Frano Botica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frano Botica
Dati biografici
Nome Frano Michael Botica
Paese Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 178 cm
Peso 85 kg
Carriera rugby a 13 Rugby union pictogram.svg
Federazione Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Ruolo Mediano d'apertura
Ritirato 1996
Attività di club
1990-1995 Wigan Warriors Wigan Warriors  ? (922)
1995 Auckland Warriors Auckland Warriors 5 (46)
1996 Castleford Castleford  ? (190)
Attività da giocatore internazionale
1991-1993 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 7 (50)
Palmarès internazionale
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1989-1992
Carriera rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Federazione Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Croazia Croazia (dal 1997)
Ruolo Mediano d'apertura
Ritirato 2001
Attività provinciale¹
1983-1988 North Harbour North Harbour
Attività di club¹
1988-1990 L'Aquila L'Aquila 33 (181)
1996-1998 Llanelli Llanelli 15 (188)
1998 Chiefs Chiefs 1 (0)
1998 Castres Castres
1998-2001 Biarritz Biarritz
Attività da giocatore internazionale
1986-1989
1997-1998
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Croazia Croazia
7 (6)
2 (26)
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1987
1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club di rugby a 15 si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Statistiche aggiornate al 19 dicembre 2011

Frano Michael Botica (Mangakino, 3 agosto 1963)  è un allenatore di rugby ed ex rugbista a 13 e 15 neozelandese, internazionale per il suo Paese in entrambe le dette discipline e, verso la fine della sua carriera, anche per la Croazia nel rugby a 15; mediano d'apertura, a livello internazionale vanta per la Nuova Zelanda la vittoria nella Coppa del Mondo di rugby 1987 pur senza essere mai stato schierato in campo nella competizione e il 3º posto alla Coppa del Mondo di rugby a 13 1989-92; per la Croazia conta due test match di qualificazione alla Coppa del Mondo di rugby 1999.


Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Mangakino, nell'Isola del Nord, da madre māori e padre emigrato da Curzola, in Croazia[1], iniziò a giocare a rugby a 5 anni[1] e crebbe nelle giovanili della provincia di North Harbour, nella cui prima squadra esordì nel 1983.

Nel 1986, a 22 anni, fu schierato come apertura titolare nel suo primo test match con la maglia degli All Blacks, a Christchurch contro la Francia, realizzando nell'occasione due drop: fu il primo giocatore di North Harbour a rappresentare la Nuova Zelanda a livello maggiore[1].

Un anno più tardi fu tra i convocati alla Coppa del Mondo di rugby 1987, che la Nuova Zelanda vinse, ma nel corso della quale non fu mai schierato[1][2] e, fino al 1989, scese in campo in 27 incontri, di cui 7 soli test match patendo, nel ruolo, la concorrenza di Grant Fox[1][2] («Mi ero stufato di essere una riserva»[1]).

Nel 1988 si trasferì in Europa e fu ingaggiato, insieme al suo compagno di Nazionale Mike Brewer, dall'Aquila[3], squadra in cui due stagioni realizzò 11 mete, 19 trasformazioni, 32 calci piazzati e un drop (181 punti totali).

Il passaggio al rugby a 13[modifica | modifica sorgente]

Nel 1990, terminata l'esperienza con L'Aquila, passò al rugby a 13 da professionista nel campionato britannico nelle file dei Wigan Warriors, formazione tra le più titolate della disciplina: con essi infatti vinse cinque titoli nazionali consecutivi dal 1991 al 1995 e altrettante Challenge Cup nello stesso periodo, oltre a due World Club Challenge nel 1991 e nel 1994; inoltre rappresentò la Nuova Zelanda di rugby a 13 nella Coppa del Mondo 1989-92, giungendo al terzo posto.

Dopo una stagione in patria agli Auckland Warriors tornò di nuovo in Gran Bretagna nel 1996 per disputarvi la sua ultima stagione da tredicista.

Il ritorno al rugby a 15[modifica | modifica sorgente]

Nel 1997, grazie all'origine di suo padre, la Federazione croata contattò Botica per poterlo schierare in campo nel corso delle qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 1999; dato il suo assenso, Botica esordì con la sua nuova Nazionale il 17 maggio 1997 a Macarsca contro la Lettonia, in un incontro vinto 43-24 e caratterizzato da 23 suoi punti[4].

Nel 1998 disputò la sua prima stagione nel Super Rugby, un singolo incontro nelle file degli Chiefs di Waikato; tornato ancora una volta in Europa, disputò, sempre a Macarsca, il suo secondo e ultimo incontro di qualificazione per la Croazia, una sconfitta contro l'Italia "A" per 27-39 nella quale comunque realizzò tre punti[5] e dopo l'estate fu ingaggiato dal Castres per tre mesi come rimpiazzo di un altro neozelandese indisponibile[1].

Terminato il contratto temporaneo con il Castres passò quindi al Biarritz, che lo ingaggiò nonostante la sua età avanzata (35 anni)[1], e con il quale terminò la carriera agonistica alla soglia dei 38 anni nel 2001[1].

Dopo il ritiro dall'attività agonistica Botica si è dedicato all'allenamento, principalmente nella sua provincia d'origine, il North Harbour: riveste un ruolo tecnico nella prima squadra del North Shore insieme al suo connazionale, ed ex All Black anch'egli, Wayne Shelford[6].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Rugby a 13[modifica | modifica sorgente]

Rugby a 15[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i (FR) Blandine Hennion, Botica, un Marco Polo en ovalie in Libération, 10 febbraio 2001. URL consultato il 19-12-2011.
  2. ^ a b (EN) Keith Quinn, '87 All Blacks, where are they now? - Backs in TV New Zealand, 19 agosto 2011. URL consultato il 19-12-2011.
  3. ^ Andrea Fusco, Tutti insieme dietro Rovigo in la Repubblica, 17 settembre 1988. URL consultato il 19-12-2011.
  4. ^ (EN) Rugby Legend Botica Turns Out for Croatia in ITN Source, 17 maggio 1997. URL consultato il 19-12-2011.
  5. ^ (EN) Irish Hopes Are Sunk in the Rain in The People (Londra), 7 giugno 1998. URL consultato il 19-12-2011.
  6. ^ (EN) North Shore RFC Coaching Staff. URL consultato il 19-12-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]