Occhi di Laura Mars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Gli occhi di Laura Mars)
Occhi di Laura Mars
Gli occhi di Laura Mars - Faye Dunaway.jpg
Laura Mars (Faye Dunaway)
Titolo originale Eyes of Laura Mars
Paese di produzione USA
Anno 1978
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller
Regia Irvin Kershner
Soggetto John Carpenter
Sceneggiatura John Carpenter, David Zelag Goodman
Produttore Jon Peters, Jack H. Harris
Fotografia Victor J. Kemper
Montaggio Michael Kahn
Effetti speciali Edward Drohan
Musiche Artie Kane
Scenografia Gene Callahan
Costumi Theoni V. Aldredge
Trucco Lee Harman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Edizione originale

Ridoppiaggio

Premi
« Vedere per credere »
(Tagline del film)

Occhi di Laura Mars (Eyes of Laura Mars) è un film del 1978 diretto da Irvin Kershner.

Scritto da John Carpenter, è interpretato da Faye Dunaway nel ruolo di Laura Mars, Tommy Lee Jones nel ruolo di John Neville e Brad Dourif nel ruolo di Tommy Ludlow. La sceneggiatura, intitolata inizialmente Eyes, era il primo lavoro di Carpenter a essere accettato da un grande studio. La colonna sonora includeva molte canzoni del momento, come Prisoner di Barbra Streisand.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Laura Mars, fotografa di moda che fa largo uso di immagini violente e provocatorie per i propri lavori, è sconvolta dalle visioni extrasensoriali degli omicidi di modelle e collaboratori. La vicenda suscita l'attenzione particolare del tenente John Neville, che stringe un legame affettivo con la donna.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Alla sua uscita, il film ricevette critiche molto negative, come quella di Roger Ebert, il quale sosteneva che la trama fosse troppo scontata[1]. Nonostante le critiche, il film risultò un successo al botteghino, guadagnando 20 milioni di dollari. Il denaro guadagnato dalla pellicola coprì abbondantemente il budget di realizzazione di 7 milioni di dollari.

Home video[modifica | modifica sorgente]

In Italia è stata pubblicata in DVD un'edizione ridoppiata intitolata Gli occhi di Laura Mars.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione di Occhi di Laura Mars su Rogerebert.suntimes.com; ultimo accesso il 21 dicembre 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema