Gebel Nefusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Gebel Nefusa
الجبل الغربي
Stato Libia Libia
Regione Tripolitania
Altezza 980 m s.l.m.
Catena isolata
Coordinate 31°51′53.64″N 11°47′35.88″E / 31.8649°N 11.7933°E31.8649; 11.7933Coordinate: 31°51′53.64″N 11°47′35.88″E / 31.8649°N 11.7933°E31.8649; 11.7933
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Libia
Gebel Nefusa
الجبل الغربي

Il Gebel Nefusa, oggi definito col nome ufficiale Eljabel Elgharbi (arabo: الجبل الغربي "il monte occidentale", berbero: Drar n Infusen)[1], è un altopiano calcareo, che si trova in Tripolitania, nella Libia nordoccidentale. Separa la pianura costiera della Gefara a nord dal pianoro dell'Hamada el-Hamra a sud.

L'altopiano ha una lunghezza di circa 190 chilometri e disegna un arco che parte dal confine tunisino, passa per la zona del Kiklah poi curva verso nord-est e termina in una zona collinare presso la costa mediterranea in prossimità della città di Homs. L'altezza va dai 460 ai 980 m.

Questa regione presenta una notevole importanza dal punto di vista etnico in quanto vi sono ancora presenti dei gruppi di berberi che costituiscono le antiche popolazioni native del territorio, che le successive invasioni di tribù provenienti dalla penisola araba (i Bani Hilal e i Bani Salim o Bani Sulaim) avvenute tra il 900 ed il 1000 d.C. hanno via via confinato in aree sempre più contenute. Nel Gebel Nefusa queste antiche popolazioni, che vivono nei caratteristici ksar, hanno conservato la loro identità e la loro lingua.

Le principali città della regione sono (da ovest verso est):

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sugli aspetti identitari che stanno alla base di questa differente denominazione, si veda ad esempio l'intervista ad un arabofono della regione: "Non dite Gebel Nefusa. Sono i Berberi che lo chiamano così. Noi lo chiamiamo Monte occidentale" ("Never say the Nafusa Mountains. That’s what the Berbers call it. We call it the Western Mountains") (EN) Peter Graff, Ancient language renewed in Libyan rebellion in National Post, Postmedia Network Inc., Canada, 11. URL consultato l'11 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Africa Portale Africa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa