Cristina Luisa di Öttingen-Öttingen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen
Christina Louise of Oettingen-Oettingen.jpg
duchessa consorte di Brunswick-Lüneburg
Nascita Oettingen, 20 marzo 1671
Morte Blankenburg, 3 settembre 1747
Padre Alberto Ernesto I, Principe di Öttingen-Öttingen
Madre Duchessa Cristina Federica di Württemberg

Cristina Luisa di Öttingen-Öttingen (Oettingen, 30 marzo 1671Blankenburg, 12 novembre 1747) fu duchessa di Brunswick-Lüneburg come consorte di Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg e nonna materna dell'imperatrice del Sacro Romano Impero Maria Teresa, della regina di Prussia Elisabetta Cristina, della regina di Danimarca Giuliana Maria e dello zar Pietro II di Russia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cristina Luisa era la terza figlia di Alberto Ernesto I di Öttingen (16421683), elevato al rango di principe nel 1674, e della duchessa Cristina Federica di Württemberg (16441674).

La principessa sposò il 22 aprile 1690, ad Aurich, il duca Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg. Cristina Luisa e il marito andarono ad abitare a Blankenburg, appannaggio donato al duca da suo padre.

La contea di Blankenburg venne elevata a principato nel 1707 dall'imperatore Giuseppe I, dopo che una delle figlie di Cristina Luisa venne scelta per divenire la sposa del futuro imperatore Carlo VI.

A Blankenburg Cristina Luisa e Luigi Rodolfo condussero una sfarzosa vita di corte, nella quale la moglie influenzò le scelte personali e politiche del marito. In onore della principessa, nel 1728 venne costruita sulla Calvinusberg una residenza di campagna.

Nel 1735, dopo la morte del consorte, abbandonata Wolfenbüttel, Cristina Luisa fece ritorno a Blankenburg, dove promosse le arti ed il mantenimento e l'ampliamento del castello. Nel castello di Blankenburg s'installò, dopo l'affaire-Katte, Charles Egide Duhan de Jandun, l'ex precettore del principe ereditario Federico di Prussia, ormai caduto in disgrazia presso il re Federico Guglielmo. Solo dopo la morte del sovrano, De Jandun poté far ritorno alla corte prussiana, richiamato da Federico.

Dal matrimonio di Cristina Luisa e di Luigi Rodolfo nacquero quattro figlie femmine, delle quali solo tre raggiunsero l'età adulta. Luigi Rodolfo seppe ben maritare le figlie con degli ottimi partiti e lui e sua moglie divennero nonni di importantissimi sovrani come Maria Teresa d'Austria, Pietro II di Russia e Giuliana, regina di Danimarca.

La duchessa Cristina Luisa è sepolta accanto al marito nel duomo di Braunschweig.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Roger Reckwell, Wolfgang Reimann, Hilde Thoms: Schloss Blankenburg, Krone einer Region. Blankenburg 2007
  • (DE) Sunhild Minkner: Bemerkenswerte Frauen. broschiert, Wernigerode 1999

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]