Edward Tufte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edward Tufte

Edward Rolf Tufte (Kansas City, 14 marzo 1942) è uno statistico e scultore statunitense, famoso per i suoi scritti nell'ambito dell'infografica. Considerato un pioniere in quest'ambito, è stato soprannominato il Leonardo da Vinci dei dati dal New York Times e il Galileo della grafica dal BusinessWeek[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Edward Rolf Tufte nasce a Kansas City, Missouri, nel 1942, da Virginia Tufte autrice e professoressa dell'University of Southern California e Edward W. Tufte. Cresce a Beverly Hills, California, e si diploma nel 1960 alla Beverly Hills High School. Ottiene il Bachelor(B.A.) e il Master (M.A.) in statistica alla Stanford University e il dottorato in scienze politiche all'Università di Yale. La sua tesi, completata nel 1968, è intitolata Il movimento dei diritti civili e chi vi si oppone.

Tufte inizia la sua carriera di insegnante alla scuola Woodrow Wilson dell’Università di Princeton, dove tiene corsi di economia politica e analisi dei dati nel 1967. Nel 1975, mentre si trova a Princeton, gli viene chiesto di tenere un corso di statistica a un gruppo di giornalisti che frequenta la scuola per studiare economia. Tufte svolge un insieme di lezioni e conferenze sui grafici statistici, che sviluppa ulteriormente nei seminari che tiene successivamente insieme al famoso statistico John Tukey, pioniere nel campo dell'information design. Il materiale di questi corsi diviene la base per il suo primo libro sull'information design, The Visual Display of Quantitative Information. Tufte si auto-produce il suo Visual Display nel 1982, lavorando strettamente con il graphic designer Howard Gralla, che finanzia questo lavoro con una seconda ipoteca sulla sua casa. Il libro diviene velocemente un successo commerciale e assicura il suo passaggio da politologo a esperto dell’informazione.

Tufte è stato professore all'università di Yale dal 1977 al 1999. In questo periodo ha svolto corsi di scienze politiche, statistica e informatica[2]. Nel 1999 si è ritirato dall'insegnamento universitario.

Lavori[modifica | modifica sorgente]

Tufte è un esperto di infografica, materia su cui ha scritto molti libri e articoli ed è membro della American Statistical Association.

Information design[modifica | modifica sorgente]

Mappa di Charles Minard sulla marcia di Napoleone Bonaparte

Gli scritti più importanti di Tufte riguardano l'information design cioè come esprimere concetti in forma visuale. Tufte è un difensore del minimalismo nella rappresentazione del dato e dell'eliminazione di tutti gli attributi che disturbano la comprensione; per individuare meglio questi attributi Tufte ha coniato il termine “chartjunk” che letteralmente individua l'insieme di elementi contenuti in un grafico che non sono necessari a comprendere la rappresentazione delle informazioni nel grafico. Nelle sue conferenze e workshop fornisce insegnamenti dedicati ad aiutare i professionisti della comunicazione con regole basilari sulla comunicazione visuale efficace. La cosa che più preoccupa Edward Tufte è l' abitudine ad usare i grafici in modo spesso ignorante, eccessivo ed altamente decorativo. Tufte dà molta importanza alla completa comprensione del messaggio da trasmettere e al lavoro necessario per raggiungere tale obiettivo usando la quantità minima di inchiostro. Secondo Tufte quando si esamina da vicino un grafico, ogni punto all'interno di esso ha un valore; ad una visione complessiva si possono osservare modelli e tendenze. Tufte suggerisce che queste letture macro/micro siano presentate nello spazio di un campo visivo nel formato ad alta risoluzione della pagina stampata e siano osservabili in maniera nitida dall'osservatore. Tufte usa diversi esempi storici per provare le sue tesi incluso la mappa dell'epidemia di colera di John Snow, il grafico di Charles Joseph Minard sulla marcia di Napoleone, i primi tracciati dei detriti spaziali e il memoriale dei veterani del Vietnam di Maya Lin . A proposito di quest'ultimo esempio Tufte ha fatto notare che sul granito nero della scultura memoriale di Lin l’elenco dei nomi dei soldati morti è dimostrato essere più potente, visivamente parlando, in ordine cronologico piuttosto che in quello alfabetico, in modo che il sacrificio compiuto da ogni individuo è così evidenziato nell’ambito generale della guerra.

Le idee di Tufte su una corretta rappresentazione visuale vengono riassunte dal principio di Feynman-Tufte:

« “una rappresentazione visuale di dati dovrebbe essere abbastanza semplice da stare sul portellone di un furgone”.[3][4] »

Questo principio ribadisce che un corretta rappresentazione visuale deve essere semplice da leggere anche in una forma molto compatta.

Sparkline[modifica | modifica sorgente]

Si deve a Tufte l'invenzione delle sparkline cioè delle piccole icone che riassumono un grafico temporale accentuandone al massimo la leggibilità e nel contempo la compattezza.

« Una Sparkline è un piccolo e semplice grafico della grandezza di una parola,, con risoluzione tipografica. Sparkline significa che i grafici non sono più occasioni speciali fumettistiche usate in scatoleo puntatori, ma piuttosto grafici sparkline possono essere dovunque è presente un numero o una parola: incorporati in una frase in una tabella, in un titolo, in uno spreadsheet, o in un grafico.[5] »
(Edward Tufte, Beautiful Evidence, 2004)

Le Sparkline sono sotto licenza Microsoft[6] che le implementa dalla versione 2010 di Office.

Small Multiple[modifica | modifica sorgente]

Si deve a Tufte l'invenzione del termine Small Multiple per riferirsi a rappresentazioni multiple di immagini comparabili tra loro, così da permettere immediatamente e in parallelo al lettore di comparare le differenze.

Critica a PowerPoint[modifica | modifica sorgente]

Nel saggio The cognitive Style of PowerPoint[7], Tufte critica alcune proprietà e alcuni tipici usi di Microsoft PowerPoint come ad esempio:

  • Tabelle e grafici inutili e semplicistici dovuti alla bassa risoluzione dello schermo;
  • Poco spazio per riflessione e presentazione di dati;
  • Spazio sprecato per loghi, immagini, firme etc;
  • Gerarchie molto forti nella presentazione delle informazioni;
  • Rapida successione di frammenti di informazione invece di un'analisi articolata;
  • I titoli delle singole pagine non corrispondono ai contenuti;

Tufte inoltre deride i grafici tridimensionali, la diapositiva di PowerPoint stereotipata ed i modelli di struttura, forniti da tutti gli strumenti Microsoft per preparare grafici o diagrammi che a suo dire intorpidiscono il cervello,

La critica di Tufte verte anche sul fatto che in un rapporto tecnico scritto normalmente molti punti che si troverebbe sullo stesso piano vengono inseriti in livelli gerarchici diversi (e i più bassi vengono trascurati nella lettura). Questo fatto viene argomentato nel saggio con l'esempio del disastro dello Space Shuttle Columbia del 2003.[8]

Le conclusioni di Tufte coincidono con i risultati dell'indagine NASA sull'esplosione dello Shuttle del 1º febbraio del 2003: la schiuma del rivestimento della carlinga è stata la causa dell'incidente, ma una parte della colpa va al prodotto Microsoft. La NASA, ai tempi dell'incidente, faceva tutte le sue presentazioni in PowerPoint e secondo la ricostruzione della commissione NASA la confusione generata dal modo in cui il problema tecnico era stato rappresentato, ha causato una sua sottovalutazione e, in ultima analisi, ha contribuito alla morte dei sette membri dell'equipaggio.

Scultura[modifica | modifica sorgente]

Al di fuori dei suoi impegni accademici Tufte si è dedicato ad un altro modo di visualizzare informazioni: la scultura, spostandosi così dalla visualizzazione su schermo a quella nelle tre dimensioni reali. Nell'arco della sua carriera da scultore ha già creato una cinquantina di monumenti, disposti nei 165 acri di sua proprietà nello Cheshire e Woodbury, e un centinaio di tavole, di cui 75 di fanno parte della mostra Seeing Around.[9]. Tufte ha inoltre aperto una galleria d'arte a New York chiamata ET Modern.[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Business Week.
  2. ^ http://www.yale.edu/polisci/people/etufte.html Università di Yale: Edward Tufte
  3. ^ The Feynman-Tufte Principle: Scientific American
  4. ^ Edward Tufte forum: Feynman-Tufte principle
  5. ^ Edward Tufte forum: Sparkline theory and practice
  6. ^ SPARKLINES IN THE GRID - Microsoft Corporation
  7. ^ Edward Tufte: Books - Essay: The Cognitive Style of Powerpoint
  8. ^ Edward Tufte forum: PowerPoint Does Rocket Science-and Better Techniques for Technical Reports
  9. ^ Edward Tufte forum: Seeing Around: New ET essay published
  10. ^ The Many Faces (And Sculptures) Of Edward Tufte : NPR

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Tufte ha scritto parecchi libri sull'uso della statistica nell'analisi dei problemi politici tra cui:

  • The Civil Rights Movement and Its Opposition. PhD thesis. 1968.
  • Size & Democracy. con Robert Dahl. Stanford University Press. 1973. ISBN 0804708347.
  • Data Analysis for Politics and Policy. Prentice Hall College Div. 1974. ISBN 0131975250.
  • Political Control of the Economy. Princeton University Press. 1978. ISBN 0691075948.
  • Visual and statistical thinking: displays of evidence for making decisions. Cheshire, Conn. 1997. ISBN 0961392134

Gli scritti di Tufte riguardanti l'infografica sono:

  • The Visual Display of Quantitative Information. Cheshire, CT: Graphics Press. 1983. ISBN 9780961392147.
  • Envisioning Information. Cheshire, CT: Graphics Press. 1990.ISBN 0961392118
  • Visual Explanations: Images and Quantities, Evidence and Narrative. Cheshire, CT: Graphics Press. 1997. ISBN 0961392126.
  • The Cognitive Style of PowerPoint. Cheshire, CT: Graphics Press. 2003. ISBN 0961392169.
  • Beautiful Evidence. Cheshire, CT: Graphics Press. 2006. ISBN 0961392177.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 108412763 LCCN: n50012763

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie