In the Army Now (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In the Army Now
Artista Status Quo
Tipo album Singolo
Pubblicazione 22 settembre 1986
Durata 12 min : 37 s
Album di provenienza In the Army Now
Genere Pop rock
Hard rock
Etichetta Vertigo
Produttore Pip Williams
Registrazione febbraio - marzo 1986 presso lo Jacob’s Studio, Inghilterra
Formati Rilasciato in due diversi formati di vinile
Status Quo - cronologia
Singolo precedente
(1986)
Singolo successivo
(1986)

In the Army Now è il titolo di una canzone famosa come successo del 1986 della rock band inglese Status Quo. Accompagnata da un esplicito video musicale che mostra la durezza della vita dei soldati, costituisce una amara riflessione sulla inutilità della guerra.


La canzone[modifica | modifica sorgente]

In realtà, in origine, autori del pezzo sono i fratelli olandesi Ron & Ferdi Bolland, che quattro anni prima pubblicandolo come singolo (con il titolo completo di You Are in the Army Now) sono riusciti ad ottenere un discreto successo commerciale in tutta Europa. Ma Francis Rossi, cantante e leader degli Status Quo, è convinto che il brano sia molto migliorabile, oltre che perfetto per la sua voce.[1]

I Quo decidono pertanto di lavorarci su curando ogni dettaglio e lo adattano alla doppia chitarra di Rossi & Parfitt. Poi, tramite un sapiente utilizzo di tastiere e sintetizzatori, trasformano letteralmente il suono creando atmosfere eleganti e ricercate, in piena conformità ai fascinosi standard pop del periodo.[2]

Il 45 giri si piazza al secondo posto nelle chart britanniche[3] e si insedia in cima alle classifiche in molti paesi, divenendo uno dei maggiori hit internazionali della band.

Note:

  • In the Army Now rimane uno dei brani più peculiari e atipici per gli Status Quo, da sempre gruppo simbolo della musica hard-boogie rock, tant’è che lo stesso Francis Rossi ha dichiarato:
« Quando lo abbiamo registrato eravamo consapevoli di una cosa: sarebbe stato o un grandissimo successo oppure un flop colossale. Per fortuna è andata bene…[2] »
(Francis Rossi)
  • L'urlo del sergente "Stand up and fight!" (Alzatevi e combattete!) appartiene alla voce di Noddy Holder, leader della band britannica Slade, per l'occasione appositamente convocato in studio dagli Status Quo.[4]
  • Di questo storico brano esiste anche una versione in lingua italiana con testo scritto da Cristiano Malgioglio, incisa dal cantante italo-americano Wess e pubblicata nel 1982 col diverso titolo L'anima.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Formato 7" single
  1. In the Army Now - 3:52 - (Bolland/Bolland)
  2. Heartburn - 4:44 - (Patrick/Parfitt/Rossi)
Formato 10" maxi
  • Lato A
  1. In the Army Now (Military Mix) - 5:55 - (Bolland/Bolland)
  • Lato B
  1. Heartburn - 4:44 - (Patrick/Parfitt/Rossi)
  2. Late Last Night - 2:58 - (Young/Parfitt/Rossi)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Chart (1987)[5][6][7][8][9] Posizione
Austria 1
Francia 2
Germania 1
Irlanda 1
Norvegia 2
Polonia 1
Regno Unito 2
Spagna 2
Svezia 6
Svizzera 1

Versione 2010[modifica | modifica sorgente]

In the Army Now (2010)
Artista Status Quo
Tipo album Singolo
Pubblicazione 27 settembre 2010
Durata 18 min : 46 s
Album di provenienza Pubblicato solo come singolo
Genere Pop rock
Hard rock
Etichetta Universal
Produttore Pip Williams
Registrazione - 2010
Formati CD ed Enhanced CD
Note Nuova versione dell’omonimo brano pubblicato nel 1986
Status Quo - cronologia
Singolo successivo
(2011)

La canzone In the Army Now è stata ripubblicata dagli stessi Status Quo in una nuova versione nel settembre 2010, allo scopo di raccogliere fondi in favore di istituzioni benefiche inglesi che si occupano di fornire sostegno ai soldati reduci.[10]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Formato CD single
  1. In the Army Now (2010) - 4:21 - (Bolland/Bolland)
  2. Caroline (Live from Ipswich Regent Theatre 17/02/09) - 5:17 - (Rossi/Young)
  3. Whatever You Want (Live from Brifhton Centre 12/12/08) - 5:26 - (Bown/Parfitt)
  4. In The Army Now (2010) (Radio Edit) - 3:52 - (Bolland/Bolland)
  5. In The Army Now (2010) (Video)
Formato CD Enhanced
  1. In the Army Now (2010) - 4:21 - (Bolland/Bolland)
  2. Caroline (Live from Ipswich Regent Theatre 17/02/09) - 5:17 - (Rossi/Young)
  3. Beginning of the End (Live from Ipswich Regent Theatre 17/02/09) - 4:2 - (Rossi/Edwards)
  4. Down Down (Live from Oxford New Theatre 04/10/08) - 6:01 - (Rossi/Young)
  5. Whatever You Want (Live from Brifhton Centre 12/12/08) - 5:26 - (Bown/Parfitt)
  6. Burning Bridges (Live from Brifhton Centre 12/12/08) - 3:49 - (Rossi/Bown)
  7. I Ain't Wasting My Time (Brano bonus nella versione britannica di In Search of the Fourth Chord) - 3:37 - (Rossi/Young)
  8. One By One (Brano bonus nella versione europea di In Search of the Fourth Chord) - 4:15 - (Parfitt/Young)
  9. In The Army Now (2010) (Radio Edit) - 3:52 - (Bolland/Bolland)
  10. In The Army Now (2010) (Video)
  11. Beginning of the End (Video)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  2. ^ a b Oxley, 2000, op. cit., pp. 43-44.
  3. ^ Classifiche ufficiali inglesi. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  4. ^ Sito ufficiale degli Slade. URL consultato il 17 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2012).
  5. ^ In the Army Now nelle classifiche di svariati paesi, www.lescharts.com. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  6. ^ Classifiche generali del 1986. URL consultato il 16 luglio 2010.
  7. ^ Brani al primo posto delle classifiche tedesche nel 1986. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  8. ^ Classifiche irlandesi. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  9. ^ Classifiche inglesi, www.chartstats.com. URL consultato il 28 gennaio 2011.
  10. ^ Intervista a Francis Rossi. URL consultato il 28 gennaio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) David Oxley, Rockers Rollin' – The Story of Status Quo, Lockerbie, ST Publishing, 2000, ISBN 1-898927-80-4, ..

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video musicale del brano su Youtube

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock