If You Can't Stand the Heat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
If You Can't Stand the Heat...
Artista Status Quo
Tipo album Studio
Pubblicazione 27 ottobre 1978
Durata 37 min : 53 s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Blues rock
Hard rock
Boogie rock
Etichetta Vertigo
Produttore Pip Williams
Registrazione Estate del 1978 presso i Wisselord Studios, Hilversum, Olanda
Note Ristampato nel 2005 con 1 bonus track
Certificazioni
Dischi di platino UK: 1
Status Quo - cronologia
Album precedente
(1977)
Album successivo
(1979)

If You Can't Stand The Heat è il titolo dell’undicesimo album di studio inciso dalla rock band inglese Status Quo, pubblicato per la prima volta nell’ottobre del 1978.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Gli Status Quo portano avanti la fase di sperimentazione sonora aperta col precedente album Rockin' All Over the World e contaminano ulteriormente il loro rock col ricorso a sintetizzatori, strumenti a fiato e influenze disco.[1]

Il prodotto ha il grande merito di consentire al gruppo di superare indenne la tempesta musicale scatenata dal neonato movimento punk ed ottiene anche un grande successo commerciale piazzandosi al terzo posto delle classifiche inglesi, ma scontenta la base storica dei seguaci della band, ancora legatissimi alle ruvide sonorità hard degli album precedenti.[2]

Dall’album vengono estratti e pubblicati come singoli la iniziale Again and Again (n. 13 UK), di fatto la sola traccia veramente hard dell’intero lavoro, e Accident Prone (n. 36 UK), brano connotato da evidenti contaminazioni disco.

Note:

  • Il curioso titolo dell'album trae origine da una nota frase attribuita a Harry Truman, presidente degli Stati Uniti dal 1945 al 1953, divenuta ormai proverbiale nel mondo anglosassone.
  • Tra le coriste che partecipano alla registrazione dell’album, figura anche Jaquie Sullivan, che qualche anno più tardi diverrà una delle componenti del celebre gruppo pop Bananarama.
  • Il brano I'm Giving Up My Worryin' è stato interpretato in una versione molto più dura dal cantante heavy metal inglese Graham Bonnet ed inserito nel suo album solista No Bad Habits, uscito anch'esso nel 1978.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Again and Again - 3:40 - (Parfitt/Lynton/Bown)
  2. I'm Giving Up My Worryin' - 3:03 - (Rossi/Frost)
  3. Gonna Teach You to Love Me - 3:09 - (Lancaster/Green)
  4. Someone Show Me Home - 3:51 - (Rossi/Frost)
  5. Long Legged Linda - 3:29 - (Bown)

Lato B

  1. Oh! What a Night - 3:45 - (Parfitt/Bown)
  2. Accident Prone - 5:05 - (Williams/Hutchins)
  3. Stones - 3:57 - (Lancaster)
  4. Let Me Fly - 4:22 - (Rossi/Frost)
  5. Like a Good Girl - 3:28 - (Rossi/Young)

Tracce bonus dell'edizione CD

  1. Accident Prone (Single Version) - 5:05 - (Williams/Hutchins)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

British album chart[modifica | modifica wikitesto]

"If You Can’t Stand the Heat" nelle classifiche inglesi - ingresso: 11-11-1978
Settimana 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14
Posizione
3
4
11
19
22
35
34
34
25
22
43
39
47
71
uscito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale BBC. URL consultato il 4 giugno 2009.
  2. ^ Classifiche ufficiali inglesi. URL consultato il 4 giugno 2009.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock