Esteban Granero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esteban Granero
EstebanGranero.JPG
Dati biografici
Nome Esteban Granero Molina
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 180 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Real Sociedad Real Sociedad
Carriera
Giovanili
1995-2004 Real Madrid Real Madrid
Squadre di club1
2004-2007 Real Madrid B Real Madrid B 79 (13)
2007-2009 Getafe Getafe 62 (8)
2009-2012 Real Madrid Real Madrid 67 (4)
2012-2013 QPR QPR 20 (1)
2013- Real Sociedad Real Sociedad 4 (0)
Nazionale
2004
2006
2007
2007-2009
Spagna Spagna U-17
Spagna Spagna U-19
Spagna Spagna U-20
Spagna Spagna U-21
5 (0)
9 (1)
5 (0)
10 (2)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Oro Polonia 2006
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 luglio 2014

Esteban Granero Molina (Madrid, 2 luglio 1987) è un calciatore spagnolo, centrocampista della Real Sociedad.

È soprannominato El Pirata.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere cresciuto nelle giovanili del Real Madrid, Granero passa prima in prestito e poi definitivamente al Getafe. Tuttavia nella stagione 2009-2010 il Real, viste le sue buone prestazioni, decide di riacquistarlo, sborsando però circa 4 milioni di €. Il 12 settembre 2009, alla seconda giornata della Liga, esordisce contro l'Espanyol nella vittoria delle merengues per 0-3. segnando uno dei 3 goal. Inoltre il 30 gennaio 2010, in occasione della sfida contro il Deportivo la Coruña al Riazor (dove il Real non vinceva da 19 anni), ha segnato il goal dello 0-1, con la partita poi finita 1-3 per i blancos. Nel corso della stagione 2010-2011 ha giocato poco anche a causa dei molti infortuni subiti, di cui uno grave. Nella medesima stagione vince la Coppa del Re grazie ad un gol di Cristiano Ronaldo segnato nei tempi supplementari al 106° della finale, partita in cui è entrato nei minuti finali al posto di Xabi Alonso.

Dopo aver aggiunto anche un titolo di campionato e una Supercoppa di Spagna al suo palmarès, il 30 agosto 2012 passa a titolo definitivo agli inglesi del QPR.

Il 15 agosto 2013 si trasferisce in prestito alla Real Sociedad. Nella prima giornata dei gironi di Champions League svoltasi tra Real Sociedad e Shakhtar Donetsk entra verso la fine della partita e appena sette minuti dopo esce per infortunio:[2] gli esami strumentali hanno diagnosticato la rottura del legamento crociato anteriore con lesione del menisco mediale del ginocchio destro, infortunio che costringerà il giocatore fuori dal campo per almeno sei mesi.[3]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 17 settembre 2013.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2007-2008 Spagna Getafe PD 27 3 CR 6 2 CU 9 3 - - - 42 8
2008-2009 PD 35 5 CR 2 0 - - - - - - 37 5
Totale Getafe 62 8 8 2 9 3 - - 79 13
2009-2010 Spagna Real Madrid PD 31 3 CR 1 0 UCL 4 0 - - - 36 3
2010-2011 PD 19 1 CR 9 1 UCL 4 0 - - - 32 2
2011-2012 PD 17 0 CR 4 0 UCL 7 0 SS 0 0 28 0
Totale Real Madrid 67 4 14 1 15 0 0 0 96 5
2012-2013 Inghilterra QPR PL 24 1 FACup+CdL 2+1 0 - - - - - - 27 1
ago. 2013 FLC 1 0 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 1 0
Totale QPR 25 1 3 0 - - - 28 1
ago. 2013-2014 Spagna Real Sociedad PD 3 0 CR 0 0 UCL 2[4] 0 - - - 5 0
Totale carriera 157 13 25 3 26 3 0 0 208 19

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Real Madrid: 2010-2011
Real Madrid: 2011-2012
Real Madrid: 2012

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

2006

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Real Madrid, Granero: "Mourinho ti sta addosso per farti migliorare" calcionews24.com
  2. ^ Real Sociedad-Shakhtar Donetsk, grave infortunio per Granero, calciomercato.it, 18 settembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2013.
  3. ^ Real Sociedad, tegola Granero: rottura del legamento crociato, calciomercato.it, 18 settembre 2013. URL consultato il 18 settembre 2013.
  4. ^ Una presenza nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (DEENIT) Esteban Granero in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.