Edmund Campion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Edmondo Campion
Edmund Campion.jpg

Martire gesuita

Nascita Londra, 1540
Morte Tyburn, 1581
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Beatificazione 1929 da papa Pio XI
Canonizzazione 25 ottobre 1970
papa Paolo VI
Ricorrenza 1º dicembre

Edmund Campion (Londra, 24 gennaio 1540Tyburn, 1º dicembre 1581) fu un missionario inglese della Compagnia di Gesù, martire per la fede e proclamato santo nel 1970.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò presso il St John's College di Oxford e, dopo il passaggio dell'Inghilterra al protestantesimo, si trasferì in Irlanda e poi in Francia: riprese gli studi presso il seminario di Douai e venne ordinato sacerdote. Entrato tra i gesuiti, insegnò a Praga: nel 1580, insieme a Robert Persons, venne inviato come missionario in Inghilterra.

Catturato mentre celebrava clandestinamente la messa, venne arrestato con l'accusa di sedizione contro la regina Elisabetta I Tudor e condannato a morte. La mattina del 1º dicembre fu legato ad un cavallo e trascinato per le vie della città sino al patibolo. Qui venne impiccato, sventrato e squartato.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Fa parte dei cosiddetti Santi quaranta martiri di Inghilterra e Galles, vittime della persecuzione anticattolica in Inghilterra fra il 1535 ed il 1679, venne beatificato nel 1929 e proclamato santo da papa Paolo VI il 25 ottobre 1970.

La Chiesa cattolica lo commemora tra i santi quaranta martiri di Inghilterra e Galles: la sua memoria viene celebrata il 1º dicembre.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William V. Bangert, Storia della Compagnia di Gesù, Marietti, Genova 1990. ISBN 88-211-6806-9

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Edmund Campion in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Controllo di autorità VIAF: 66513561 LCCN: n81066500