Ibrahim II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ibrahim II degli Aghlabidi)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Dinaro aureo aghlabide, 899 ca., coniato durante il regno di Ibrahim II

Abū Ishāq Ibrāhīm II (in arabo: أبو اسحاق ابراهيم الثاني, nelle fonti occidentali noto come Brachimo; 27 giugno 850Cosenza, 23 ottobre 902) fu il nono emiro aghlabide in Ifriqiya.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Succedette a suo fratello Muhammad II (864-875), a quanto pare riluttante, sotto pressione popolare. Nonostante avesse ereditato un regno decimato dalla peste dell'874, lo fece prosperare economicamente. Nell'876 costruì un nuovo palazzo vicino Qayrawan e contribuì allo sviluppo agricolo attraverso la costruzione di sistemi d'irrigazione. Durante il suo regno il principe tulunide al-'Abbas ibn Tulun, ribellatosi al padre, fece una spedizione contro la Cirenaica e la Tripolitania, ma le forze inviate contro di lui da Ibrāhīm II furono sconfitte presso Lebdah. Ibn Tulun fu costretto però a ritirarsi per una ribellione della tribù kharigite berbera Nefusa. Numerose furono le rivolte di popolazioni berbere contro il suo dominio, durante le quali si sarebbe macchiato di gravi crimini.

Sotto il suo regno continuò la presa della Sicilia con la conquista di Siracusa nell'878, anche se nell'874 i bizantini avevano cacciato da Bari i musulmani che dominavano la città dall'847. Pure l'emirato di Taormina, già in fase di decadenza dopo una trentina d'anni di esistenza, fu attaccato e distrutto dai Bizantini nell'880.

Ibrāhīm sbarcò in Sicilia a Trapani alla fine di maggio del 902 prendendo il controllo dell'isola, con l'idea di condurre un jihad in grande stile e realizzare il progetto di spingersi fino a Roma. Partecipò a combattimenti decisivi per instaurare il dominio musulmano in Sicilia e parte della Calabria. Dopo un assedio militare riuscì a riprendere Taormina.

Richiamato dal califfo di Bahgdad al-Mu'tadid, si rifiutò di obbedire, continuando la campagna come combattente sacro, ma morì di peste a Cosenza mentre comandava un assedio della città che durava da 22 giorni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ibn al-Athir, Annali del Maghreb e di Spagna, ed. fr. Annales du Maghreb et de l'Espagne (trad. E. Fagnan), Algeri 1898
  • Michele Amari, Storia dei musulmani di Sicilia, voll. I-II, F. Le Monnier, Firenze 1854-58

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Emiro aghlabide d'Ifriqiya Successore Allah.svg
Abū l-Gharānīq Muhammad II 875 - 902 Abū l-ʿAbbās ʿAbd Allāh II
Predecessore Governanti islamici di Sicilia Successore Allah-green.svg
Abū l-ʿAbbās Ibrāhīm b. Ahmad 902 - 902 Abu Mudar Ziyada Allah ibn Abi al-Abba