Gli anni spezzati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la miniserie TV, vedi Gli anni spezzati (miniserie televisiva).
Gli anni spezzati
Gli anni spezzati.png
Mark Lee e Mel Gibson in una scena del film.
Titolo originale Gallipoli
Paese di produzione Australia
Anno 1981
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere storico
Regia Peter Weir
Soggetto Peter Weir
Sceneggiatura David Williamson
Fotografia Russell Boyd
Montaggio William M. Anderson
Musiche Brian May
Scenografia Herbet Pinter
Interpreti e personaggi

Gli anni spezzati (Gallipoli) è un film del 1981 diretto da Peter Weir.

Il film narra uno dei tragici episodi della sanguinosa battaglia di Gallipoli, campagna della prima guerra mondiale dove, tra il 1915 e il 1916, tra gli altri, persero la vita 8.587 uomini dell'ANZAC, parte del corpo di spedizione comprendente soldati dell'esercito australiano e neozelandese.

La storia è incentrata sul valore della vita e la leggerezza con cui è bruciata dalla ferocia della guerra.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Archy Hamilton sogna le olimpiadi, allenandosi nelle pianure dell'Australia Occidentale. Ha indubbiamente un grande talento per la velocità e, ad una gara regionale con un premio in denaro, batte tutti, compreso lo spavaldo Frank, con il quale stringe amicizia. Portati i soldi a casa, Archy decide di arruolarsi in cavalleria e Frank, spiantato e squattrinato, lo segue. Dopo un viaggio avventuroso, i due raggiungono Perth dove Archy è ammesso in Cavalleria mentre Frank, non sapendo andare a cavallo, finisce in fanteria.

Partiti separatamente, i due finiscono per ritrovarsi durante un'esercitazione nel deserto egiziano. Così Frank, su raccomandazione di Archy, passa alla Cavalleria, dove la sua attitudine alla corsa può essere molto utile.

Sbarcati nei Dardanelli è subito chiaro quanto sarà dura la loro esperienza bellica.

Per aiutare un attacco delle truppe britanniche, il comando inglese assegna agli australiani il compito di creare un diversivo che tenga impegnato l'esercito turco. Si tratta in pratica di sferrare un assalto dopo che gli inglesi avranno bombardato le postazioni nemiche.

Un'imprecisione nella sincronizzazione delle operazioni determina un ritardo fatale nell'inizio dell'assalto australiano. Così il bombardamento preparatorio inglese non ha più alcun effetto, lasciando gli australiani sotto il tiro di diverse mitragliatrici turche. Il comando non sente ragione e così, quella che era già un'operazione di puro rischio ora equivale ad un suicidio. Dopo i primi due assalti nei quali i soldati australiani hanno fatto fatica persino ad uscire dalle trincee, si interrompono le comunicazioni con il colonnello Robinson al comando. Il maggiore Barton, scosso dalla carneficina in corso, decide allora di chiedere ordini direttamente al generale Gardiner, consegnando la richiesta a Frank Dunne che dovrà andare di corsa e tornare con i nuovi ordini. Il compito di portaordini, relativamente più sicuro, era in realtà di Archy che, sentendosi responsabile dell'arruolamento di Frank, convince il maggiore a sostituirlo con l'amico.

Il generale dà l'ordine di temporeggiare, ma Frank non fa in tempo a raggiungere la trincea prima che sia dato il via al terzo assalto, quello che comprendeva anche Archy che, solo dopo un'ultima inutile corsa, viene abbattuto dal fuoco nemico insieme a tutti gli altri.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato uno dei più grandi successi di tutti i tempi in Australia, sia di pubblico[1] che di critica, ottenendo tra l'altro ben otto AFI Awards in tutte le principali categorie. All'estero il successo è stato molto meno significativo.[2]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il film narra una storia di fantasia all'interno di un episodio storico molto documentato nell'ambito della campagna dei Dardanelli, riguardante la tragica battaglia di Nek, avente per protagonista il contingente australiano-neozelandese. Il film, secondo parte dei critici storici, darebbe un'immagine dell'esercito britannico non fedelissima, alludendo anche ad una pesante responsabilità dello stesso nel massacro degli australiani. Infatti l'attacco non sarebbe stato pensato come copertura ad un'operazione britannica, come viene descritto nel film e, nella realtà, il militare che insiste per mandare avanti gli assalti ricalca la figura di un colonnello australiano. In effetti nel film ha un'uniforme australiana, anche se la narrazione giocherebbe a far apparire come una responsabilità tutta inglese, quella dell'episodio descritto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Gallipoli – 1981. URL consultato il 25 settembre 2013.
  2. ^ (EN) Gallipoli. URL consultato il 25 settembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]