Giorgio Pàstina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Pàstina (Andria, 1905Roma, 1956) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la laurea in lettere e filosofia, per alcuni anni si dedicò all'insegnamento. Nel mondo del cinema entrò come funzionario presso la Direzione Generale dello Spettacolo e mentenne quest'incarico per parecchio tempo. Nel 1942 intraprese l'attività di sceneggiatore debuttando con Camillo Mastrocinque e in seguito lavorò con Gianni Franciolini, Mario Camerini, Guido Brignone, Enrico Guazzoni, Esodo Pratelli – quest'ultimo era già suo compagno nelle commissioni di censura – ed Aldo Vergano. Dietro la macchina da presa debuttò nel 1943 con Enrico IV, una rilettura molto libera del dramma omonimo di Luigi Pirandello. Inoltre, dalla novella La giara del drammaturgo siciliano, Pàstina ne ricaverà nove anni più tardi anche un episodio del film Questa è la vita. Nel dopoguerra diresse sedici film, dimostrandosi un ottimo mestierante sempre attento al mutamento dei gusti del pubblico. Tra i suoi lavori degni di nota, ricordiamo il drammatico Le vie del peccato (1945), dove mostrò il seno nudo dell'attrice protagonista Jacqueline Laurent, la commedia brillante Agenzia matrimoniale, tratto da un lavoro di Eduardo Scarpetta, e soprattutto lo storico Il cardinale Lambertini, interpretato da Gino Cervi, tratto dall'opera teatrale omonima scritta da Alfredo Testoni nel 1905 e remake del film omonimo diretto nel 1934 da Parsifal Bassi. Chiuse prematuramente la carriera alla metà degli anni cinquanta, con alcuni film di genere napoletano. Morì a soli 51 anni.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]