Franz von Stuck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto (1905) Alte Nationalgalerie
Il peccato (Die Sünde), olio su tela, 95 × 60 cm (1893) Neue Pinakothek

Franz von Stuck (Tettenweis, 23 febbraio 1863Monaco di Baviera, 30 agosto 1928) è stato un pittore simbolista-espressionista, nonché scultore, illustratore e architetto tedesco.

Nel 1892 cofonda, insieme ad altri artisti, il movimento modernista della secessione di Monaco antesignano, assieme ad altre secessioni[1] del periodo, dell'esperienza dell'Art Nouveau (Jugendstil in Germania). Insegnante di Wassily Kandinsky e di Paul Klee. Secondo il critico Paolo Maltese, ha esercitato una certa influenza su De Chirico e su Dalí.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tra le sue opere più note (spesso realizzate in più versioni):

  • Il guardiano del Paradiso (1889)
  • Lucifero (1889-1890)
  • L'assassino (o le Erinni)(1890)
  • Il Peccato (Die Sünde) (1893)
  • Il bacio della Sfinge (1895)
  • L'amazzone ferita (1905)
  • Salomè (1906)
  • Giuditta e Oloferne (1927)

Studenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La secessione di Berlino, l'anno seguente, guidata da Max Liebermann e l'importante secessione viennese di Gustav Klimt nel 1897

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 52482379 LCCN: n82050633