Fedora (film 1942)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fedora
Titolo originale Fedora
Paese di produzione Italia
Anno 1942
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, sentimentale
Regia Camillo Mastrocinque
Soggetto Victorien Sardou
Sceneggiatura Camillo Mastrocinque, Giorgio Pàstina
Produttore Alfredo Proia per la I.C.A.R. Film
Distribuzione (Italia) Generalcine
Fotografia Giuseppe La Torre
Montaggio Duilio A. Lucarelli
Musiche Umberto Giordano
Scenografia Ottavio Scotti
Costumi Gino Carlo Sensani
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Fedora è un film del 1942, diretto dal regista Camillo Mastrocinque e tratto dal dramma di Victorien Sardou.

Trama[modifica | modifica sorgente]

1870. Il principe russo Vladimiro Yariskine (Valenti) viene assassinato alla vigilia delle nozze con la principessa Fedora (Ferida) che, davanti al padre dell'ucciso, giura di vendicare il promesso sposo. Seguendo tracce incerte del colpevole, arriva a Parigi dove conosce un pittore suo connazionale, Loris (Nazzari) e se ne innamora. Il caso vuole che si tratti dell'assassino che sta cercando e non esita a denunciarlo alla polizia russa attraverso una lettera. La lettera arrivata in Russia provoca l’arresto del fratello di Loris, come complice del delitto. Il giovane in prigione, annega per una inondazione del fiume in piena che invade le carceri. La madre dei due muore di crepacuore. Questo porta Fedora a sapere dallo stesso pittore che il principe aveva offeso gravemente il suo onore: era l’amante di sua moglie, li aveva sorpresi insieme e nella sparatoria Loris era rimasto ferito e Vladimiro ucciso. Fedora disperata, si toglie la vita con il veleno contenuto in una Croce che le aveva regalato suo marito il giorno precedente alle nozze. Muore fra le braccia del pittore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  • Per il film fu adattata da Nuccio Fiorda la musica dell’opera di Umberto Giordano.
  • Fedora fu girato negli studi di Cinecittà ed uscì nelle sale il 12 settembre 1942.
  • Sui titoli di testa, fu conferito al costumista del film, Gino Carlo Sensani al vertice della carriera, l'onore del fotogramma unico, subito prima del nome del regista.

La critica[modifica | modifica sorgente]

  • "Risultato, bisogna dirlo, eccellente. Perché perfetto [...] è l'equilibrio tra quelle due enormi forze che erano da una parte le pagine del musicista e dall'altra il macchinone della trama. [..] Bel film, bellissimo film, di squisita fattura. Camillo Mastrocinque, che sembra si sia specializzato nella fedeltà e nell'efficacia delle ricostruzioni ottocentesche, dà qui un'altra magnifica prova. mi pare che specialmente l'impresa sia riuscita per quanto si riferisce all'ambientazione: tutto è [..] plausibile, evocativo, il cartone non si vede più, a Cinecittà non si pensa. E gli interpreti, muovendosi a loro agio, aggiungono verità alla vicenda." Mino Doletti, "Film" n.47, 21 novembre 1942.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema