Giacomo IV di Maiorca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Giacomo di Maiorca" rimanda qui. Se stai cercando il principe, vedi Giacomo di Maiorca (1274-1330).
Giacomo IV
Re titolare di Maiorca
In carica 1349 - 1375
Predecessore Giacomo III
Successore Elisabetta
Nome completo Giacomo di Giacomo
Altri titoli conte di Rossiglione e di Cerdagna e principe d'Acaia
Nascita Perpignano, 24 agosto 1336
Morte Soria, Regno di Castiglia, 20 gennaio 1375
Casa reale casato di Barcellona
Padre Giacomo III
Madre Costanza d'Aragona
Consorte Giovanna I di Napoli

Giacomo IV di Maiorca (Montpellier, 24 agosto 1336Soria, 20 gennaio 1375) fu re titolare e pretendente al trono del Regno di Maiorca, conte titolare di Rossiglione e di Cerdagna e principe d'Acaia (come Giacomo II d'Acaia) dal 1349 al 1375.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Figlio primogenito del re di Maiorca, conte di Rossiglione e di Cerdagna, signore di Montpellier e principe d'Acaia, Giacomo III il Temerario e della principessa di Aragona Costanza d'Aragona, figlia del re d'Aragona Alfonso il Benigno e della contessa di Urgell, Teresa d'Entença.[1][2][3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regno di Maiorca
Casato di Barcellona
Royal Coat of Arms of the Monarchs of Majorca since the 14th Century.svg

Giacomo I
Giacomo II
Sancho I
Giacomo III
Figli
Giacomo IV
Elisabetta
Modifica

Alla morte del padre sopraggiunta durante la battaglia di Llucmajor (1349) ereditò solo nominalmente (i feudi erano definitivamente perduti), il regno di Maiorca, le contee di Rossiglione e di Cerdagna, mentre entrò in possesso del titolo di principe d'Acaia (dove non si recò mai) e fu anche conte di Clarença e barone di Matagrifó.
Durante la battaglia, di cui sopra, restò ferito e fu quindi fatto prigioniero da Pietro il Cerimonioso, re d'Aragona, insieme alla seconda moglie del padre e dunque regina madre, Violante de Villaragut e sua sorella Elisabetta. Rimase prigioniero nel castello di Játiva e nel Castello Nuovo di Barcellona, dove in entrambe le carceri fu rinchiuso in una gabbia di ferro[1], un'esperienza che gli causò uno squilibrio mentale[1].

Giacomo venne aiutato a evadere dalla prigione dal nobile Jaume de Santcliment, nel maggio del 1362, e fuggì ad Avignone da papa Urbano V, che gli combinò il suo matrimonio con Giovanna I di Napoli[1].
Il 14 dicembre 1362, a Napoli, fu celebrato il matrimonio per procura e, nel maggio 1363, a Château-Neuf, sposò la regina di Napoli, Giovanna I[1] (1328-1382), figlia quartogenita[4] di Carlo di Calabria, primogenito del re di Napoli, Roberto d'Angiò, e della sorella del re di Francia, Filippo di Valois, Maria di Valois (1311 - 1341), figlia di Carlo di Valois e di Mahaut de Saint-Pol (1293 - 1358). Giacomo era il terzo marito per Giovanna e come principe consorte divenne Duca di Calabria, ma, come da contratto matrimoniale, fu escluso da ogni incarico nel governo del regno di Napoli[1].
Nel 1366, verso la fine di gennaio, anche perché in assenza di figli, separandosi dalla moglie, abbandonò la corte napoletana e ritornò nella penisola iberica con l'obiettivo di riconquistare il regno di Maiorca e le altre contee, senza però riuscirvi[1].

Giacomo allora si recò in Francia in cerca di aiuto per riconquistare il regno perduto. Le buone relazioni tra Francia e Aragona però fecero abortire subito il suo progetto. Si aggregò allora al duca d'Aquitania, Edoardo, il Principe Nero, figlio di Edoardo III d'Inghilterra, e partecipò alla spedizione in favore di Pietro il Crudele contro Enrico di Trastámara[5] dove, nella battaglia di Nájera (1367), fu fatto prigioniero dalle truppe di Enrico di Trastámara[1], che non solo aveva perso la battaglia, ma il comandante del suo esercito, Bertrand du Guesclin era stato catturato dal Principe Nero.

Enrico di Trastámara, dopo qualche mese consegnò Giacomo IV a Bertrand du Guesclin, che, nel frattempo, dopo aver pagato il riscatto, era tornato libero; Giacomo venne trasferito a Montpellier dove venne tenuto prigioniero per circa due anni[1].
Giacomo venne liberato nel 1370, solo grazie al riscatto pagato dalla moglie, Giovanna.

Fece un ultimo tentativo con Luigi I d'Angiò, fratello di Carlo V di Francia, che gli permise di reclutare un esercito di 6.000 mercenari e di marciare sulla Catalogna. Nell'agosto del 1374 valicò i Pirenei a Conflent e riuscì ad arrivare a Cugat del Vallés alle porte di Barcellona ma fu respinto e dopo alcuni inutili tentativi di recuperare le contee di Rossiglione e di Cerdagna, abbandonò il tentativo e si ritirò a Soria, in Castiglia, dove poco dopo morì[1]. Giacomo fu tumulato a Soria, nel monastero di San Francesco[1].

Dopo la sua morte divenne regina titolare di Maiorca la sorella Elisabetta (1337 - 1406) con il nome di Elisabetta di Maiorca.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Giacomo da Giovanna non ebbe discendenza e neppure si conoscono figli illegittimi.[1][2][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Dinastie reali d'Aragona
  2. ^ a b (EN) Barcellona - Genealogy
  3. ^ (DE) Giacomo III di Maiorca genealogie mittelalter
  4. ^ Al momento della sua nascita, la sorella Eloisa era già morta, il fratello Carlo Martello morì in quello stesso anno, mentre la sorella Maria morì l'anno successivo, come la sorellastra, anche lei di nome Maria.
  5. ^ Enrico di Trastámara era il fratellastro di Pietro il Crudele e passò alla storia col soprannome di fratricida, perché, nel 1369, divenne re di Castiglia dopo aver ucciso il fratellastro, Pietro il Crudele.
  6. ^ (DE) Giacomo IV di Maiorca genealogie mittelalter

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Oliveres De Pico, El rei sense reialme (Jaume IV de Mallorca), Rafael Dalmau Editor, Barcelona, 1965.
  • Martinez Ferrando, J.Ernest, La tràgica història dels reis de Mallorca. Jaume I, Jaume II, Sanç, Jaume III, Jaume IV, Aedos, Biblioteca Biogràfica Catalana, Barcelona, 1960
  • Romolo Caccese, Italia: 1313-1414, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 297–331

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore re titolare di Maiorca Successore Armoiries Majorque.png
Giacomo III 1349-1375 Elisabetta di Maiorca
Predecessore Principe d'Acaia Successore Armoiries Achaïe.svg
Giacomo I 1349 - 1375 Giovanna d'Angiò