Escape from the Planet of the Robot Monsters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Escape from the Planet of the Robot Monsters
Escape Planet Robot Monsters.jpg
Sviluppo Atari Games, Tengen
Pubblicazione Domark
Data di pubblicazione 1989
Genere Sparatutto
Modalità di gioco Singolo giocatore, multiplayer
Piattaforma Arcade, Atari ST, Amiga, Commodore 64, ZX Spectrum, Amstrad CPC, MS-DOS, SAM Coupé
Supporto Cassetta, floppy disk

Escape from the Planet of the Robot Monsters è un videogioco arcade sviluppato dalla Atari Games nel 1989. Il videogioco è vagamente ispirato ai film di fantascienza di serie B degli anni cinquanta.[1] È stato in seguito convertito per numerose piattaforme dell'epoca.[2]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'introduzione del videogioco, Planet X è un piccolo pianeta artificiale, la cui caratteristica principale è quella di essere la sede dei laboratori in cui lavora lo staff di scienziati della prosperosa e geniale dottoressa Sarah Bellum. Malvagi alieni chiamati Reptilons hanno però invaso il pianeta, catturato i dottori e costretto gli altri umani a costruire degli eserciti robotici per invadere il pianeta.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Escape From The Planet Of The Robot Monsters è un videogioco ad uno o a due giocatori, nel quale il giocatore deve salvare la dottoressa Sarah Bellum da Planet X, dove i suoi laboratori sono stati presi in ostaggio dai malvagi alieni Reptilons. Il videogioco è giocato attraverso una prospettiva isometrica, ed i personaggi controllano i propri personaggi utilizzando i joystick nella versione arcade.

Lungo la strada, il giocatore deve farsi strada sparando agli alieni in una serie di livelli simili a dei labirinti, liberando gli ostaggi umani che incontrerà durante il percorso. È possibile attivare degli ascensori tramite delle leve, per poter avere accesso a nuove aree di gioco. Inoltre è possibile raccogliere delle gemme per incrementare la potenza della propria arma, e del cibo per ricaricare la propria energia.

Alla fine di ogni livello il gioco passa ad alcune sequenze a scorrimento orizzontale in cui il giocatore controllare una piccola astronave e deve navigare in un labirinto di ostacoli. Se il giocatore arriva alla fine di questa sequenza potrà proseguire al livello successivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mameworld.net. URL consultato il 14 agosto 2007.
  2. ^ (EN) Escape from the Planet of the Robot Monsters in MobyGames, Blue Flame Labs.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi