Dorian Gray (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dorian Gray
Dorian Gray film 2009.jpg
Colin Firth e Ben Barnes in una scena del film
Titolo originale Dorian Gray
Lingua originale inglese
Paese di produzione Regno Unito
Anno 2009
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, fantastico, thriller
Regia Oliver Parker
Soggetto dal romanzo di Oscar Wilde
Sceneggiatura Toby Finlay
Produttore Barnaby Thompson
Casa di produzione Ealing Studios, Fragile Films
Distribuzione (Italia) Eagle Pictures
Fotografia Roger Pratt
Montaggio Guy Bensley
Effetti speciali Moving Picture Company (MPC)
Musiche Charlie Mole
Scenografia John Beard
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dorian Gray è un film del 2009, diretto da Oliver Parker e tra gli altri interpretato da Ben Barnes e Colin Firth. È liberamente tratto dal classico letterario Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde.

In Italia l'uscita del film nei cinema era prevista per il 23 ottobre 2009. A fine settembre del 2009 è stata posticipata al 27 novembre dello stesso anno. Per il regista Oliver Parker si tratta già della terza trasposizione cinematografica di opere di Oscar Wilde dopo Un marito ideale (1999) e L'importanza di chiamarsi Ernest (2002). Il film è stato vietato ai minori di 14 anni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Siamo attorno al 1890. Dorian Gray (Ben Barnes), un bellissimo ragazzo dall'aria ingenua e un po' svampita, giunge nella Londra vittoriana perché ha ereditato una fortuna dal nonno. Egli è un orfanello, nato quando suo padre era già morto. La madre invece morì mettendolo al mondo. Viene subito preso sotto l'ala protettrice di Lord Henry Wotton (Colin Firth) che lo instrada alla dissolutezza. Nel frattempo il pittore omosessuale Basil Hallward (Ben Chaplin) completa il ritratto del giovane. Alla presentazione del dipinto gli astanti non possono fare a meno di notarne la bellezza e la perfezione. Wotton dice a Gray che l'opera di Basil è anche meglio del vero Dorian, perché esso non invecchierà, al contrario del giovane che, col tempo, esteriormente si rovinerà. Wotton stuzzica semplicemente Gray chiedendogli se sarebbe disposto a vendere l'anima al diavolo pur di rimanere per sempre giovane. Dorian Gray prende la questione sul serio e, esprimendo un desiderio, riesce a rimanere giovane concentrando l'effetto degli anni sul suo dipinto.

Dorian intanto s'innamora dell'attricetta Sybil Vane e decide di sposarla, ma è convinto da Wotton a non farlo. Viene portato da quest'ultimo in un bordello dove si abbandona ai piaceri della carne. Saputa la notizia del tradimento Sybil si uccide affogandosi in un lago. Jim, Il fratello della giovane attrice, dice a Dorian che la sorella era incinta di lui e per averla lasciata lo accusa di averla indotta al suicidio, ma viene fermato quando sta per soffocarlo. D'ora in poi Dorian si lascerà trasportare in una vita dedicata unicamente al piacere. L'autore del ritratto Basil Hallward chiede a Gray il quadro per esibirlo in una sua personale mostra di opere, quadro che nel frattempo Gray ha riposto in soffitta. Pur di sviare Basil dai suoi propositi (nel frattempo il quadro sta invecchiando sottoposto ad ogni piacere e sconceria da parte di Gray), si concede ad egli sessualmente, ma questo non basta e, a causa delle continue richieste di Basil, Gray gli mostra il quadro, facendogli capire perché non può prestarglielo. Basil intuisce di essere di fronte a qualcosa di demoniaco e cerca di far rinsavire Gray, che però di tutta risposta uccide brutalmente il pittore: Gray ormai sta perdendo completamente il controllo.

Dopo il funerale di Basil decide di partire in giro per il mondo, chiedendo all'amico Wotton di accompagnarlo. Quest'ultimo però sta per diventare padre e rifiuta. Gray torna dopo 25 anni, dovrebbe averne 50 ma ne dimostra sempre 20, mentre Henry ne ha ormai 70, e, divenuto vedovo, ha una figlia venticinquenne, Emily, che s'innamora proprio di Dorian. Dorian inizia a comprendere la gravità degli atti che ha compiuto e si reca al cimitero dove è sepolta Sybyl Vane. Qui incontra Jim Vane, che è impazzito in ospedale e cerca di sparare a Dorian per vendicare la morte della sorella. Gray si salva asserendo che non è possibile che lui sia Dorian Gray, dato che essendo trascorsi 25 anni, egli avrebbe dovuto avere un altro aspetto. Questo convince Jim a lasciarlo andare, ma poco dopo si rende conto del suo errore. Jim e Dorian si scontrano nuovamente dopo qualche giorno: durante una sparatoria ed un inseguimento nella metropolitana, Jim rimarrà ucciso schiacciato da un treno.

Nel frattempo l'amore di Emily per Dorian è ostacolato dal padre che, come tutti, è convinto che Dorian sia vittima di uno strano maleficio che lo rende giovane in eterno. Dorian s'innamora sinceramente di Emily e decide di cambiare radicalmente, ma per farlo dovrà fuggire lontano con lei, e decide di scappare a New York. Henry non ci sta e inizia ad indagare: osservando foto d'epoca si rende conto del fatto che Dorian è effettivamente identico a 25 anni prima. Ricordando il giorno in cui Dorian vendette involontariamente l'anima al diavolo intuisce che il quadro è la chiave di tutto e incontra l'ex maggiordomo di Dorian (che era stato cacciato di casa dallo stesso Dorian in un impeto d'ira), si fa fabbricare le chiavi di casa e della soffitta e inscena una festa per la figlia e Gray. Nel bel mezzo dei festeggiamenti lancia frecciatine a Dorian e irrompe nella sua dimora, arrivando fino in soffitta prima che Dorian capisca tutto e si precipiti a casa sua per evitare il peggio. Ne segue un breve scontro, Gray sta per soffocare Henry, ma questi riesce a liberarsi e a scoprire il quadro, rimanendone scioccato: il ritratto di Dorian è sconvolto, segnato da anni di lussi e spregiudicatezze, fino a risultare del tutto irriconoscibile.

Henry dà fuoco al dipinto, imprigionando poi Dorian nella soffitta in mezzo alle fiamme. In quel momento arriva sua figlia, e Henry cerca di allontanarla da un Dorian ricondotto oramai alla sua dimensione umana grazie alla quale arriva a confessare addirittura il suo amore per lei, unico e sommo valore attribuito ad una vita fino a quel momento vana e lussuriosa, ma profondamente infelice. Dorian decide quindi di compiere l'ultimo gesto, togliendo le mani di lei che stringevano le sbarre (e di fatto aiutando Henry a trascinarla via) e infilzando il suo dipinto con una spada, morendo mentre si trasforma nell' essere mostruoso e deteriorato che avrebbe dovuto essere. Il film si conclude con l'ormai vecchio Henry che si reca in cantina e osserva il dipinto, ritornato alla sua forma originale e con un soggetto non più segnato per la vita sregolata, ma giovane e perfetto esteriormente come è stato Dorian fino alla sua morte. Henry chiude la porta lasciando il dipinto nell'oscurità, ma curiosamente si intravede una strana luce provenire dagli occhi del giovane Dorian Gray lasciando intendere che la sua anima potrebbe essere rimasta intrappolata nel quadro anche dopo la sua morte.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'entrata degli Ealing Studios.

Il regista Oliver Parker ha annunciato il suo coinvolgimento nella rivisitazione del romanzo durante marzo 2008, premettendo che le atmosfere da lui ritratte sarebbero state più gotiche di quanto mai fatto nelle precedenti trasposizioni.[1]

Per la parte di Dorian Gray, a metà maggio è stato assunto il giovane Ben Barnes, noto per la sua interpretazione ne Le Cronache di Narnia: Il Principe Caspian.[2]

Il film è stato finanziato in gran parte dalla casa cinematografica "Fragile Films" (proprietà del produttore Barnaby Thompson),[2] un contributo di 500.000£ è stato invece donato tramite un fondo monetario creato appositamente per il film dall'UK Film Council.[3]

Le riprese si sono svolte agli Ealing Studios di Londra a partire dall'estate del 2008.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Ai primi di novembre, presso il sito Bloody-Disgusting sono state pubblicate le prime locandine, che con un taglio molto cupo confermano la scelta di Oliver Parker di dirigere un adattamento in chiave horror. Gli stessi poster sono stati mostrati dalla Momentum Pictures all'annuale edizione dell'American Film Market per iniziare la promozione.[4][5]

Differenze tra libro e film[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato giudicato in maniera discordante, amato oppure odiato. Molti critici hanno manifestato la loro perplessità riguardo alla trasposizione un po' troppo libera nel passaggio dalla trama originale alla sceneggiatura. Le differenze più importanti:

  • Nel libro, Dorian ha i capelli biondi, ricciuti e occhi azzurri. Nel film, invece, l'aspetto dell'attore che lo interpreta è completamente opposto.
  • Nel libro Basil ritrae Dorian Gray in più dipinti e lord Henry Wotton lo vede, dopo di che vuole assolutamente conoscere il giovane, anche se il pittore non vuole presentarglielo. Per una coincidenza però, Dorian entra nello studio del pittore proprio mentre c'è anche il lord. Nel film invece Basil presenta Dorian a lord Henry, e dopo ne dipinge un solo dipinto.
  • Nel libro, Dorian si innamora di Sybil Vane dopo averla vista recitare diversi ruoli in teatro. Si innamora, quindi, della sua arte. Quando Dorian si dichiara e Sybil ricambia il suo sentimento, la ragazza non riesce più a recitare con la stessa enfasi di prima, in quanto la gioia la distrae e non riesce ad entrare nello spirito drammatico dei personaggi che interpreta, perdendo così quell'arte che la rendeva tanto speciale agli occhi del suo amato. Dorian, deluso, la lascia e Sybil, per l'amarezza, si toglie la vita. Nel film, invece, Dorian ha un colpo di fulmine per Sybil dopo averla vista in una locanda e solo successivamente in teatro. I due si innamorano, Dorian promette a Sybil il matrimonio e passano anche una notte di passione. Pochi giorni dopo, manipolato da Lord Henry, Dorian viene portato in un bordello, dove si lascia andare al piacere: dopo questa esperienza, capisce di non voler più sacrificare la sua vita in matrimonio e di volersi dedicare unicamente alle passioni. Così, dice a Sybil di non affrettare le cose e che c'è ancora tempo per metter su famiglia. Sybil, che all'insaputa di Dorian aspetta un bambino da lui, capisce di esser stata tradita e che il suo amato è cambiato; disperata, si butta in un fiume, dove annega.
  • Nel libro, Dorian vede recitare Sybil per la prima volta durante una rappresentazione di Romeo e Giulietta, mentre nel film l'opera messa in scena è l'Amleto.
  • Nel libro, differentemente dal film, Sybil non conoscerà mai il reale nome di Dorian ma lo chiamerà sempre con un soprannome, quello di Principe Azzurro (in inglese "Prince Charming" che tradotto letteralmente sarebbe "principe affascinante").
  • Nel libro il quadro non viene mai mostrato in pubblico, anzi, rappresenta un legame molto intimo tra Dorian e Basil.
  • Nel film, pur di convincere Basil a non pensare al quadro, Dorian lo bacia e Basil restituisce il bacio. Questo non accade nel libro.
  • Nel film James, il fratello di Sybil Vane, cerca di attentare alla vita di Dorian appena dopo aver saputo delle morte della sorella. Nel libro invece l'attentato è solo alla fine, e James, che non ha mai visto Dorian né conosciutone il nome, decide di graziarlo proprio in quanto tratto in inganno dall'impossibilità che Dorian, dopo tanto tempo, sia ancora così giovane.
  • Nel libro non vengono descritti i "peccati" del protagonista, che durante i suoi misteriosi viaggi va in cerca della bellezza senza raccontarne i particolari. Nel film, invece, viene mostrato un Dorian esplicitamente libertino.
  • Nel film l'omicidio di Basil avviene molto prima in ordine cronologico. Inoltre mentre nel libro Basil, dopo essere stato ucciso da Dorian, verrà lasciato in soffitta per poi essere disintegrato dal chimico Alan Campbell, nel film il suo corpo verrà gettato nel Tamigi da Dorian.
  • Il personaggio di Alan Campbell nel film non verrà menzionato.
  • Nel libro il personaggio di Henry non avrà mai figli e non vedrà mai il ritratto di Dorian trasformato
  • Il personaggio di Emily Wotton è stato inserito soltanto nel film ed è quindi puramente inventato per evidenziare la differenza di età che ci dovrebbe essere tra lei e Dorian Gray, e in modo da dargli un'opportunità di redenzione, maturo e stanco di una vita di piaceri effimeri e ricordi dolorosi.
  • Nel libro Dorian pugnala il quadro all'età di trentotto anni, mentre nel film ha in quel momento circa cinquant'anni.
  • Il finale del film è ambientato durante la Prima guerra mondiale anche se il libro uscì nel 1890, 24 anni prima.
  • Nella scena finale del film è Lord Henry che, preoccupato per la figlia, decide di scoprire il segreto di Dorian. Dopo aver capito che c'è qualcosa di strano nella sua giovinezza e soprattutto che tenga il quadro nascosto, corrompe il suo maggiordomo per farsi dare le chiavi della soffitta. Qui scopre il quadro e lo brucia. Dorian allora si rende conto di quanto sia stata sbagliata tutta la sua vita, giura amore ad Emily e pugnala il quadro definitivamente, mettendo fine al suo dolore. Nel libro, invece, Dorian, ossessionato dal peso dei suoi delitti ed inorridito dal ritratto della sua anima corrotta, decide di distruggerlo per poter cominciare una nuova vita. Quindi, solo e disperato nella sua tetra soffitta, pugnala il quadro, la fonte di tutto il male, ma essendo questo la rappresentazione della sua anima, sarà Dorian stesso a morire trasformandosi nel mostro che prima era intrappolato nel ritratto. Il ritratto tornerà come prima, ossia raffigurante Dorian da giovane.
  • Nel libro, il quadro non è animato, mentre nel film, verso la fine sembra avere vita propria.
  • Nel libro non si fa alcun riferimento ad una infanzia tormentata di Dorian, mentre nel film sono mostrate alcune scene al riguardo.
  • Nel film Dorian colpisce il quadro due volte con una spada; nel libro, invece, lo fa una volta sola, con un pugnale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beth Hilton, Oliver Parker plans Dorian Gray movie, Digital Spy, 12-03-2008. URL consultato il 04-10-2008.
  2. ^ a b Ben Barnes is Dorian Gray, Beyond Hollywood, 20-05-2008. URL consultato il 04-10-2008.
  3. ^ Remake of Oscar Wilde Classic, Screen Africa, 09-09-2008. URL consultato il 05-10-2008.
  4. ^ AFM '08: Two Promo Pieces For 'Dorian Gray', Bloody-Disgusting, 06-11-2008. URL consultato il 07-11-2008.
  5. ^ Due artwork molto dark per Dorian Gray, Bad Taste, 07-11-2008. URL consultato il 07-11-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema