Franz Conrad von Hötzendorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franz Conrad von Hötzendorf
Il generale Conrad von Hötzendorf in un ritratto eseguito nel 1915 ad opera di Hermann Torggler
Il generale Conrad von Hötzendorf in un ritratto eseguito nel 1915 ad opera di Hermann Torggler
11 novembre 1852 - 25 agosto 1925
Nato a Penzing
Morto a Bad Mergentheim
Cause della morte morte naturale
Religione Cattolicesimo
Dati militari
Paese servito Flag of Austria-Hungary (1869-1918).svg Impero austro-ungarico
Forza armata Wappen Kaisertum Österreich 1815 (Klein).jpg Imperial regio Esercito austro-ungarico
Anni di servizio 1871 - 1918
Grado K.u.k. Feldmarschall.png Feldmaresciallo
Guerre Prima guerra mondiale
Battaglie Battaglie dell'Isonzo
Battaglia degli Altipiani
Battaglia del Piave

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Franz Conrad von Hötzendorf (Penzing, 11 novembre 1852Bad Mergentheim, 25 agosto 1925) è stato un feldmaresciallo austriaco.

Fu il capo di Stato Maggiore dell'esercito austroungarico, consigliere di Francesco Ferdinando d'Asburgo-Este, ed acceso sostenitore della guerra contro la Serbia e dell'alleanza con la Germania. Portato ad un atteggiamento ostile nei confronti dell'Italia, che considerava la causa della decadenza dell'Impero austro-ungarico, nel 1916 fu lo stratega della Strafexpedition, la "spedizione punitiva".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni e l'inizio della carriera[modifica | modifica sorgente]

Franz Conrad von Hötzendorf in una fotografia del 1906

Franz Conrad von Hötzendorf nacque l'11 novembre 1852 a Penzing, piccolo villaggio divenuto poi un sobborgo di Vienna. Suo nonno era stato creato barone (in tedesco Freiherr) nel 1810, scegliendo come predicato nobiliare il cognome della moglie, originaria del Palatinato, appunto "von Hötzendorf". Il padre, originario del sud della Moravia, era un colonnello degli ussari in pensione, ed aveva partecipato alle Guerre napoleoniche. Sua madre, invece, era figlia di un noto pittore viennese.

Nel 1863, all'età di undici anni, Franz Conrad von Hötzendorf entrò nell’accademia militare di Hainburg, per poi passare, nel 1867, all’accademia militare Marie-Thérèse di Wiener Neustadt. Il 28 agosto 1871 fu promosso al grado di tenente, per poi proseguire una rapida e brillante carriera nell'11º battaglione di cacciatori dal quale uscì dopo tre anni di servizio per frequentare la Kriegshule di Vienna. Dopo aver completato i propri studi alla scuola di guerra con "risultati eccellenti" venne annesso allo staff generale nel 1876. Nel 1878 prese parte all'occupazione della Bosnia ed alla repressione delle rivolte nella Dalmazia meridionale nel 1882, campagne nelle quali si distinse con successo.

Dal 1888 venne impiegato come istruttore di tattica alla Kriegsschule, incarico che mantenne sino al 1892 e che gli diede la possibilità di concentrarsi anche sulla letteratura militare. Nel 1886 Conrad aveva sposato Wilhelmine le Beau con la quale ebbe quattro figli e nel 1893 venne nominato colonnello e posto al comando di un reggimento di fanteria di stanza a Troppau. In questi anni maturò la concezione tattica nel ritenere l'attacco superiore alla difesa in quanto attraverso la concentrazione delle forze nei punti decisivi verso il nemico poteva essere vantaggioso il ruolo di ogni singolo uomo per la vittoria finale, concetti che gli torneranno particolarmente utili durante la grande guerra.

Nel 1899 divenne comandante della 55a Brigata di Fanteria a Trieste e nel 1901, per i meriti acquisiti, venne promosso generale di divisione, passando poi dal 1903 al comando dell’8a Divisione di Fanteria di Bolzano. Ricco d'immaginazione, diligente, scrupoloso e fervido lavoratore, von Hötzendorf si distingueva dagli altri ufficiali suoi contemporanei ed attirò l'attenzione dell'arciduca Francesco Ferdinando d'Austria, erede al trono austro-ungarico. Gli sforzi incessanti di Conrad per il rafforzamento ed il riammodernamento dell'esercito austriaco corrispondevano perfettamente alla visione dell'arciduca che influenzò l'imperatore Francesco Giuseppe a nominare Conrad, il 18 novembre 1906, al posto di capo dello staff delle intere forze armate austriache. Nel 1918 il suo titolo nobiliare venne elevato da quello di barone (in tedesco Freiherr) a quello di conte (Graf).

Capo di Stato Maggiore[modifica | modifica sorgente]

Franz Conrad von Hötzendorf

Con la sua nomina a Capo di Stato Maggiore dell’Imperial regio Esercito austro-ungarico, von Hötzendorf divenne promotore di varie riforme all’interno dell’esercito, nell’ottica del suo ammodernamento e di un'ulteriore sviluppo del potenziale bellico dell’impero. D’altro canto, come molti altri ufficiali austro-ungarici della sua generazione, egli aveva una scarsa esperienza di combattimento sul campo, ma aveva compiuto approfonditi studi di teoria e tattica, dando alle stampe anche svariate opere d’argomento[1].

Consapevole della difficile situazione politica e strategica dell'Impero, tentò di evitare al suo Paese una guerra su più fronti, pianificando delle offensive preventive: già nel 1908 propose all'imperatore Francesco Giuseppe una guerra preventiva contro l'Italia - alla quale l'Impero Austro-Ungarico era legato sin dal 1882 dalla Triplice Alleanza - in occasione del terremoto di Messina e Reggio Calabria. Nel 1911 ripropose una guerra preventiva contro l'Italia, impegnata in Libia, e, in seguito, contro la Serbia. Secondo lo storico Hew Strachan[2]

« Hötzendorf propose una guerra preventiva contro la Serbia nel 1906, e lo ha fatto di nuovo nel 1908-9, nel 1912-13, nel mese di ottobre 1913 e maggio 1914: tra il 1º gennaio 1913 e il 1º gennaio 1914, propose quindi il conflitto contro la Serbia ben cinque volte. »

Tuttavia, l'imperatore Francesco Giuseppe ed il ministro degli Esteri von Aehrenthal si opposero sempre a tali disegni. Falliti questi piani, tentò di spingere l'imperatore a cedere alcuni territori di confine all'Italia, in cambio della neutralità. Per allontanarlo dai disegni della politica ma pur riconoscendo il suo valore come militare e stratega, Francesco Giuseppe decise di seguire il consiglio di von Aehrenthal privando von Hötzendorf del titolo di capo dello staff generale nel 1911, nominandolo al ruolo di ispettore d'esercito. Dopo le dimissioni del ministero degli esteri e con l'aggravarsi della situazione internazionale, nel 1912 l'imperatore decise di nominare nuovamente von Hötzendorf capo dello staff generale dell'esercito.

La Prima guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Franz Conrad von Hötzendorf in una foto del 1915

Conrad già in passato aveva proposto, irrealisticamente, piani offensivi grandiosi, senza tener conto delle difficoltà del terreno e del clima, e spesso sottovalutando le potenzialità del nemico. Questo fu il caso, ad esempio, dell'esercito serbo, che si dimostrò assai più resistente di quello che aveva previsto. Conrad, d'altronde, era stato uno dei principali sostenitori della guerra contro la Serbia, in risposta all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando a Sarajevo. Egli dimostrò i suoi errori già durante il primo anno di guerra, e poi in seguito, in particolare durante la poderosa offensiva lanciata dall'esercito russo nella primavera del 1916, che causò pesantissime perdite agli eserciti degli Imperi Centrali.

Inoltre, i suoi attacchi contro l'esercito italiano risultarono perlopiù inefficaci, e produssero degli enormi costi in termini di perdite umane all'esercito Imperial-Regio. Quello che doveva essere il suo capolavoro strategico, la Strafexpedition contro gli italiani lanciata nel 1916, si dimostrò invece, in gran parte, un fallimento. Questo il giudizio del generale tedesco Hans von Seeckt sull'operato di Conrad[3]:

« [...]su Conrad ricadeva infatti la responsabilità di aver intrapreso una serie di irrazionali offensive, che avevano portato alla distruzione dell'esercito regolare fin dall'inizio del conflitto, con la conseguenza che il confronto dovette in breve essere sostentato dal potenziale umano della riserva - quindi male addestrato [...] »

Le forze militari austro-ungariche sotto il comando di Conrad von Hötzendorf persero quasi 1,5 milioni di uomini, e non furono più in grado di attaccare senza gli aiuti tedeschi. La maggior parte delle vittorie dell'Impero austro-ungarico si dovettero, in seguito, soprattutto all'apporto dell'esercito tedesco, dal quale l'esercito imperiale divenne sempre più dipendente. D’altro canto, vari storici lo considerano, ancora oggi, un modello di raffinato stratega, ed inoltre, secondo alcuni, «il suo nome è ancora oggi notissimo presso le popolazioni austriache, venendo spesso associato a quello di altri celebri condottieri»[4].

Con la morte di Francesco Giuseppe e l'ascesa al trono del nuovo imperatore Carlo I, la posizione di Conrad si fece sempre più delicata. I nuovi indirizzi politici e strategici dell'imperatore si scontravano infatti con l'intransigenza bellicista del vecchio Capo di Stato Maggiore[5]. Tuttavia, nei mesi successivi, Conrad fu promosso al grado di feldmaresciallo, diventando uno dei soli tre personaggi dell'Impero Austro-Ungarico a ricoprire tale grado, in quel periodo[6].

Il 1º marzo 1917 Conrad fu destituito dall'incarico di Capo di Stato Maggiore da parte dell'imperatore Carlo I, che lo sostituì col fedele generale Arthur Arz von Straussenburg. Alla base della sostituzione, oltre alle forti divergenze in ambito politico e militare, secondo alcuni storici vi sarebbero anche state motivazioni di natura, per così dire, morale[7]: il nuovo imperatore, infatti, era un fervente cattolico, mentre Conrad, sostanzialmente materialista ed ateo, poteva definirsi un sostenitore del darwinismo sociale. In seguito, Conrad fu nominato comandante dell'Armata del Trentino. Dopo la battaglia del Piave venne collocato a riposo.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Dopo la disfatta nella offensiva austriaca del Grappa e del Piave nel Giugno 1918, il 14 luglio 1918 Conrad venne richiamato dal fronte di comando a Eckartshau per ordine dell'imperatore che, per ricompensarlo comunque dei suoi sforzi ed a riconoscenza del suo alacre impegno per la guerra, gli propose di occupare il posto di colonnello delle Guardie Reali dell'Imperatore e lo elevò al rango nobiliare di Conte. Caduto in una profonda depressione, però, von Hötzendorf si sentiva fuoriluogo e decise di declinare l'offerta.

Conrad inoltre ebbe in quegli anni profondi problemi anche sul piano personale in quanto dopo la morte di sua moglie Wilhelmine, madre dei suoi quattro figli (Konrad, Erwin, Herbert e Egon), decise di risposarsi con la più giovane Virginia von Reininghaus la quale, pur avendogli messo al mondo altri sei figli, aveva un carattere difficilissimo che fece sì che la loro unione durasse solo nove anni terminando bruscamente con una separazione il 19 ottobre 1915, fatto che destò all'epoca molto scandalo nella casta società viennese.

