Francesco Fontebasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Gloria del Paradiso, affresco sul soffitto della chiesa di Santa Maria in Colle a Montebelluna.

Francesco Salvatore Fontebasso (Venezia, 4 ottobre 1707Venezia, 31 maggio 1769) è stato un pittore italiano, uno dei principali esponenti della pittura veneta nel periodo rococò.

Formatosi nella bottega di Sebastiano Ricci, nel 1728 si recò a Roma, dove dipinse La cena di Baldassarre e Adamo ed Eva.

Tornato a Venezia, la sua pittura fu influenzata da quella di Giambattista Tiepolo, come testimoniano lo Sposalizio di santa Caterina e l'Adorazione dei pastori.

Intorno alla metà del secolo intervenne nella villa oggi conosciuta come "Ca' Zenobio" nei pressi di Treviso, su commissione del proprietario di allora, l'avvocato veneziano Sebastiano Uccelli. Nel salone al primo piano, Fontebasso affrescò entro raffinati stucchi rocaille le allegorie della Giustizia, della Pace e delle Virtù; il pittore realizzò anche una serie di tele, oggi in collezioni private. Fontebasso affrontò anche l'impresa della decorazione della barchessa, ispirandosi all'esempio del Tiepolo: nella sala da ballo, entro un impianto scenico illusionistico spettacolare, sono rappresentati tre episodi di tematica storica. L'interpretazione dei soggetti non è ancora unanime. Credendo - erroneamente - che la decorazione fosse stata realizzata quando la proprietà della villa era già passata alla famiglia veneziana degli Zenobio (1779), si è voluto identificare il tema degli affreschi con l'incontro tra l'imperatore romano Aureliano e Zenobia, regina di Palmira e mitica antenata degli Zenobi. Oggi, piuttosto, si pensa che Fontebasso abbia voluto rappresentare episodi leggendari legati alla continenza di Scipione l'Africano.

Lavorò a Padova, a Treviso e a Trento, per poi recarsi a San Pietroburgo tra il 1761 ed il 1762, dove realizzò tele e affreschi per il Palazzo d'inverno.

Tra i soggetti pittorici preferiti si trovano scene bibliche e religiose, scene mitologiche, ritratti.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • La Vergine appare a S. Girolamo (1740-1760), Museo del Louvre.
  • Il sacrificio di Ifigenia, collezione privata.
  • Matrimonio mistico di S. Caterina con S. Teresa, collezione privata.
  • Estasi di S. Teresa, Museo delle Belle Arti, Budapest.
  • Ritratto di F. Tadini, Museo russo, San Pietroburgo.
  • Ritratto di Francesco Zanca, Ca' Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano.
  • Il martirio di S. Caterina, Smart Museum of Art, Chicago.
  • Raccolta della manna (1759), Museo Castello del Buonconsiglio, Trento.
  • Famiglia di Dario davanti ad Alessandro (1750), Dallas Museum of Art, Texas.
  • Assunzione della Vergine (1736), Chiesa di Sant'Annunziata, Trento.
  • Santi Giovanni Battista ed Eustachio, Pala d'altare nella Cappella omonima, Duomo di Udine.
  • Madonna con bambino in trono e i santi Martino vescovo e Carlo Borromeo(1762-1764), Pala d'altare (Tolmezzo-Duomo)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario biografico degli italiani, XLVIII, Roma, Istituto dell'Enciclopedia italiana, 1997

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 47035639 LCCN: n88221581