Hawker Hornbill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hawker Hornbill
Hawker Hornbill, matricola J7782, nel 1926
Hawker Hornbill, matricola J7782, nel 1926
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio 1
Progettista W. G. Carter
Costruttore Regno Unito Hawker Aircraft
Data primo volo luglio 1925
Esemplari 1
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 8,11 m (26 ftin)
Apertura alare 9,45 m (31 ft)
Altezza 2,95 m (9 ft 8 in)
Superficie alare 29,5 (317 ft²)
Peso a vuoto 1 349 kg (2 975 lb)
Peso carico 1 710 kg (3 769 lb)
Peso max al decollo 1 736 kg (3 820 lb)
Propulsione
Motore 1 Rolls-Royce Condor IV, V-12 raffreddato ad acqua
Potenza 698 hp (520 kW)
Prestazioni
Velocità max 301 km/h (187 mph) al livello del mare
Raggio di azione 322 km (200 mi)
Armamento
Mitragliatrici Una Vickers MK 2 da .303 in (7,7 mm)

The British Fighter since 1912.

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Hawker Hornbill (Bucero in italiano) fu l'ultimo aereo militare realizzato dalla Hawker Aircraft sotto la direzione di W. G. Carter. L'aereo non ebbe successo a causa di problemi sia al motore che al radiatore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Design[modifica | modifica wikitesto]

L'Hornbill fu costruito con materiali misti, con un alloggiamento per il motore in acciaio e la parte anteriore della fusoliera ricoperta con fogli di duralluminio, mentre la parte posteriore fu realizzata in legno e ricoperta con tela come anche le ali. Come motore venne montato il Rolls-Royce Condor IV da 698 hp (520 kW) con un'elica in legno a basso angolo di attacco.

Prestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto fu avviato nel 1925 e il primo volo ebbe luogo nel luglio dello stesso anno.[1] L'aereo dimostrò ben presto la sua elevata velocità, ma fu anche chiaro che soffriva di problemi di stabilità e controllo. A 241 km/h (150 mph) le virate strette non potevano essere eseguite senza un utilizzo massiccio del timone di coda, inoltre nei voli di test il motore si surriscaldò sempre. Per evitare questo problema venne sostituito il radiatore singolo con due radiatori alloggiati sotto le ali inferiori, ma il problema rimaneva comunque. Da segnalare anche che le dimensioni contenute della cabina di pilotaggio limitavano i movimenti del pilota. A causa di questi problemi il progetto non ottenne successo presso la Royal Air Force e l'ulteriore sviluppo del mezzo venne arrestato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mason (1992). The British Fighter since 1912.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hawker Aircraft since 1920 di Francis K Mason - pub Putnam 1961.
  • Mason, Francis K (1992), The British Fighter since 1912, Naval Institite Press. ISBN 1-55750-082-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]