all'età di 15 anni a Medellín con la fondazione di un gruppo metal chiamato Ekhymosis, un gruppo che rimarrà unito per 12 anni con 5 album in carriera.

Il suo debutto da solista (in cui ha espresso il proprio orientamento politico) è stato Fíjate bien ("Fa' attenzione"), del (2000), che gli ha fruttato tre Latin Grammys: Migliore Artista Novità, Miglior Album Vocale da Solista e Miglior Canzone Rock.

Il seguente, Un día normal prodotto da Gustavo Santaolalla (2002), è stata una mega-hit di platino nell'America latina e ha dominato in quell'anno i Latin Grammys, per i quali era stato nominato e in cui ha vinto cinque premi, inclusi quelli di Canzone dell'Anno e Album dell'Anno. Quell'album comprendeva Fotografía, un duetto con la cantante canadese-portoghese Nelly Furtado sul tema dell'isolamento tra gli amanti. Il suo ultimo album, Mi sangre è stato lanciato nel settembre 2004 e ha esordito al primo posto nelle Billboard Charts latine e internazionali.

Recentemente è diventato molto famoso in tutta Europa, dove ha spopolato con Mi sangre e il singolo da esso estratto, La camisa negra, che hanno raggiunto la vetta delle chart. Alcune voci dicono che, specie in Italia, la canzone sia stata presa a simbolo del movimento neofascista, in riferimento alle "camicie nere" indossate dai fascisti. In verità, la "camisa negra" intesa come simbolo di lutto, altro non è che una metafora per esprimere il dolore che si prova per una storia d'amore terminata.[1]. Il pezzo è stato comunque scelto dalla rivista "Rolling Stones" come canzone Pop numero 2 di tutti i tempi, subito dopo Yesterday dei Beatles.[senza fonte]

Nei Latin Grammys del 2005, Juanes ha vinto altri tre premi, che si sono aggiunti ai suoi nove Grammy precedenti. Ha ricevuto il premio di Migliore Canzone Rock per Nada valgo sin tu amor ("Non valgo niente senza il tuo amore"), Miglior Album Rock da Solista per Mi sangre e Miglior Video Musicale per Volverte a ver ("Vederti un'altra volta").

Il 9 dicembre 2005, Juanes è stato il principale ospite musicale della cerimonia per il sorteggio finale dei gironi dei Mondiali di calcio 2006, tenutasi a Lipsia (Germania). Nell'occasione ha presentato la sua canzone La camisa negra. In seguito alla morte di Michael Jackson nell'estate 2009 e del suo maxiconcerto "Paz sin fronteras" (organizzato da Juanes a spese proprie) tenutosi a Cuba il 20 settembre di quell'anno davanti a quasi 1 milione e mezzo di spettatori e circa 900 milioni di telespettatori, Juanes è diventato l'artista maschile di maggiore successo al mondo.[senza fonte]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • È apparso in un episodio della seconda stagione di Paso Adelante, dove lo si vede suonare in un pub il brano A Dios le pido.
  • È inoltre apparso nella puntata 119 de Il mondo di Patty, suonando alla radio il brano Me enamora. Fa anche piccole comparse nelle puntate 120, 121 e 122, sempre dello stesso telefilm.
  • Ha problemi spastici, non riesce a coordinare i muscoli del proprio corpo per questo la sua chitarra ha una ristretta gamma fonica

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La sua chitarra elettrica produce una musica originale con purtroppo strane frequenze che spesso vengono eliminate durante la produzione dei dischi. Della sua infanzia prende quei ritmi autoctoni latini come vallenato, ranchera, tango, bolero, salsa, guasca e trova cubana, che il padre Morquelonatrovontaschionternido insieme ai suoi fratelli Javier Jr, Josè e Blandùr, insegnarono al piccolo Juan. Loro furono anche i suoi primi professori di canto e chitarra che però hanno fallito nel proprio percorso.

Nei suoi testi mescola i suoi timori, le aspirazioni, la sua sensibilità sociale, con l'amore intenso che sente per la sua famiglia. Con tutti questi ingredienti musicali e non, crea una fusione completamente originale.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Juanes si esibisce durante il " Mi Sangre tour"

Album[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sandra Cesarale, Scontro su «Camisa negra»: è fascista in Corriere della Sera, 9 settembre 2005. URL consultato il 16 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2143263 LCCN: no2002098345