Cut the Crap (The Clash)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cut the Crap
Artista The Clash
Tipo album Studio
Pubblicazione 1985[1]
Durata 38 min. : 21 s.[1]
Genere British punk
Hard rock
Punk rock
Etichetta Epic[1]
Produttore Bernie Rhodes (accreditato come Josè Unidos)[2]
Registrazione Monaco di Baviera
Note Ristampato nel 2000
The Clash - cronologia
Album precedente
(1982)
Album successivo

Cut the Crap è l'ultimo album dei Clash. Fu pubblicato nel 1985 e seguì il precedente lp del gruppo chiamato Combat Rock (1982), inoltre fu il primo e ultimo disco pubblicato dopo l'addio del chitarrista Mick Jones (1983).

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'album non fu accolto con entusiasmo dalla critica e fu, anzi, considerato un vero e proprio flop[senza fonte]. Oltre all'assenza di Mick si registra anche quella del batterista Topper Headon (uscito dalla band per problemi di eroina) e quindi della formazione classica dei Clash rimangono soltanto Joe Strummer e Paul Simonon. Le canzoni, però, sono state tutte prodotte dal nuovo insolito duo Bernard Rhodes (manager dei Clash)/Strummer. Il disco non entrò nelle prime posizioni e registrò poche vendite, ma riuscì ciononostante a battere il disco d'esordio di Mick Jones con il suo nuovo gruppo chiamato Big Audio Dynamite.[senza fonte] Joe ha in seguito disconosciuto questo album, pentendosi della decisione di allontanare Jones dal gruppo e lamentando il fatto che Rhodes si era voluto sostituire a Jones.[3] Cut The Crap verrà aggiunto alla discografia dei Clash solo recentemente grazie alla pubblicazione del disco The Essential Clash che vede presente il singolo This Is England estratto dal disco.

Nel gennaio 2000 l'album fu rimasterizzato e pubblicato nuovamente dalla casa discografica: include una tredicesima canzone, Do It Now, precedentemente apparsa sul lato B di This Is England.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le canzoni sono state accreditate a Strummer/Rhodes:

  1. Dictator - 3:00
  2. Dirty Punk - 3:11
  3. We Are the Clash - 3:02
  4. Are You Red..Y - 3:01
  5. Cool Under Heat - 3:21
  6. Movers and Shakers - 3:01
  7. This Is England - 3:49
  8. Three Card Trick - 3:09
  9. Play to Win - 3:06
  10. Fingerpoppin' - 3:25
  11. North and South - 3:32
  12. Life Is Wild - 2:39

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'album sono presenti solo due membri della formazione originaria, Joe Strummer e Paul Simonon. Howard, è il batterista che sostituì Terry Chimes (che a sua volta sostituì Topper Headon per un breve periodo), Sheppard e White sono i due chitarristi entrati in sostituzione di Mick Jones.

The Clash

Altri musicisti

Crediti

Posizioni nelle Chart[modifica | modifica wikitesto]

Prime 200 posizioni per gli album negli US
Settimane 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10
Posizioni nella Chart 96[4] 92[5] 92[6] 90[7] 88[8] 88[9] 121[10] 157[11] 174[12] 181[13]
Posizioni nella Classifica del Regno Unito[14]
Settimane 01 02 03
Posizioni nella Chart 16 38 84

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Scheda su Allmusic.com
  2. ^ Allmusic.com
  3. ^ Pagina 427, Pat Gilbert, The Clash, Death Or Glory; 2007, Arcana Editore.
  4. ^ Billboard.com
  5. ^ Billboard.com
  6. ^ Billboard.com
  7. ^ Billboard.com
  8. ^ Billboard.com
  9. ^ Billboard.com
  10. ^ Billboard.com
  11. ^ Billboard.com
  12. ^ Billboard.com
  13. ^ Billboard.com
  14. ^ Chartstats.com
punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk