Giuseppe Chiarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo fantino del Palio di Siena, vedi Giuseppe Chiarini (fantino).

Giuseppe Chiarini (Arezzo, 17 agosto 1833Roma, 4 agosto 1908) è stato un letterato e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Chiarini fondò a Firenze nel 1856, insieme agli amici Carducci, Ottaviano Targioni Tozzetti e Giuseppe Torquato Gargani, il cenacolo degli Amici pedanti, un sodalizio letterario che aveva elaborato un programma di opposizione alle teorie romantiche per rivendicare la tradizione classica e che rimase attivo fino al 1859, anno in cui, su iniziativa del Chiarini, pubblicò sei numeri della rivista Poliziano, che si occupò precipuamente di letteratura.

Si recò in seguito a Torino, dove collaborò con la Rivista Italiana[1] - fondata da Terenzio Mamiani nel 1860 - fino a divenirne direttore. Con lo spostamento della capitale tornò a Firenze nel 1865, mentre l'anno successivo mutò nome al suo giornale, che divenne l'Ateneo Italiano, in cui confluivano anche il Borghini e La Civiltà Italiana, e cessò col finire dell'anno le pubblicazioni. Per la Rivista e l'Ateneo scrissero, con saggi di erudizione di varia natura, personalità eminenti quali Carducci stesso, Emilio Teza, Alessandro d'Ancona e Domenico Comparetti.[2]

Nel 1879 perse un figlio di nome Dante, in una tragica comune sorte con l'amico Carducci, che in Pianto antico aveva cantato la morte del figlio omonimo (avvenuta nel 1870).[3]

Si trasferì a Roma nel novembre 1884, dove rifiutò la proposta di Angelo Sommaruga di assumere le redini della Domenica letteraria, appena abbandonata da Ferdinando Martini. Accettò invece di dirigere la Domenica del Fracassa, rivista uscita tra il 28 dicembre 1884 e il 14 febbraio 1886.[4]

Quando Adriano Lemmi fondò a Roma la massonica «Loggia di Propaganda», che voleva riunire al suo interno le personalità più eminenti dell'epoca, Chiarini (come, tra gli altri, Crispi, Zanardelli e Carducci) vi aderì.[5]

Fu il primo biografo di Carducci. Scrisse anche la Vita di Giacomo Leopardi (1905) e la Vita di Ugo Foscolo (1910).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si intitolò originariamente Effemeride della pubblica istruzione. Uscì sempre, anche col nome mutato, in fascicoli settimanali di 16 pagine.
  2. ^ G.Chiarini, Memorie della vita di Giosuè Carducci (1835-1907) raccolte da un amico, Firenze, Barbera, 1920, p.160
  3. ^ Se si considera come anche il fratello di Carducci, Valfredo, perse un bambino con quel nome, si può ben capire perché Giosuè esclamasse, in una missiva dello stesso 1879 a Chiarini, «Ahi, Dante, infausto nome per noi»; cfr.P.Bianconi, Carducci, Firenze, Alfani e Venturi, 1934
  4. ^ G.Chiarini, pp.232-234. La Domenica del Fracassa pubblicò nel numero di apertura la famosa ode carducciana Presso l'urna di Percy Bysshe Shelley.
  5. ^ P.Bargellini, Giosuè Carducci, Brescia, Morcelliana, 1934, p.285.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Chiarini nel Dizionario Biografico degli Italiani

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64106925 LCCN: n85277878 SBN: IT\ICCU\RAVV\065174