Elena di Meclemburgo-Schwerin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elena di Meclemburgo-Schwerin
La Duchessa d'Orléans con il figlio Filippo, ritratti da Franz Xaver Winterhalter, 1839
La Duchessa d'Orléans con il figlio Filippo, ritratti da Franz Xaver Winterhalter, 1839
Duchessa d'Orléans
Prima Principessa del Sangue
Nascita Castello di Ludwigslust, Germania, 24 gennaio 1814
Morte Richmond upon Thames, Londra, 17 maggio 1858
Luogo di sepoltura Chapelle royale de Dreux
Dinastia Casato d'Orléans
Casato di Meclemburgo-Schwerin
Padre Federico Luigi, Principe Ereditario di Meclemburgo-Schwerin
Madre Carolina Luisa di Sassonia-Weimar-Eisenach
Consorte Ferdinando Filippo d'Orléans
Figli Filippo, Conte di Parigi
Roberto, Duca di Chartres
Religione luteranesimo

Elena di Meclemburgo-Schwerin (nome completo Helene Luise Elisabeth Herzogin von Mecklenburg-Schwerin[1]) (Ludwigslust, 24 gennaio 1814Richmond upon Thames, 18 maggio 1858) nata duchessa di Meclemburgo-Schwerin[1], divenne principessa ereditaria di Francia come consorte del principe Ferdinando Filippo d'Orléans (1810-1842).

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Elena nacque duchessa di Meclemburgo-Schwerin, come figlia del principe ereditario Federico Ludovico di Meclemburgo-Schwerin (1778-1819) e della sua seconda moglie la principessa Carolina Luisa di Sassonia-Weimar-Eisenach (1786-1816)[1]. Era nipote del granduca Federico Francesco I di Meclemburgo-Schwerin (1756-1837).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 maggio del 1837[1] Elena si sposò, nel Castello di Fontainebleau, con il maggiore dei figli del re dei francesi Luigi Filippo (1773-1850) e della regina Maria Amelia di Borbone-Napoli (1782-1866), il duca d'Orléans Ferdinando Filippo d'Orléans.

Questo matrimonio fu considerato vantaggioso per ambedue gli sposi, in quanto Ferdinando Filippo, essendo la moglie nipote del re di Prussia Federico Guglielmo III, si imparentava con una della più prestigiose dinastie europee; Elena, invece, sarebbe un giorno diventata Regina dei francesi.
Solo la regina Maria Amelia, fervente cattolica, si preoccupava del fatto che la nuora era di religione protestante e di tendenze liberali.
La felicità coniugale durò poco, perché il principe Ferdinando morì nel 1842 a Sablonville a causa di un incidente.

Nel febbraio del 1848 con la rivoluzione il re Luigi Filippo fu costretto ad abdicare e a partire per l'esilio in Inghilterra. Elena, con l'aiuto del cognato Luigi d'Orléans, duca di Nemours, tentò di far proclamare il figlio maggiore Re dei francesi. Il Duca di Nemours, cosciente della sua impopolarità, accettò che fosse Elena reggente fino alla maggiore età del nipote. Questo tentativo però fallì e in Francia venne proclamata la II Repubblica.

Elena di trasferì con i figli in Germania ed iniziò per lei un lungo periodo di esilio. Per tutta la vita conservò le sue posizioni politiche e rivendicò il diritto al trono per il figlio.

La Principessa morì nel 1858 a causa di una febbre contratta mentre curava il figlio più giovane, il Duca di Chartres, durante un viaggio in Inghilterra.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ferdinando Filippo ed Elena ebbero due figli[1]:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine della regina Maria Luisa (Spagna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Darryl Lundy, Genealogia della principessa Elena di Meclemburgo-Schwerin, thePeerage.com, 31 dicembre 2008. URL consultato il 24 novembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Généalogie des rois et des princes, by Jean-Charles Volkmann. Edit Jean-Paul Gisserot (1998)
  • Les Orléans, une famille en quête d'un trône, by Georges Poisson Perrin (1999)
  • Hélène de Mecklembourg-Schwerin; Madame la duchesse d'Orléans; New edition. Paris: Michel Lévy (1859)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]