Elaine Stewart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elaine Stewart nel film Il bruto e la bella (1952).

Elaine Stewart, nome d'arte di Elsy Steinberg (Montclair, 31 maggio 1929Beverly Hills, 27 giugno 2011), è stata un'attrice cinematografica e televisiva statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di un sergente di polizia, una volta terminati gli studi decise di intraprendere la carriera di modella. Mentre stava lavorando come assistente presso uno studio medico, nel 1948 venne scelta dalla Harry Conover's Model Agency, una delle più famose agenzie di modelle di New York, e nel 1952 vinse il titolo di "Miss See" messo in palio dalla rivista See Magazine, comparendo successivamente in importanti riviste come Playboy e Photoplay.

Con la sua statuaria bellezza, la Stewart sfruttò il grande successo come modella per tentare la carriera cinematografica. Nello stesso anno, infatti, venne scoperta dai produttori della MGM, che la contattarono per farle firmare un contratto e le affidarono piccoli ruoli in pellicole come la commedia Attente ai marinai (1952) con Dean Martin e Jerry Lewis, e il musical Cantando sotto la pioggia (1952), diretto e interpretato da Gene Kelly. Nello stesso anno la Stewart interpretò un breve ma incisivo ruolo drammatico ne Il bruto e la bella (1952) di Vincente Minnelli, nei panni di un'ambiziosa attricetta che seduce il produttore Jonathan Shields (interpretato da Kirk Douglas), mentre l'anno seguente fu Anna Bolena nel film storico La regina vergine (1953).

Dopo il ruolo di Jane Ashton nel musical Brigadoon, nel 1954 il contratto con la MGM giunse al termine, e la Stewart riapparve sul grande schermo solo due anni più tardi in Donne...dadi...denaro (1956); un nuovo contratto con la casa produttrice Universal le assicurò alcuni ruoli di un certo rilievo nei western Passaggio di notte (1957) e Selvaggio West (1958), nel melodramma Il vestito strappato (1957) e nel poliziesco Jack Diamond gangster (1960).

Nel 1961 sposò l'attore Bill Carter, da cui divorziò due anni dopo.

Dopo un paio di apparizioni in Le sette sfide (1961) e Peccati d'estate (1962), due produzioni italiane, la Stewart abbandonò il cinema nel 1962 e si dedicò per qualche tempo alla carriera sul piccolo schermo. Nel 1964 sposò il produttore televisivo Merrill Heatter, da cui ebbe due figli, Stewart e Gabrielle. Il ritiro definitivo dalle scene avvenne nei primi anni settanta, dopo aver condotto i giochi televisivi Gambit e High Rollers, due programmi entrambi prodotti dal marito.

È scomparsa nel 2011, all'età di 82 anni, dopo una lunga malattia[1].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Notizia della morte Hollywoodreporter.com

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 212395 LCCN: n86138599