Gaetano Giorgini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaetano Giorgini

Gaetano Giorgini (Montignoso, 15 giugno 1795Firenze, 16 settembre 1874) è stato un matematico, ingegnere e politico italiano.

Gaetano Giorgini compì gli studi presso la Scuola politecnica di Parigi, dove aveva seguito la Principessa Elisa Baciocchi, e fu compagno di Michel Chasles. Fu padre di Giovan Battista Giorgini, che sposò una figlia di Alessandro Manzoni.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

Cariche amministrative e titoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Direttore generale delle acque e delle strade (Granducato di Toscana) dal 1818, poi dal 4 agosto 1859
  • Soprintendente agli Studi (Granducato di Toscana) dal 1840
  • Ambasciatore (Granducato di Toscana) a Modena e Parma nel 1847
  • Consigliere di Stato (Granducato di Toscana)
  • Membro onorario del Consiglio d'arte della Direzione generale dei lavori d'acque e strade e delle fabbriche civili dello Stato (Granducato di Toscana)
  • Membro del Consiglio degli ingegneri (Granducato di Toscana)
  • Membro della Direzione idraulica del bonificamento delle maremme dal 18 maggio 1859
  • Socio dell'Accademia lucchese di scienze, lettere ed arti dal 1817
  • Socio ordinario dell'Accademia dei Georgofili di Firenze dal 19 febbraio 1826
  • Socio emerito dell'Accademia dei Georgofili di Firenze
  • Membro della Società, indi Accademia, italiana delle scienze di Modena, detta dei XL dal 1832
  • Socio onorario dell'Ateneo di Brescia dal 21 febbraio 1836
  • Socio corrispondente dell'Istituto lombardo di scienze e lettere di Milano

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Santo Stefano Papa e Martire
Commendatore dell'Ordine di San Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Giuseppe
Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— Torino, 9 novembre 1862

Opere maggiori[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori informazioni nella scheda sul database dell'Archivio Storico del Senato, I Senatori d'Italia.