Isabella d'Armenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Regno di Cilicia
Rupenidi

Armoiries Leon II Arménie.svg

Ruben I (1080-1095)
Costantino I (1095-1102),
Teodoro I (1102-1129)
Leone I (1129-1140)
Teodoro II (1169-1170)
Ruben II (1169-1170)
Mleh (1170-1175)
Ruben III (1175-1187)
Leone II (1187-1198)
Isabella (1219-1252)
Moneta raffigurante la regina Zabel con il re Hetum.

Isabella d'Armenia o Zabel ((HY) Զապել; 1216 o 121922 gennaio 1252) fu regina della Piccola Armenia dal 1219 fino alla morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlia di Leone, primo re della Piccola armenia, e della sua seconda moglie, Sibilla di Lusignano, figlia di Amalrico II di Lusignano e di Isabella di Gerusalemme.

Leone nominò sua erede Isabella[1], nonostante l'esistenza di due parenti maschi:

Isabella aveva solo tre anni, quindi la reggenza fu assicurata in un primo tempo da Adam di Bagras, e quando questi fu ucciso dagli Assassini nel 1220, dall'Hetumide Costantino, signore di Barbaron e di Partzerpert.

Ella fu dapprima promessa, nel 1216, ad Andrea, un figlio del re Andrea II d'Ungheria, ma il fidanzamento fu rotto nel 1219.

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Si sposò due volte; la prima il 25 gennaio del 1221[2] con Filippo, figlio di Boemondo IV d'Antiochia. Dopo essere stato incoronato re Filippo si rese rapidamente impopolare tentando di stabilire in Cilicia le usanze occidentali e di far riunire la Chiesa armena con la Chiesa di Roma; fu assassinato il 24 gennaio 1226 a seguito di un'insurrezione organizzata da Costantino di Barbaron.

Il 14 maggio 1226, (ma il matrimonio non sarà riconosciuto da Roma che nel 1237[3]) fu costretta a sposare il figlio di Costantino di Barbaron, Aitone I; quest'ultimo, anche se era arrivato al potere grazie ad una reazione anti-occidentale, praticherà una politica estera filo-occidentale, pur mantenendo all'interno le specificità politiche e religiose armene.

Aitone fu co-regnante (o regnante) della Cilicia armena dal 1226 al 1270. La coppia ebbe otto figli:

  • Rita d'Armenia, sposa nel 1261 Costantino, signore di Saravantikar;
  • Vacahk, morto giovane;
  • Isabella (m. 1269) promessa nel 1267 a Mouid ad-Din Suleiman (m. 1276).

La morte[modifica | modifica sorgente]

Zabel morì il 22 gennaio 1252, all'inizio della Quaresima; con lei finì la dinastia dei Rupenidi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il giorno prima di morire, il 2 maggio 1219, senza eredi maschi Leone II aveva proclamato regina sua figlia Isabella (Zabel). ( Toumanoff , op. cit., p. 633)
  2. ^ (o forse nel 1222 o 1223)
  3. ^ Non si trattò di una vera e propria ingerenza di Roma nella politica interna ma di una deroga per consanguineità, essendo i coniugi cugini figli di germani.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Cyril Toumanoff, Armenia and Georgia in Cambridge Medieval History, vol. IV, Cambridge, Cambridge University Press, 1966, pp. 593-637.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina della Piccola Armenia
Dinastia dei Rupenidi
Successore Armoiries Leon II Arménie.svg
Leone II d'Armenia 1219–1220
reggente: Adam di Bagras
I
1220–1221
reggente: Costantino di Barbaron
II
1221–1226
consorte Filippo d'Antiochia
III
1226–1252
consorte: Aitone I
Aitone I d'Armenia IV