Get on the Bus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film di Spike Lee, vedi Bus in viaggio.
Get on the Bus
Get on the Bus.png
Screenshot tratto dal videoclip
Artista Destiny's Child
Tipo album Singolo
Pubblicazione 23 febbraio 1999
Durata 4 min : 44 s
Album di provenienza Why Do Fools Fall in Love O.S.T.
Dischi 1
Tracce 3
Genere Rap
Contemporary R&B
Etichetta Columbia Records
Produttore Timbaland
Missy Elliott
Registrazione 1998
Formati CD Singolo, vinile singolo
Destiny's Child - cronologia
Singolo precedente
(1998)
Singolo successivo
(1999)

Get on the Bus è un brano R&B scritto da Missy Elliott, prodotto dalla stessa con Timbaland e interpretato dalle Destiny's Child per la colonna sonora del film Why Do Fools Fall in Love. Oltre ad essere il secondo singolo tratto dalla colonna sonora, è il terzo singolo ufficiale del gruppo, pubblicato solo in Europa.

Composizione e testo[modifica | modifica wikitesto]

Il brano rivela le caratteristiche tipiche delle composizioni di Timbaland di quegli anni: ritmi sincopati, grande uso di scratch, utilizzo di versi e rumori campionati, in questo caso il fischiettio di uccelli. Il testo è stato scritto dalla collaboratrice di fiducia del produttore, Missy Elliott, con la quale ha creato singoli per altri gruppi femminili R&B in quello stesso periodo (Total, 702, SWV).

La canzone affronta i problemi di coppia visti sotto una luce femminista, in linea con altre canzoni scritte dalla Elliott e con i singoli successivi delle Destiny's Child. Nella prima strofa, cantata da Beyoncé, una ragazza affronta duramente il proprio partner dicendogli che non vuole sentire una parola uscire dalla sua bocca e che lo sta buttando fuori. Il ritornello consiglia al ragazzo di trovarsi un taxi, o meglio ancora, come suggerisce il titolo del brano, di prendere il bus, visto che non esiste più un "noi" tra loro e che lei sta portando via tutte le sue cose.

Nella seconda strofa, cantata da Kelly, la protagonista dice al ragazzo di smetterla di chiamare gli amici di lei, e che troppe volte l'ha lasciato tornare nella sua vita, ma che stavolta è diverso e sarà un nuovo giorno.

Timbaland appare nella canzone anche in qualità di rapper, nell'intro e prima dell'ultimo ritornello, e interpreta la parte del ragazzo: inizialmente si chiede perché la sua ragazza appaia triste e perché non le piaccia il navigatore satellitare che ha comprato per l'auto; la ammonisce di non accusarlo di cose stupide, come essere andato in giro per strada o essersi messo a parlare con le sue amiche, e le ricorda che senza di lei lui non è niente, ed è un semplice uomo che cerca di farcela in questo freddo mondo. Nell'ultima strofa le rinfaccia di averle fatto conoscere Dolce e Gabbana, di averla fatta passare da biciclette sgangherate alle moto Honda e di averle portato via lo stress. Le chiede perché dopo tutto quello che ha fatto per lei, ora lo tratta come fosse un disturbo; tutta questa situazione ai suoi occhi è come uccidere un sogno e prega che non ci sia un altro uomo tra loro due.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip del singolo è stato diretto da Earle Sebastian e vede le quattro ragazze e Timbaland in vari set bianchi; sulle pareti di fondo vengono proiettate le immagini di diapositive che mostrano oggetti che si riferiscono alla canzone: oggetti di valore femminili e maschili (in riferimento al voler impacchettare le proprie cose e andarsene), l'insegna della Greyhound Lines, nota linea di pullman interstatali statunitense, uccelli in volo (in riferimento al cinguettio campionato per la creazione del beat).

Le ragazze sono vestite di bianco o di argento a seconda delle scene, ed eseguono una coreografia piuttosto veloce. Il loro look appare più maturo rispetto ai video precedenti, anche se ancora hanno tutte i capelli scuri. Questo è il primo video del gruppo che non è stato diretto da Darren Grant.

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo, forse a causa dell'insuccesso del precedente With Me, non è stato pubblicato in USA, ed è diventato uno dei brani di minor successo della band, anche se in seguito è diventato un favorito dei fan ed è stato inserito nella scaletta del tour mondiale del gruppo del 2002. Il singolo è entrato a malapena in alcune classifiche europee, senza mai ottenere risultati esaltanti. Nel Regno Unito è arrivato alla posizione numero 15, diventando il terzo singolo della band ad entrare in classifica e nella top20, mentre in Olanda è arrivato al numero 18 spendendo 14 settimane in classifica, diventando il terzo singolo ad entrare nelle classifiche olandesi ma il secondo ad entrare in top20, dopo No, No, No.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1998/1999) Posizione
Germania 60
Olanda 18
Regno Unito 15
US Billboard Hot R&B/Hip-Hop Airplay 63

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Get on the Bus (radio version) (featuring Timbaland)
  2. Get on the Bus (radio edit without rap)
  3. Illusions (Destiny Club Mix)