Egli accettò il collasso della monarchia austriaca senza particolari emozioni perché sentiva questo tracollo come già preannunciato per la scarsa voglia di rinnovarsi che l'impero aveva ormai da anni. Conrad si spostò a Innsbruck ove si dedicò allo studio della filosofia ed all'approfondimento delle religioni, oltre ad iniziare a scrivere alcune delle sue opere autobiografiche. Nel 1922 si trasferì nuovamente a Vienna. Von Hötzendorf morì il 25 agosto 1925 a Bad Mergentheim, nel Württemberg, in Germania, dove si ritirava abitualmente per dei trattamenti termali per lenire i dolori della sua tarda età. La sua salma venne sepolta nel cimitero di Hietzing a Vienna.

Il giorno delle sue esequie, il politico austriaco Otto Bauer espresse questo terribile giudizio sul felmaresciallo Conrad[8]:

« Se dovessimo indicare i cinque o sei uomini fra quelli di tutta Europa da ritenersi i principali responsabili dello scoppio della guerra, uno di essi sarebbe certo il feldmaresciallo Conrad. »

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze austriache[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Maria Teresa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Maria Teresa
Croce al merito militare di I classe con decorazione di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito militare di I classe con decorazione di guerra
— 8 dicembre 1914
Medaglia d'oro al merito militare (Signum Laudis) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito militare (Signum Laudis)
Medaglia di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di guerra
Medaglia per 35 anni di servizio militare per ufficiali - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per 35 anni di servizio militare per ufficiali
Medaglia per il 50º anno di regno per militari (Signum Memoriae) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il 50º anno di regno per militari (Signum Memoriae)

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine al merito della corona prussiana (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della corona prussiana (Prussia)
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite con foglie d'alloro (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite con foglie d'alloro (Prussia)
— 26 gennaio 1917
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe (Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Massimiliano Giuseppe (Baviera)
— 21 luglio 1915
Commendatore di II classe dell'Ordine Militare di Sant'Enrico (Sassonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di II classe dell'Ordine Militare di Sant'Enrico (Sassonia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lawrence Sondhaus, Franz Conrad von Hötzendorf. L'anti Cadorna, pag.37
  2. ^ Hew Strachan, La Prima Guerra Mondiale.
  3. ^ Lawrence Sondhaus, Franz Conrad von Hötzendorf. L'anti Cadorna, pag.282.
  4. ^ Peter Fiala, Il feldmaresciallo Franz Conrad von Hötzendorf. Biografia storico-militare (1852-1925), pag.12.
  5. ^ Giorgio La Rosa, Carlo I d'Asburgo, riflessioni per una biografia politica, in L'inizio della fine, pag.20.
  6. ^ Gunther Rothenberg, L'esercito di Francesco Giuseppe, pag.202.
  7. ^ Giorgio La Rosa, Carlo I d'Asburgo, riflessioni per una biografia politica, in L'inizio della fine, pag.20.
  8. ^ Lawrence Sondhaus, Franz Conrad von Hötzendorf. L'anti Cadorna, pag.334

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Peter Fiala, Il feldmaresciallo Franz Conrad von Hötzendorf. Biografia storico-militare (1852-1925), Novate di Valdagno, 1990.
  • Giorgio La Rosa, Carlo I d'Asburgo, riflessioni per una biografia politica, in L'inizio della fine a cura di G. La Rosa, European Press Academic Publishing, Firenze, 2006.
  • Gunther Rothenberg, L'esercito di Francesco Giuseppe, Editrice Goriziana, Gorizia, 2003.
  • Lawrence Sondhaus, Franz Conrad von Hötzendorf. L'anti Cadorna, Editrice Goriziana, Gorizia, 2003.
  • Hew Strachan, La Prima Guerra Mondiale, Mondadori, Milano, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 32041224 LCCN: n84127765