Convenzione dell'Aia (1907)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Convenzione dell'Aia del 1907, per il fatto di essere stata firmata dopo la I Convenzione, siglata nella medesima città olandese nel 1899, a stretto rigor di logica, dovrebbe essere ricordata come Seconda Convenzione dell'Aia.

Essa svolse i propri lavori fra il 15 giugno e l'8 ottobre 1907, per allargare il campo normativo della originale Convenzione dell'Aia, modificandone tuttavia alcune parti e aggiungendone altre, con un'attenzione particolare rivolta alla guerra navale. Fu firmata il 18 ottobre 1907 ed entrò in vigore il 26 gennaio 1910. Essa consiste di tredici sezioni, dodici delle quali furono ratificate dagli Stati ed entrarono quindi in vigore:

Furono altresì firmate due Dichiarazioni:

  • Dichiarazione I - estensione della Dichiarazione II della Conferenza del 1899 ad altri tipi di velivoli
  • Dichiarazione II - sull'obbligatorietà dell'arbitrato

La delegazione britannica includeva Donald James Mackay, Sir Ernest Satow e Eyre Crowe. La delegazione russa era guidata da Fyodor Martens. La delegazione brasiliana era condotta dallo statista Ruy Barbosa de Oliveira, il cui contributo fu fondamentale per la difesa del principio dell'uguaglianza giuridica delle nazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Sezione XII, mai ratificata, avrebbe inteso creare una Corte internazionale per la soluzione delle controversie riguardanti le prede catturate in mare in periodo di guerra.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]